Code o pettine non è questo il problema.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da CPS Bologna il Lun Mar 14, 2011 12:56 am

Code o pettine non è questo il problema.


Anche all'interno del nostro gruppo si è accesa la discussione code/pettine. Siamo insegnanti del Sud che lavorano al Nord e insegnanti di tutta Italia con progetti di vita indissolubilmente legati ai destini della scuola. Per questo siamo convinti che l'attuale dibattito sull'ennesimo conflitto all'interno del precariato scolastico sia male impostato e di fatto autolesionista. Il conflitto Nord/Sud non esiste perché non è che l’ennesimo riflesso del dramma in cui versa un'area del paese da sempre abbandonata al malgoverno e alla corruzione. Siamo in tanti ad aver dovuto, in ondate migratorie successive, abbandonare la nostra terra in cerca di lavoro. Gli effetti della eliminazione delle code non saranno che una ulteriore ondata migratoria, a riprova che anche questa volta i tagli sono stati disomogenei e penalizzano di nuovo il Sud Italia.
Ma dividerci tra le legittime aspirazioni dei nostri colleghi che vedono il loro progetto di vita devastato dai tagli del governo, ci sembra un favore troppo grande fatto a chi appunto ci vuole governare (il MIUR ma anche i sindacati che si gettano sulla torta dei ricorsi). Non dimentichiamoci che da sempre si è cercato di gestire gli interventi politici sulla scuola mettendo i precari gli uni contro gli altri (tanto per fare un esempio, il conflitto tra gli abilitati SSIS e chi aveva fatto il concorso) e non dimentichiamo che se quest'anno ci scontriamo sul tema code/pettine il prossimo anno sarà la volta delle graduatorie ad esaurimento contro i nuovi abilitati (non sono di oggi le indiscrezioni sulla volontà di costituire un ennesimo “doppio canale”).
Sappiamo bene che qualunque sia la decisione che verrà presa sulle graduatorie, senza un reinvestimento economico sulla scuola e con il proseguimento delle dinamiche degli ultimi due anni (classi sovraffollate, ore eccedenti, ecc.), per noi la prospettiva sarà comunque tremenda. Ci troveremo sempre più scoraggiati, rassegnati e soprattutto sempre più in lotta tra di noi, perché la risoluzione individuale dei problemi (ricorsi pettine, trepuntifici, ecc..) sarà vista sempre più come l'unica possibile. In questo pienamente appoggiati da quei sindacati che devono occuparsi di "gestire la transizione", e che a livello locale si ergono a difensori dei "propri" lavoratori. Così si è riusciti nell'intento di spostare il problema dai tagli alla migrazione interna. Il caro e vecchio principio del divide et impera rivolto ad una categoria già più che divisa e imperata.

A questo punto che cosa possiamo fare?

Se vogliamo trovare una via d'uscita da questo vicolo cieco, dobbiamo sollevarci al di sopra di questo conflitto e ritornare alla causa reale: ovvero i tagli e il progetto di precarizzazione dell'intero sistema scolastico. Lo Stato con noi risparmia (pensionamenti compresi, a settembre ci saranno circa 58000 posti vacanti, 20000 dei quali saranno tagliati. Vedremo quante saranno le assunzioni) e tutte le forze politiche hanno intenzione nel lungo periodo di far scomparire il contratto a tempo indeterminato nella scuola (è il miraggio del modello anglosassone a cui destra e sinistra si sono votati).
Se a tutto questo aggiungiamo che il tema passa nel più totale silenzio mediatico, con l'attenzione focalizzata su altre sciocchezze o su temi anche importanti ma usati in modo strumentale, capiamo come sia necessario fare almeno un tentativo. Provare a far sentire la voce dei precari della scuola: principali destinatari dei progetti di riforma della scuola e dei tagli, ma anche principali assenti nelle mobilitazioni più recenti. Rassegnazione, scoramento, egoismo, forse tutte queste cose insieme o forse nessuna; ma il dato rimane e forse è il caso di provare a focalizzare per una volta l'attenzione sui posti di lavoro che stiamo perdendo e sul fatto che non possiamo pensare di riaverli guardando ognuno al suo orticello, ma solo dimostrandoci compatti e uniti nel pretenderli senza che questo avvenga a scapito di colleghi di altre regioni. Dobbiamo capire che non c'è una soluzione migliore tra quelle prospettate perché ognuna danneggia una parte di noi se non si restituiscono gli otto miliardi alla scuola.
Per questo proponiamo di organizzare uno sciopero nazionale autoconvocato a fine anno con due sole e chiare rivendicazioni: ritiro dei tagli e assunzione in ruolo su tutti i posti vacanti e disponibili. Facciamo per una volta a meno dei sindacati, mostriamo loro che sappiamo anche organizzarci da soli e al governo facciamo vedere che sarà impossibile governare la scuola senza il nostro consenso.

Organizziamo ad aprile un' Assemblea nazionale dei precari e lanciamo questo sciopero

“Facciamo da soli, facciamo presto!”


Coordinamento precari della scuola Bologna
[b][center]

CPS Bologna
Coordinatore
Coordinatore

Femminile Numero di messaggi : 15
Località : Bologna
Ordine scuola : dall'infanzia alle superiori
Organizzazione : L'assemblea del Coordinamento Precari Scuola Bologna
Contributo al forum : 2688
Data d'iscrizione : 10.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Brunello Arborio il Lun Mar 14, 2011 2:09 am

CPS Bologna ha scritto:
Per questo proponiamo di organizzare uno sciopero nazionale autoconvocato a fine anno con due sole e chiare rivendicazioni: ritiro dei tagli e assunzione in ruolo su tutti i posti vacanti e disponibili. Facciamo per una volta a meno dei sindacati, mostriamo loro che sappiamo anche organizzarci da soli e al governo facciamo vedere che sarà impossibile governare la scuola senza il nostro consenso.

[b]Organizziamo ad aprile un' Assemblea nazionale dei precari e lanciamo questo sciopero

Ritengo assolutamente inadeguato e svilito lo strumento dello sciopero, farne un altro è un tentativo di suicidio, già a Marzo ne sono stati fatti due sulla scuola.
Veramente è da tempo che il CPS sta parlando di una assemblea nazionale dei precari il 27 Marzo, adesso voi dite di farla ad Aprile...
avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7201
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da didier il Lun Mar 14, 2011 2:29 am

Vecchia idea mia e di emma quella dello sciopero autoconvocato.

Solo che quando la lanciammo noi la proposta, non c'era all'orizzonte nessuno sciopero e la proposta venne ignorata da tutti.

Ora invece Il CPS-Bologna, dopo essere uscito dal CPS per le motivazioni che noi tutti sappiamo, fa la proposta di fare uno sciopero noi, senza sindacati all'indomani dello sciopero generale indetto dall'USB e nello stesso periodo dello sciopero generale della CGIL?

Secondo me non stiamo facendo tutti lo stesso tipo di lotta.
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4836
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Matteo V il Lun Mar 14, 2011 4:17 pm

didier ha scritto:Vecchia idea mia e di emma quella dello sciopero autoconvocato.

Solo che quando la lanciammo noi la proposta, non c'era all'orizzonte nessuno sciopero e la proposta venne ignorata da tutti.

Ora invece Il CPS-Bologna, dopo essere uscito dal CPS per le motivazioni che noi tutti sappiamo, fa la proposta di fare uno sciopero noi, senza sindacati all'indomani dello sciopero generale indetto dall'USB e nello stesso periodo dello sciopero generale della CGIL?

Secondo me non stiamo facendo tutti lo stesso tipo di lotta.

la propsta è di farlo a fine anno: fine maggio/giugno o sciopero scrutini
quindi con l'intento preciso di saltare (per non sovrapporsi) tutti gli scioperi da marzo a maggio (dal 6 al 12 maggio ci sono già indetti tre scioperi della scuola, controlla il sito della commissione di garanzia. Tra l'altro con il rischio che vengano accorpati dalla commissione per via della legge 140 e quindi è possibile che la flc non possa nemmeno confermare lo sciopero visto che dei tre è l'ultima ad averlo concovato....).
l'anno scorso tra le varie proposte anche noi avevamo avanzato l'idea di tentare lo sciopero autoconvocato, quindi non solo tu e emma...
secondo me tu non hai proprio capito niente del coordinamento di bologna...

avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3424
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Brunello Arborio il Lun Mar 14, 2011 4:36 pm

Matteo V ha scritto:
la propsta è di farlo a fine anno: fine maggio/giugno o sciopero scrutini
quindi con l'intento preciso di saltare (per non sovrapporsi) tutti gli scioperi da marzo a maggio (dal 6 al 12 maggio ci sono già indetti tre scioperi della scuola, controlla il sito della commissione di garanzia. Tra l'altro con il rischio che vengano accorpati dalla commissione per via della legge 140 e quindi è possibile che la flc non possa nemmeno confermare lo sciopero visto che dei tre è l'ultima ad averlo concovato....).
l'anno scorso tra le varie proposte anche noi avevamo avanzato l'idea di tentare lo sciopero autoconvocato, quindi non solo tu e emma...
secondo me tu non hai proprio capito niente del coordinamento di bologna...

L'anno scorso lo sciopero degli scrutini riuscì per l'intervento dei COBAS, se fosse stato solo per il CPS sarebbe stato un flop.
Tra l'altro Matteo, scusami, e senza polemiche, ma prima uscite dal CPS Nazionale poi venite a chiedere uno sciopero autoconvocato. Tra l'altro non ho ben capito perchè chiedete l'assemblea ad Aprile quando come CPS stavamo pensando di convocarne una il 27 Marzo
avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7201
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da didier il Lun Mar 14, 2011 4:37 pm

Matteo V ha scritto:
didier ha scritto:Vecchia idea mia e di emma quella dello sciopero autoconvocato.

Solo che quando la lanciammo noi la proposta, non c'era all'orizzonte nessuno sciopero e la proposta venne ignorata da tutti.

Ora invece Il CPS-Bologna, dopo essere uscito dal CPS per le motivazioni che noi tutti sappiamo, fa la proposta di fare uno sciopero noi, senza sindacati all'indomani dello sciopero generale indetto dall'USB e nello stesso periodo dello sciopero generale della CGIL?

Secondo me non stiamo facendo tutti lo stesso tipo di lotta.

la propsta è di farlo a fine anno: fine maggio/giugno o sciopero scrutini
quindi con l'intento preciso di saltare (per non sovrapporsi) tutti gli scioperi da marzo a maggio (dal 6 al 12 maggio ci sono già indetti tre scioperi della scuola, controlla il sito della commissione di garanzia. Tra l'altro con il rischio che vengano accorpati dalla commissione per via della legge 140 e quindi è possibile che la flc non possa nemmeno confermare lo sciopero visto che dei tre è l'ultima ad averlo concovato....).
l'anno scorso tra le varie proposte anche noi avevamo avanzato l'idea di tentare lo sciopero autoconvocato, quindi non solo tu e emma...
secondo me tu non hai proprio capito niente del coordinamento di bologna...


che non ci capisco niente è una verità.

Quando io ed emma proponemmo uno sciopero autoconvocato non ricordo che ci sia stato un solo post in cui si diceva di essere d'accordo, ma può darsi che ricorda male, che già ci sono 3 scioperi a maggio conferma le mie perplessità a fare un altro sciopero.

Di sciopero degli scrutini io personalmente non ne voglio più sentire parlare.

------------------------------------------------------
didier pavone
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4836
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da didier il Lun Mar 14, 2011 4:41 pm

Brunello Arborio ha scritto:
L'anno scorso lo sciopero degli scrutini riuscì per l'intervento dei COBAS, se fosse stato solo per il CPS sarebbe stato un flop.

L'anno scorso lo sciopero degli scrutini fu co-organizzato dai COBAS.
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4836
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Giuseppe Palatrasio il Lun Mar 14, 2011 6:55 pm

Facciamo al più presto un'assemblea nazionale di tutti i precari e discutiamo e vagliamo in quella sede le proposte di lotta. Nessuno ha la ricetta migliore ma non fare proprio nulla o criticare le proposte degli altri senza prima discuterle apertamente e democraticamente in assemblea mi sembra solo controproducente e può servire solo ad alimentare le solite dinamiche disgregative e i soliti personalismi. Non facciamoci sempre del male!

didier ha scritto:
Brunello Arborio ha scritto:
L'anno scorso lo sciopero degli scrutini riuscì per l'intervento dei COBAS, se fosse stato solo per il CPS sarebbe stato un flop.

L'anno scorso lo sciopero degli scrutini fu co-organizzato dai COBAS.
avatar
Giuseppe Palatrasio
Assiduo/a
Assiduo/a

Maschile Numero di messaggi : 65
Località : Milano
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Coordinamento 3 ottobre
Contributo al forum : 3253
Data d'iscrizione : 20.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Brunello Arborio il Lun Mar 14, 2011 8:37 pm

Giuseppe Palatrasio ha scritto:Facciamo al più presto un'assemblea nazionale di tutti i precari e discutiamo e vagliamo in quella sede le proposte di lotta. Nessuno ha la ricetta migliore ma non fare proprio nulla o criticare le proposte degli altri senza prima discuterle apertamente e democraticamente in assemblea mi sembra solo controproducente e può servire solo ad alimentare le solite dinamiche disgregative e i soliti personalismi. Non facciamoci sempre del male!

Il CPS Terni concorda sulla necessità di fare l'assemblea, io sono piuttosto scettico, comunque se l'esigenza è questa si faccia il 27 Marzo come era stato stabilito, spero che Bologna non ponga difficoltà sulla data. Spero però che le cose vadano diversamente dall'anno passato, in cui l'adesione allo sciopero degli scrutini creò solo polemiche a non finire; quest'anno, se si deciderà di puntare sullo sciopero degli scrutini, credo che ogni CPS debba essere lasciato libero di decidere autonomamente. Ribadisco che sono fortemente scettico su uno sciopero degli scrutini senza sindacati, bisogna coinvolgere almeno i COBAS se si sceglierà questa strada. Concordo che l'assemblea del 27 deve essere di tutti i precari, diventa quindi indispensabile invitare, oltre a LAS e precari di area COBAS e USB, anche dei rappresentanti del coordinamento precari FLC. Spero che anche su questo non ci siano difficoltà.
avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7201
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da mariapia il Mer Mar 16, 2011 11:06 pm

sinceramente quando si parla di POSTI vacanti e disponibili non riesco a capire di cosa parliate.
Qui in Sicilia i TAGLI sono micidiali.
Coloro che hanno ESTREMO bisogno di sopravvivere se ne andranno.
Gli altri rimarranno con molta probabilità, almeno i più anziani.....

Un precario anziano che va via non ha assolutamente più alcuna speranza di ricongiungersi alla propria famiglia.
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6490
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Vincenzo il Gio Mar 17, 2011 2:53 pm

mariapia ha scritto:sinceramente quando si parla di POSTI vacanti e disponibili non riesco a capire di cosa parliate.
Qui in Sicilia i TAGLI sono micidiali.
Coloro che hanno ESTREMO bisogno di sopravvivere se ne andranno.
Gli altri rimarranno con molta probabilità, almeno i più anziani.....

Un precario anziano che va via non ha assolutamente più alcuna speranza di ricongiungersi alla propria famiglia.

Straquoto Mariapia, ma di che posti vacanti e disponibili si parla? alle superiori dal prossimo anno andrà a regime la riforma delle superiori che si abbatterà inesorabilmente sui precari, già dallo scorso anno in moltissime classi di concorso si sono registrati decine di docenti soprannumerari divenuti d.o.p. dal prossimo anno se ne aggiungeranno altri e di conseguenza per i precari non resteranno neanche spezzoni orari disponibili.

LA RIDUZIONE ORARIA E LA COSTITUZIONE DEGLI ORGANICI sono le conseguenze dei tagli, faccio presente che dal prossimo a.s. ci sarà anche l'accorpamento delle c.d.c. che sconvolgerà ulteriormente le graduatorie, e che determinerà ancora divisioni tra i precari e non solo, perchè investirà anche i colleghi di ruolo che perderanno la titolarità.

Penso che la battaglia debba essere orientata per l'abrogazione della riforma che è figlia dei nostri mali anche perchè la madre è sempre lei LA 133/08 VOLUTA DA TREMONTI !
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4017
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da mariapia il Gio Mar 17, 2011 6:44 pm

il problema comunque è ARDUO da affrontare!
Se non cambiamo interlocutore al GOVERNO non abbiamo dove andare!.....
Quegli avvoltoi ce lo hanno dimostrato sul campo che fanno TUTTO quello che VOGLIONO LORO!

A Giacomo ad Anno Zero non lo avete visto con che ARIA di SUFFICIENZA lo ha trattato quel """""""di Tremonti?

La battaglia è POLITICA.

Questo è UNO dei tanti motivi che ci dovrebbe vedere UNITI ma purtroppo così non è.....
PREVALE LA cosidetta "PAGNOTTA" per sè..............

vi ricordo che io faccio parte del nutrito gruppo di maestre di scuola primaria SENZA abilitazione nella lingua INGLESE...COSA che ci impedirà di LAVORARE.

Quello S""""""O di Chiappetta ci ha mandato una risposta MOOOOOOLTO intelligente.

Se ne stanno fregando ALLA GRANDE di noi!

Non solo ma anche la FLCGIL sembra IGNORARE il problema!...
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6490
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da eddie il Sab Mar 19, 2011 6:21 am

possiamo veramente aspettare la fine dell'anno scolastico? No, perche' a giugno i tagli saranno gia' in viaggio verso le nostre abitazioni!
Tutte le mobilitazioni servono e vanno fatte, ma dobbiamo muoverci e in fretta. Cavolo sono gia' usciti i tagli ripartiti per regione e noi pensiamo a giugno.
Non ci siamo.
Servono iniziative forti ora che ci sono i tempi per trattare. A meta'maggio gli usp ci confermano le classi attivate e decino quanti di noi saltano!!
Ripeto, dobbiamo muoverci adesso.
Noi stiamo ripartendo a ravenna e abbiamo inziative. Lanciamo un appello a tutti i territori affinche' venga rilanciata la protesta da subito.
Sono due anni che aspettiamo di bloccare i tagli, e' ora di dire basta in MANIERA PIU' DECISA E CONVINCENTE
avatar
eddie
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 590
Località : Cesena
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Flc Cgil Ravenna
Contributo al forum : 3838
Data d'iscrizione : 15.03.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da mariapia il Sab Mar 19, 2011 1:59 pm

Davvero non so come potremmo rilanciare la mobilitazione!
Non abbiamo ottenuto niente e la gente è molto demoralizzata.

Cosa rispondi se qualcuno ti dice che "TANTO.......non cambia nulla"?
Il personale di ruolo è sempre stato demotivato alla partecipazione.
Occorrerebbero una SERIE di assemblee MOTIVANTI scuola per scuola,ma questo lo può fare solo il sindacato.
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6490
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Code o pettine non è questo il problema.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum