Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 24, 2010 6:08 pm

antonella vaccaro ha scritto:del prete non ti consento di mettere in discussione la serietà del cps e di questo forum

pesa le parole prima di scrivere
Provo a raffreddare un po' gli animi:
1) Nessuno ha mai parlato di unanimità; Antonino probabilmente ha letto male (gli chiedo conferma) un mio post nel quale dico «la decisione dello sciopero degli scrutini è stata presa unitariamente» scambiando «unitariamente» con «unanimemente».
2) Per i colleghi esterni al CPS: penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli; inoltre, sapete benissimo che dentro il CPS molti comitati locali hanno fatto dello sciopero degli scrutini la propria battaglia e non da ora. Penso che non torni utile a nessuno forzare continuamente affinchè il forum si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di Napoli.

Ciao a tutti.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da didier il Mer Mar 24, 2010 6:20 pm

Alessandro Piccolo ha scritto:Provo a raffreddare un po' gli animi:
1) Nessuno ha mai parlato di unanimità; Antonino probabilmente ha letto male (gli chiedo conferma) un mio post nel quale dico «la decisione dello sciopero degli scrutini è stata presa unitariamente» scambiando «unitariamente» con «unanimemente».
2) Per i colleghi esterni al CPS: penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli; inoltre, sapete benissimo che dentro il CPS molti comitati locali hanno fatto dello sciopero degli scrutini la propria battaglia e non da ora. Penso che non torni utile a nessuno forzare continuamente affinchè il forum si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di Napoli.

Ciao a tutti.
Si potrebbe apprezzare l'intento e si sa benissimo come ho fortemente criticato il cps per certe sue decisioni, il post dove brunello dice che non faccio parte del cps è ancora lì.

Ma mi vuoi trovare una serie di topic dove più di un collega chiede di scrivere un documento contro lo sciopero???

Perchè si continua su questa falsa riga?? Veramenete non capisco??

Ma quali sono gli scopi di questa campagna??

Il CPS è a pezzi, è questo è un dato di fatto, a meno che non si faccia a mia insaputa, nessuno dei coordinatori è in contatto costante per stabilire strategie o scrivere documenti, ma questo non vuol dire che abbia bisogno, almeno in questo momento, di altri colpi bassi.

Per quanto mi riguarda, così la smettete, possiamo anche chiuderlo sto cps, nel forum scriveremo: questo è il forum di emma e gialov, due noti galoppini cgil, e così ci mettiamo tutti il cuore in pace.

Very Happy Very Happy
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4840
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da luigidelprete il Mer Mar 24, 2010 6:36 pm

antonella vaccaro ha scritto:

infine fai una cortesia a tutti evita di dire che il pil di palermo e i precari di area cobas sono 2 cose diverse perchè non lo sono

di serietà potremmo parlarne all'infinito


Mi dispiace ma è così, anche i precari cobas quando fanno un comunicato ci chiedono se possono inserire il Pil di Palermo,la cosa non è automatica. Ti deve rassegnare!!! Finchè ci saremo io, Barbara ed altri sarà così.

Comunque porgo le mie scuse ad Alessandro, seguiremo la discussione sul forum senza intervenire in alcun modo. Ma è giusto che si sappia che siete seguiti con molto interesse!! Proseguite
avatar
luigidelprete
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 426
Località : Palermo
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Precari della scuola in lotta
Contributo al forum : 3392
Data d'iscrizione : 31.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 24, 2010 6:40 pm

luigidelprete ha scritto:

Comunque porgo le mie scuse ad Alessandro, seguiremo la discussione sul forum senza intervenire in alcun modo. Ma è giusto che si sappia che siete seguiti con molto interesse!! Proseguite
Continuate a seguirci e a collaborare.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da didier il Mer Mar 24, 2010 8:08 pm

luigidelprete ha scritto:
antonella vaccaro ha scritto:

infine fai una cortesia a tutti evita di dire che il pil di palermo e i precari di area cobas sono 2 cose diverse perchè non lo sono

di serietà potremmo parlarne all'infinito


Mi dispiace ma è così, anche i precari cobas quando fanno un comunicato ci chiedono se possono inserire il Pil di Palermo,la cosa non è automatica. Ti deve rassegnare!!! Finchè ci saremo io, Barbara ed altri sarà così.

Comunque porgo le mie scuse ad Alessandro, seguiremo la discussione sul forum senza intervenire in alcun modo. Ma è giusto che si sappia che siete seguiti con molto interesse!! Proseguite

perchè non rispondete tu e alessandro ai miei quesiti, oltre a quello che può considerarsi uno sfogo.

Caro del prete, prima fai accuse pesanti, poi rispondi solo in parte a quello che ti conviene e ti defili?

Vorrei proprio vedere se ad esempio colleghi amministratori e coordinatori, segnalati come molto vicini alla cgil avessero prima dichiarato che non avrebbero più scioperato e poi dopo pochi giorni invece si fossero accodati al sindacato che indiceva lo sciopero? Altro che sottoposti! chissà come li avreste chiamati!

Gli amministratori hanno promesso di non censurare, quindi dite con nomi e cognomi chi secondo te, piccolo o manuel vuole boicottare sto cavolo di sciopero??

Senza ipocrisie, dai! siamo o no tutti dei rivoluzionari??
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4840
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 24, 2010 8:14 pm

Ribadisco quello che ho scritto due interventi fa: «penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli». Con questo per me la discussione è chiusa. Penso che chi abbia veramente a cuore lo sciopero degli scrutini debba chiudere qui la discussione.

Ciao

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da mariapia il Mer Mar 24, 2010 8:41 pm

Antonino Buonamico ha scritto:Emma non è certo della cgil, puoi dirlo di Maria Pia o di Gialov che lo sono dichiaratamente, ma non di Emma.


non ho capito a chi stai rispondendo e su cosa ma vorrei solo dire che:
-non sono sottoposta a NESSUNO tanto per cominciare!
-mi piace essere sincera perciò mi scocciano le persone che,invece,al contrario di me giocano a carte "coperte".

Se i precari cobas ed i precari in lotta hanno i numeri facciano pure lo sciopero degli scrutini,lo facciano indire ai cobas(non bastano loro ad essere affidabili????)

E inoltre....mentre la sottoscritta partecipa agli scioperi di tutto e di tutti (ero al corteo con gli studenti ed i cobas e dopo siamo andati alla flcgil) ci sono coloro che partecipano solo ad un tipo di manifestazioni portando allegramente la bandiera in cui "credono" e che non è della CGIL nè del CPS e che hanno la sfacciataggine di dire che non sono "sottoposti".

A buon intenditor poche parole......

vogliamo fare lo sciopero degli scrutini????
Facciamolo per DIO.
Poi vedrete quanti saremo?
Ma di che parliamo per favore!!!!!
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6494
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da antonella vaccaro il Mer Mar 24, 2010 10:02 pm

Alessandro Piccolo ha scritto:
antonella vaccaro ha scritto:del prete non ti consento di mettere in discussione la serietà del cps e di questo forum

pesa le parole prima di scrivere
Provo a raffreddare un po' gli animi:
1) Nessuno ha mai parlato di unanimità; Antonino probabilmente ha letto male (gli chiedo conferma) un mio post nel quale dico «la decisione dello sciopero degli scrutini è stata presa unitariamente» scambiando «unitariamente» con «unanimemente».
2) Per i colleghi esterni al CPS: penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli; inoltre, sapete benissimo che dentro il CPS molti comitati locali hanno fatto dello sciopero degli scrutini la propria battaglia e non da ora. Penso che non torni utile a nessuno forzare continuamente affinchè il forum si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di Napoli.

Ciao a tutti.


caro alessandro se il tuo intento è quello di raffreddare gli animi non ci sei riuscito affatto e non ci riuscirai finchè continuate a dire il falso
ti rigiro la domanda di didier

dove è scritto che si sta forzando il forum affinchè si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di napoli ??

ho capito cosa volete x essere contenti che tutti scrivano
siiiiiiiiiiiiiii faremo lo sciopero degli scrutini!!
chi ti scrive questo molto probabilmente non sta nemmeno provando a costruirlo, è molto più onesto chi ti dice : stiamo lavorando attraverso assemblee x vedere se riusciamo a mobilitare il comparto scuola e portarlo verso lo sciopero degli scrutini
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 45
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6172
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da antonella vaccaro il Mer Mar 24, 2010 10:05 pm

luigidelprete ha scritto:
antonella vaccaro ha scritto:

infine fai una cortesia a tutti evita di dire che il pil di palermo e i precari di area cobas sono 2 cose diverse perchè non lo sono

di serietà potremmo parlarne all'infinito


Mi dispiace ma è così, anche i precari cobas quando fanno un comunicato ci chiedono se possono inserire il Pil di Palermo,la cosa non è automatica. Ti deve rassegnare!!! Finchè ci saremo io, Barbara ed altri sarà così.

Comunque porgo le mie scuse ad Alessandro, seguiremo la discussione sul forum senza intervenire in alcun modo. Ma è giusto che si sappia che siete seguiti con molto interesse!! Proseguite


luigi la tua ultima frase sembra una minaccia. maronna mia che paura ci osservano

dai luigi ma stai facendo sul serio?? ma li leggi i post ???
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 45
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6172
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 24, 2010 10:23 pm

antonella vaccaro ha scritto:
Alessandro Piccolo ha scritto:
antonella vaccaro ha scritto:del prete non ti consento di mettere in discussione la serietà del cps e di questo forum

pesa le parole prima di scrivere
Provo a raffreddare un po' gli animi:
1) Nessuno ha mai parlato di unanimità; Antonino probabilmente ha letto male (gli chiedo conferma) un mio post nel quale dico «la decisione dello sciopero degli scrutini è stata presa unitariamente» scambiando «unitariamente» con «unanimemente».
2) Per i colleghi esterni al CPS: penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli; inoltre, sapete benissimo che dentro il CPS molti comitati locali hanno fatto dello sciopero degli scrutini la propria battaglia e non da ora. Penso che non torni utile a nessuno forzare continuamente affinchè il forum si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di Napoli.

Ciao a tutti.


caro alessandro se il tuo intento è quello di raffreddare gli animi non ci sei riuscito affatto e non ci riuscirai finchè continuate a dire il falso
ti rigiro la domanda di didier

dove è scritto che si sta forzando il forum affinchè si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di napoli ??

ho capito cosa volete x essere contenti che tutti scrivano
siiiiiiiiiiiiiii faremo lo sciopero degli scrutini!!
chi ti scrive questo molto probabilmente non sta nemmeno provando a costruirlo, è molto più onesto chi ti dice : stiamo lavorando attraverso assemblee x vedere se riusciamo a mobilitare il comparto scuola e portarlo verso lo sciopero degli scrutini
Ragazzi stiamo perdendo la calma: la frase che ho messo in evidenza era il punto 2 del mio intervento ed era rivolto ai colleghi esterni al CPS (rileggete bene, per favore) e mi riferivo a chi dall'esterno interviene insistendo affinchè il forum contraddica l'assemblea.

Per comodità riscrivo qui sotto tutto il mio intervento in questione:

Provo a raffreddare un po' gli animi:
1) Nessuno ha mai parlato di unanimità; Antonino probabilmente ha letto male (gli chiedo conferma) un mio post nel quale dico «la decisione dello sciopero degli scrutini è stata presa unitariamente» scambiando «unitariamente» con «unanimemente».
2) Per i colleghi esterni al CPS: penso che vada valorizzato l'intento più volte dichiarato da tutti in questo forum di rispettare la decisione dell'assemblea di Napoli; inoltre, sapete benissimo che dentro il CPS molti comitati locali hanno fatto dello
sciopero degli scrutini la propria battaglia e non da ora. Penso che non torni utile a nessuno forzare continuamente affinchè il forum si esprima in controtendenza rispetto all'assemblea di Napoli.

Ciao a tutti.

Questo è quello che avevo scritto.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da mariapia il Mer Mar 24, 2010 10:25 pm

Da Luigi vorrei sapere nella sua scuola ache punto è la "mobilitazione".....e sei pregato di rispondere "grazie".
Nella mia spero di far partire una iniziativa al più presto.
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6494
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da luigidelprete il Gio Mar 25, 2010 12:52 am

Il Liceo Artistico Catalano ha visto il 12 Marzo lo sciopero di 30 docenti, rappresenta la scuola di Palermo che ha scioperato di più!Se se solo la metà di loro sciopererà per gli scrutini la scuola si ferma! Noi puntiamo ai docenti che hanno più classi(diritto, storia dell'arte, discipline di indirizzo),la loro assenza determinerebbe lo slittamento di tutti.
Comunque venerdì faremo presidio al Csa alle 15,sarà partecipato,porta un rotolo di carta igienica!
avatar
luigidelprete
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 426
Località : Palermo
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Precari della scuola in lotta
Contributo al forum : 3392
Data d'iscrizione : 31.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da didier il Gio Mar 25, 2010 12:31 pm

Secondo me con sto sciopero si continua a fare una tempesta in un bicchier d'acqua.

Se si potesse realmente bloccare gli scrutini allora tutte le discussioni sul si o sul no avrebbero un senso, ma con massimo due giorni di slittamento solo per le classi non terminali, i genitori non se ne accorgerebbero nemmeno, forse per i docenti sarebbe un po una rottura, ma bisognerebbe vedere in che forma si dovrebbe svolgere; nel senso uno può starsene a casa e telefonare dicendo che è in sciopero, oppure come si faceva parecchi anni fa, ci si deve presentare cmq e poi dichiarare che lo scrutinio non si può svolgere per lo sciopero?

I "rivoluzionari del bicchiere" invece di lanciare continui improperi su chi ha dubbi di questo tipo perchè non provassero a spiegare realmente come si dovrebbe svolgere sto sciopero? Sennò anche volendo cosa si promoziona?

Ve la siete letta bene la normativa sugli scioperi o si parla tanto per parlare? Il sottoscritto con emma quando avevamo l'illusione di provare a convincere il cps ad indire uno sciopero autonomo si sono letti la normativa per intero.

E allora rinnovo l'invito a spiegare bene tecnicamente come si dovrebbe svolgere sto sciopero, sennò è solo propaganda di chi vi ha detto, intanto urlate sciopero degli scrutini e poi aspettate i ns ordini!!
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4840
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Stefano Micheletti il Gio Mar 25, 2010 5:51 pm

dalla mailing-list precariscuolaveneto

Si possono indire - secondo la legge 146 - solo due giornate di sciopero consecutive dell'intera giornata, non esiste più lo sciopero orario per le attività non didattiche, esiste solo lo sciopero dell'intera giornata o lo sciopero della prima e/o ultima ora di lezione.

Quindi potrebbero essere indette due giornate di sciopero per il 10 e 11 giugno, dove le lezioni terminano il 9 giugno.

[...]

Ogni collega deve controllare a scuola sua per quando sono stati - nel piano annuale delle attività - fissati gli scrutini e fare
casino se sono stati fissati prima del termine delle lezioni. Sono escluse le classi terminali (quelle che hanno esame di stato) perchè c'è la deroga

[...]

Ogni collega deve pure fare casino - diffide od altro - se il DS sposta le date degli scrutini ad esempio dopo il 10 e 11 giugno per aggirare (facendo attività antisindacale penalmente perseguibile) gli eventuali due giorni di sciopero.

Se nelle due giornate del 10 e 11 si sciopera in uno solo per consiglio si bloccano tutti gli scrutini ed è un bel casino... vedete bene che in ogni consiglio ci sono quanti docenti? otto, nove? Quindi basta che un decimo della categoria scioperi per bloccare tutto.

Certo gli scrutini delle classi bloccate devono essere fatti improrogabilmente entro cinque giorni, ma si arriva a ridosso degli esami, delle collegiali di insediamento delle commissioni d'esame, etc....

[...]

Anche se si potrebbe (come già stato fatto in passato) attuare forme di protesta simboliche, come raccogliere davanti agli USR copie (falsi) di registri e ferne un falò in segno di protesta per eventuali provvedimenti che il ministero potrebbe prendere per fare gli scrutini (DS trasformati in commissari ad acta che fanno gli scrutini da soli per tutte le classi... è successo nel 1988 dopo tutto un anno di blocco degli scrutini (non c'era la 146 allora).

Dopo pasqua feremo un specie di vademecum con tutte le indicazioni.

ciao
stefano micheletti venezia

***TESTO MODIFICATO DALL'AMMINISTRATORE (gialov)***
avatar
Stefano Micheletti
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 225
Località : Venezia
Ordine scuola : Secondaria II gr. (Liceo Artistico)
Organizzazione : Rete Organizzata Docenti e Ata precari del Veneto
Contributo al forum : 3574
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da didier il Gio Mar 25, 2010 5:55 pm

Questo va bene come situazione generale, ma mancano informazioni di carattere specifico.

P.S -->Sono più che mai convinto che la censura fatta a persone in carne ed ossa che magari offendono altre persone in carne ed ossa che scrivono in questo forum danneggi sia il forum che l'intero CPS, dando argomenti a chi dice che in questo forum non si è democratici.

E dire che avevi promesso che non avresti censurato.


Ultima modifica di ddr67 il Gio Mar 25, 2010 6:26 pm, modificato 1 volta
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4840
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Gio Mar 25, 2010 6:20 pm

Prego i colleghi tutti di intervenire inserendo solo proposte di azioni che rientrano nella legalità.

Ricordo a tutti che gli amministratori sono responsabili davanti alla legge come i direttori dei quotidiani, e che siamo tutti volontari, qui dentro, ed è meglio evitare i guai.

Grazie per la comprensione.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da didier il Gio Mar 25, 2010 6:34 pm

Ma non si poteva solo togliere le singole parole in modo da capirne il senso?
avatar
didier
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1747
Località : Catania
Ordine scuola : Secondaria di II grado
Organizzazione : RETE PRECARI SCUOLA SICILIA
Contributo al forum : 4840
Data d'iscrizione : 17.07.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Gio Mar 25, 2010 6:46 pm

x Didier:
io non ho mai censurato nessuno, e comunque mi si accusa di averlo fatto. A questo punto, che lo faccia o meno è assolutamente indifferente, nell'opinione dei miei accusatori.

Prima sono intervenuto da moderatore: vi potevano essere istigazioni ad azioni non legali, nel testo che ho cambiato. Se qualcuno ci tiene, ad avere il testo originale, se lo faccia spedire da Stefano come messaggio privato. In ogni caso il testo rivisto è più che comprensibile.

Ragazzi, ci leggono: stiamo attenti, per favore!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Emma Giannì il Gio Mar 25, 2010 6:58 pm

mah.....Però in galera forse me la passerei meglio Rolling Eyes Very Happy
avatar
Emma Giannì
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2680
Località : SCIACCA(AG)
Ordine scuola : Secondaria A029-A030
Organizzazione : Rete Precari Scuola Agrigento
Tesserata CGIL
Contributo al forum : 6187
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da mariapia il Gio Mar 25, 2010 8:59 pm

luigidelprete ha scritto:Il Liceo Artistico Catalano ha visto il 12 Marzo lo sciopero di 30 docenti, rappresenta la scuola di Palermo che ha scioperato di più!Se se solo la metà di loro sciopererà per gli scrutini la scuola si ferma! Noi puntiamo ai docenti che hanno più classi(diritto, storia dell'arte, discipline di indirizzo),la loro assenza determinerebbe lo slittamento di tutti.
Comunque venerdì faremo presidio al Csa alle 15,sarà partecipato,porta un rotolo di carta igienica!

a domani.
avatar
mariapia
Coordinatore
Coordinatore

Numero di messaggi : 2772
Età : 61
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Palermo e neoiscritta Flcgil
Contributo al forum : 6494
Data d'iscrizione : 05.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da manuel il Ven Mar 26, 2010 6:13 pm

Rassegna stampa del Coordinamento Precari della Scuola di Modena

Il
Resto del Carlino (edizione Modena) 26/03/2010 Pag. 17

Scuola, i
precari raccolgono le firme
"Vogliamo lo sciopero degli scrutini"
Ancora
scettici i sindacati.
Incontro fra docenti e provveditore

Modena.
Scuola, precari infuriati

http://www.viaemilianet.it/rssmo.php?id=5127

http://www.orizzontescuola.it/node/5465
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4943
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da manuel il Ven Mar 26, 2010 6:13 pm

l'argomento scrutini in questo forum è poco seguito... mi domando perchè...
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4943
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Da Venezia: sugli scioperi nel periodo degli scrutini

Messaggio Da Stefano Micheletti il Ven Mar 26, 2010 7:02 pm

Ieri 25 marzo si è tenuta a Mestre la riunione della Rete Organizzata Docenti e Ata Precari della provincia di Venezia.

Non eravamo moltissimi, ma abbiamo discusso concretamente di cosa fare nelle prossime settimane per cercare di costruire una conflittualità che ci conduca ad una fine d'anno movimentata, visto il vero e proprio massacro di posti di organico docente e ata in attuazione alla seconda puntata di quanto prevede l'art. 64 della legge 133 (con i nuovi ordinamenti delle superiori che intendono attuare anche se non è concluso l'iter dei Regolamenti).

Hanno partecipato anche M. Laura e Gianluca di Padova, quindi abbiamo coordinato anche con Padova le iniziative.

Si è deciso di avviarsi verso le due giornate di sciopero in coincidenza degli scrutini finali che, (non sappiamo se altri lo faranno) i Cobas hanno dichiarato di indire.

Tali due giornate di sciopero - assolutamente conformi alla legge 146/90 sulla regolamentazione del diritto di sciopero (che non finiremo mai di chiamare legge liberticida e anticostituzionale) - avranno la possibilità di creare un bel casino a ridosso delle scadenze di fine d'anno, scrutini ed esami compresi.

Gli scrutini (fuorchè quelli delle terze medie e quinte superiori che non possono essere bloccati e che di solito comunque si fanno, in deroga alla normativa, prima della fine delle lezioni) che capiteranno dentro queste due giornate di sciopero salteranno (basta che uno solo scioperi perchè il collegio non sia più "perfetto") e venga riconvocato almeno entro cinque giorni.

Si è decido di indire per martedì 20 aprile una assemblea provinciale dei precari della provincia di Venezia (probabilmente il pomeriggio in una sala pubblica a Mestre), per discutere ed organizzare materialmente la cosa.

Per propagandare tale assemblea si pensava anche di rilanciare i "picchetti precari" - volantinaggi davanti alle scuole superiori, per fare informazione anche rivolta agli studenti -.

A tale assemblea ovviamente si pensava di invitare anche le OO.SS., i coordinamenti dei genitori e le associazioni studentesche.

Si è valutato positivamente la ripresa della protesta da parte dei genitori (a Venezia soprattutto da parte di scuole elementari e medie, mentre a Padova anche delle superiori) sulla questione della "scuola a rotoli" di fronte ai tagli sui bilanci.
Importante creare una sinergia con i genitori e confrontarsi con loro sulla questione della forma di lotta dello sciopero nel periodo degli scrutini.

Non è esclusa l'organizzazione di presidi e volantinaggi all'USR, magari legato anche alla uscita degli organici che quest'anno rappresenteranno un vero massacro (anche alle superiori, l'anno scorso graziate in parte).

I Cobas poi organizzeranno una assemblea in orario di lavoro nelle prossime settimane a Mestre, anche se si tratta sempre di una scommessa, perchè ai cobas (in realtà ai lavoratori che non ne possono usufruire) è stato tolto il diritto d'assembla in orario di lavoro, quindi la partecipazione sarà limitata a chi avrà l'autorizzazione da parte del preside con permesso. A questa assemblea si parteciperà.

Si è deciso di rivolgere ai precari delle altre province del Veneto la proposta di fare assemblee provinciale, alle quali parteciperemo con una delegazione, per discutere di tali proposte.

Invitiamo tutti ad intraprendere, nella propria scuola, assieme ai colleghi di ruolo disponibili ... e ce ne sono in molte situazioni più dei precari ... un lavoro di ricognizione (con raccolta di firme nero su bianco) di chi è disponibile a scioperare in questi due giorni (basta naturalmente uno per consiglio di classe, così si potrebbe anche dividere i soldi della trattenuta), facendo una mappa degli scrutini che si possono bloccare in quei due giorni.
Naturalmente il collega non può essere sostituito, in quanto è attività antisindacale e il preside sarebbe perseguibile penalmente.

E' necesario anche verificare nel Piano Annuale delle Attività delle scuola, quando sono fissati gli scrutini (devono essere fissati - a parte quelli delle classi finali - dopo la fine delle lezioni, altrimenti è illegale e bisogna denunciare).
E' necessario vigilare che il preside, una volta indetto lo sciopero, non sposti le date per aggirarlo - è illegale e perseguibile come attività antisindacale.

Si invitano anche i colleghi della scuola dell'infanzia e della primaria a verificare - scioperando i primi due gg. dopo la fine delle lezioni (per il Veneto sarebbe il 10 e 11 giugno) - quali attività di fine anno sarebbero bloccate. E' evidente che questo sciopero inciderà più alla secondaria di primo e secondo grado, che alla primaria, ma dobbiamo coinvolgere in qualche forma anche i colleghi di elementari e materne.

ciao

Stefano Micheletti
Venezia
avatar
Stefano Micheletti
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 225
Località : Venezia
Ordine scuola : Secondaria II gr. (Liceo Artistico)
Organizzazione : Rete Organizzata Docenti e Ata precari del Veneto
Contributo al forum : 3574
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da aletheia76 il Ven Mar 26, 2010 8:19 pm

manuel ha scritto:l'argomento scrutini in questo forum è poco seguito... mi domando perchè...

sei pagine di forum e ti pare poco seguìto?
avatar
aletheia76
Esperto/a
Esperto/a

Femminile Numero di messaggi : 229
Località : Roma
Ordine scuola : Secondaria I e II gr
Organizzazione : Cps Roma
Contributo al forum : 3199
Data d'iscrizione : 01.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Ven Mar 26, 2010 10:32 pm

Nel corso dell'assemblea del CPS-Catania che si è svolta oggi è stato elaborato questo documento ufficiale del nostro coordinamento sullo sciopero degli scrutini, ispirato alle conclusioni dell'assemblea di Napoli, che offriamo alla riflessione di tutti i colleghi.

*****

Di fronte all'ostinata indifferenza del governo verso le proteste dei lavoratori della scuola contro la politica dei tagli e di distruzione del sistema di formazione pubblico, il movimento dei precari della scuola, nelle sue varie articolazioni, sta portando avanti a livello nazionale con grande determinazione una campagna di boicottaggio degli scrutini di giugno.

Il blocco degli scrutini tradizionale è stato una forma di lotta molto radicale e molto efficace, che in passato ha dato grande forza e visibilità alle rivendicazioni dei lavoratori della scuola. La gravità dell'attacco sferrato oggi dal governo alla scuola statale (l'unica veramente pubblica) renderebbe più che mai necessario il ricorso a forme di protesta radicali come il blocco degli scrutini. Purtroppo, però, questa forma di lotta è stata messa fuori legge nel 1990.

Tuttavia è ancora possibile mettere in pratica azioni che vadano al cuore della burocrazia scolastica, inceppandone momentaneamente gli ingranaggi. La soluzione è lo sciopero degli scrutini, cioè uno sciopero tradizionale indetto per due giorni - nel rispetto della vigente normativa sindacale - in concomitanza con lo svolgimento degli scrutini in modo da farne slittare lo svolgimento, che sfata il falso mito dell'intoccabilità degli scrutini.

Quando i lavoratori della scuola scioperano, a differenza dei lavoratori delle fabbriche, non bloccano la produzione, non creano un danno materiale immediato. Lo sciopero dei lavoratori della scuola ha un altissimo valore politico anche se puramente simbolico; lo sciopero degli scrutini esprime un contenuto politico più radicale e restituisce l'idea di una più decisa volontà di opposizione alle politiche scolastiche del governo. Lo sciopero è oggi l'ultima arma rimasta in mano ai lavoratori e lo sciopero degli scrutini è la forma di sciopero più radicale che si possa oggi mettere in campo in ambito scolastico.

Esistono dei precedenti incoraggianti: il 3 e 4 febbraio scorsi a Genova i lavoratori della scuola hanno fatto slittare di due giorni lo svolgimento degli scrutini aderendo ad uno sciopero provinciale indetto dai COBAS; in molte città d'Italia il 12 marzo scorso i lavoratori della scuola che hanno aderito allo sciopero, là dove era previsto che si svolgessero gli scrutini, ne hanno determinato lo slittamento. Nessun lavoratore che sciopera può essere sostituito. Nessun lavoratore che sciopera può essere perseguito in alcun modo. Inoltre, si dice spesso con uno slogan molto eloquente «senza bidelli non si aprono i cancelli»; appare evidente a tutti quanto sia importante in questo senso il ruolo dei colleghi del personale ATA in questa lotta.

Un'iniziativa come questa va preparata con grande cura; non è possibile aspettare passivamente lo sciopero degli scrutini, ma questo deve essere lo sbocco di un periodo lungo di mobilitazione. E' indispensabile arrivare alla fine dell'anno scolastico con un livello altissimo di mobilitazione nelle scuole. Perciò crediamo che si debba da subito mettere in campo tutte le forme di mobilitazione a nostra disposizione, assemblee, picchetti davanti alle scuole, volantinaggi, mozioni dei collegi dei docenti, che contribuiscano a surriscaldare il clima nelle scuole.

Perciò chiediamo ai sindacati e alle RSU di mettere in pratica tutte le azioni necessarie a creare uno stato di agitazione permanente nelle scuole e soprattutto chiediamo loro che vigilino sul rispetto della legalità scolastica onde evitare azioni, come ad esempio l'anticipo degli scrutini a prima della fine dell'anno scolastico, volte a neutralizzare un eventuale sciopero degli scrutini.

Infine chiediamo a tutti i colleghi di partecipare assieme a noi alla costruzione dello sciopero degli scrutini.


Coordinamento Precari Scuola - Catania

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da manuel il Sab Mar 27, 2010 3:39 am

almeno cita la legge del 90 come 146/90 firmata dai sindacati confederali
non basta dire 90, ma 146/90 che limita il diritto di sciopero
cerchiamo di essere precisi

Alessandro Piccolo ha scritto:
Nel corso dell'assemblea del CPS-Catania che si è svolta oggi è stato elaborato questo documento ufficiale del nostro coordinamento sullo sciopero degli scrutini, ispirato alle conclusioni dell'assemblea di Napoli, che offriamo alla riflessione di tutti i colleghi.

Il blocco degli scrutini tradizionale è stato una forma di lotta molto radicale e molto efficace, che in passato ha dato grande forza e visibilità alle rivendicazioni dei lavoratori della scuola. La gravità dell'attacco sferrato oggi dal governo alla scuola statale (l'unica veramente pubblica) renderebbe più che mai necessario il ricorso a forme di protesta radicali come il blocco degli scrutini. Purtroppo, però, questa forma di lotta è stata messa fuori legge nel 1990.
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4943
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da raffaello il Sab Mar 27, 2010 2:45 pm

ddr67 ha scritto:
raffaello ha scritto:Il collega precario dei GAP che ha preso questa iniziativa mi ha detto che la Mimmo Pantaleo è andato a Catania per sconguirare lo sciopero. Vi risulta?
Di leggende a catania se ne raccontano tante, ricordo la prima e cioè che nord della città ci sono i faraglioni lanciati da polifemo contro ulisse e l'ultima, visto che il catania ha battuto 3 a 1 l'inter e l'inter ha battuto 1 a 0 il Chelsea il catania meriterebbe la finale di champions league
dal sito GAP :A giugno i comitati precari a livello nazionale intendono bloccare gli scrutini di fine anno. Chiedono l’appoggio dei sindacati che non si rassegnano allo sfascio della scuola pubblica e statale. Oppure faranno da soli.
Una stretta di mano ai colleghi di Modena e Catania.
Ma a Catania c'è pure il Consigliere che organizza una gara di testate contro i faraglioni con cappellino rapper e dopo la capocciata vedete pure la champions.
Scegliete tra lo sciopero e le chiacchiere.
Il CPS nazionale dice di aver prodotto comunicato ufficiale alla CGIL in merito allo sciopero.
Scusare me lo sono perso. Lo potete quotare?
avatar
raffaello
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 8
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria I gr.
Organizzazione : precari Genova
Contributo al forum : 2785
Data d'iscrizione : 17.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Brunello Arborio il Sab Mar 27, 2010 6:27 pm

raffaello ha scritto:
Il CPS nazionale dice di aver prodotto comunicato ufficiale alla CGIL in merito allo sciopero.
Scusare me lo sono perso. Lo potete quotare?

Si sta discutendo qui, ancora non c'è nulla di pronto
http://docentiprecari.forumattivo.com/discussioni-comuni-sul-precariato-scolastico-f1/congresso-nazionale-flc-cgil-sul-sito-e-possibile-intervenire-t3098.htm
avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7205
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da raffaello il Sab Mar 27, 2010 6:57 pm

Brunello Arborio ha scritto:
raffaello ha scritto:
Il CPS nazionale dice di aver prodotto comunicato ufficiale alla CGIL in merito allo sciopero.
Scusare me lo sono perso. Lo potete quotare?


Si sta discutendo qui, ancora non c'è nulla di pronto
[url=http://docentiprecari.forumattivo.com/discussioni-comuni-sul-precariato-scolastico-f1/congresso-nazionale-flc-cgil-sul-sito-e-possibile-intervenire-t3098.htm
http://docentiprecari.forumattivo.com/discussioni-comuni-sul-precariato-scolastico-f1/congresso-nazionale-flc-cgil-sul-sito-e-possibile-intervenire-t3098.htm[/quote[/url]]

Grazie
avatar
raffaello
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 8
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria I gr.
Organizzazione : precari Genova
Contributo al forum : 2785
Data d'iscrizione : 17.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da LAS il Dom Mar 28, 2010 7:41 pm

Con l'aggiunta del suggerimento di Manuel, il documento mi sembra pienamente condivisibile, sia perché sottolinea l'alto valore politico, se pur simbolico, dello sciopero degli scrutini, sia perché insiste sull'importanza di costruirlo attraverso un lungo, faticoso percorso di mobilitazione, con volantinaggi, picchetti, assemblee. Questo è il cammino che stiamo seguendo anche a Milano, perché siamo convinti che non sia sufficiente aderire, ma sia necessario intraprendere con costanza e coerenza un percorso di mobilitazione che conduca alla più ampia partecipazione possibile.

Allego la locandina della nostra assemblea sullo sciopero degli scrutini:
avatar
LAS
Assiduo/a
Assiduo/a

Femminile Numero di messaggi : 96
Località : MI
Ordine scuola : Secondaria
Organizzazione : LAS
Contributo al forum : 3069
Data d'iscrizione : 09.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da egle ernesta il Dom Mar 28, 2010 7:52 pm

concordo e condivido il comunicato postato da catania.
aggiungo che in quei due giorni di sciopero degli scrutini potremmo anche agitare lo spauracchio della non riapertura delle scuole per dare a tutti la sensazione dell'importanza simbolica, del peso politico, del disagio che le mobilitazioni dei docenti della scuola pubblica italiana possono produrre nella società. non dobbiamo avere paura di creare disagio, perché alle famiglie e ai nostri studenti spiegheremo che oltre al disagio vissuto da loro c'è anche la disperazione della disoccupazione, diremo che da precari non vogliamo educare e formare altri precari.
avatar
egle ernesta
Veterano/a
Veterano/a

Femminile Numero di messaggi : 112
Località : Milano
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Coordinamento 3 ottobre
Contributo al forum : 3362
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Dom Mar 28, 2010 8:12 pm

Accolte le proposte di modifica avanzate da Manuel e Sara.

In grassetto le modifiche apportate
Alessandro Piccolo ha scritto:
Nel corso dell'assemblea del CPS-Catania che si è svolta oggi è stato elaborato questo documento ufficiale del nostro coordinamento sullo sciopero degli scrutini, ispirato alle conclusioni dell'assemblea di Napoli, che offriamo alla riflessione di tutti i colleghi.

*****

Di fronte all'ostinata indifferenza del governo verso le proteste dei lavoratori della scuola contro la politica dei tagli e di distruzione del sistema di formazione pubblico, il movimento dei precari della scuola, nelle sue varie articolazioni, sta portando avanti a livello nazionale con grande determinazione una campagna di boicottaggio degli scrutini di giugno.

Il blocco degli scrutini tradizionale è stato una forma di lotta molto radicale e molto efficace, che in passato ha dato grande forza e visibilità alle rivendicazioni dei lavoratori della scuola. La gravità dell'attacco sferrato oggi dal governo alla scuola statale (l'unica veramente pubblica) renderebbe più che mai necessario il ricorso a forme di protesta radicali come il blocco degli scrutini. Purtroppo, però, questa forma di lotta è ormai vietata dalla legge 146/90.

Tuttavia è ancora possibile mettere in pratica azioni che vadano al cuore della burocrazia scolastica, inceppandone momentaneamente gli ingranaggi. La soluzione è lo sciopero degli scrutini, cioè uno sciopero tradizionale indetto per due giorni - nel rispetto della vigente normativa sindacale - in concomitanza con lo svolgimento degli scrutini in modo da farne slittare lo svolgimento, che sfata il falso mito dell'intoccabilità degli scrutini.

Quando i lavoratori della scuola scioperano, a differenza dei lavoratori delle fabbriche, non bloccano la produzione, non creano un danno materiale immediato. Lo sciopero dei lavoratori della scuola ha un altissimo valore politico anche se puramente simbolico; lo sciopero degli scrutini esprime un contenuto politico più radicale e restituisce l'idea di una più decisa volontà di opposizione alle politiche scolastiche del governo. Lo sciopero è oggi l'ultima arma rimasta in mano ai lavoratori e lo sciopero degli scrutini è la forma di sciopero più radicale che si possa oggi mettere in campo in ambito scolastico.

Esistono dei precedenti incoraggianti: il 3 e 4 febbraio scorsi a Genova i lavoratori della scuola hanno fatto slittare di due giorni lo svolgimento degli scrutini aderendo ad uno sciopero provinciale indetto dai COBAS; in molte città d'Italia il 12 marzo scorso i lavoratori della scuola che hanno aderito allo sciopero, là dove era previsto che si svolgessero gli scrutini, ne hanno determinato lo slittamento. Nessun lavoratore che sciopera può essere sostituito. Nessun lavoratore che sciopera può essere perseguito in alcun modo. Inoltre, si dice spesso con uno slogan molto eloquente «senza bidelli non si aprono i cancelli»; appare evidente a tutti quanto sia importante in questo senso il ruolo dei colleghi del personale ATA in questa lotta.

Un'iniziativa come questa va preparata con grande cura; non è possibile aspettare passivamente lo sciopero degli scrutini, ma questo deve essere lo sbocco di un periodo lungo di mobilitazione. E' indispensabile arrivare alla fine dell'anno scolastico con un livello altissimo di mobilitazione nelle scuole. Perciò crediamo che si debba da subito mettere in campo tutte le forme di mobilitazione a nostra disposizione, assemblee, picchetti davanti alle scuole, volantinaggi, mozioni dei collegi dei docenti, che contribuiscano a surriscaldare il clima nelle scuole.

Perciò chiediamo ai sindacati e alle RSU di mettere in pratica tutte le azioni necessarie a creare uno stato di agitazione permanente nelle scuole e soprattutto chiediamo loro che vigilino sul rispetto della legalità scolastica onde evitare azioni, come ad esempio l'anticipo degli scrutini a prima della fine dell'anno scolastico, volte a neutralizzare un eventuale sciopero degli scrutini.

Infine chiediamo a tutti i colleghi di partecipare assieme a noi alla costruzione dello sciopero degli scrutini.


Coordinamento Precari Scuola - Catania

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Matteo V il Mar Mar 30, 2010 11:29 am

Mi sembra ottimo lo useremo nell'assemblea cittadina del 16/04
grazie!
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3428
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da francescaP il Mar Mar 30, 2010 5:27 pm

COMITATO INSEGNANTI E ATA PRECARI ROMA

RESOCONTO ASSEMBLEA CITTADINA PRECARI

Roma 24 marzo 2010


http://retecomitatiprecariscuola.netsons.org/forum/viewtopic.php?f=6&t=82&sid=8c95194463d3ab3d21dc19cb3f2dd399
avatar
francescaP
Esperto/a
Esperto/a

Femminile Numero di messaggi : 573
Località : Roma
Ordine scuola : secondaria ii grado
Organizzazione : Cobas
Contributo al forum : 3907
Data d'iscrizione : 21.09.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Matteo V il Mar Mar 30, 2010 10:47 pm

francescaP ha scritto:
Dal 19 aprile fino alla determinazione degli organici banchetti fissi
informativi davanti all’USP\USR nelle giornate di apertura al pubblico
(lunedì pomeriggio e venerdì mattina) ai quali si invitano a
partecipare insegnanti, personale ATA, genitori, studenti con :

- distribuzione di volantini,
- vademecum per la partecipazione allo sciopero indetto in concomitanza con lo svolgimento degli scrutini
- moduli di partecipazione al ricorso “scatti precari”,
- punto di raccolta delle segnalazioni di tutte le irregolarità presenti
nelle scuole: dal mancato rispetto delle norme che prevedono che gli
scrutini siano fissati solo dopo il termine delle lezioni e non prima,
al mancato rispetto delle norme sulla sicurezza, all'obbligo di
accettare alunni nelle proprie classi per mancanza di fondi necessari
per assumere supplenti, alle pressioni per versare 'contributi' alle
scuole per mancanza di fondi.



Comitato Insegnanti e ATA Precari Roma


questa mi sembra un'ottima idea anche se un po' impegnativa da fare tutti i giorni
cmq l'ho proposta anche al mio gruppo. si potrebbe anche rilanciare tra gli altri coordinamenti
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3428
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da LAS il Mer Mar 31, 2010 11:31 am

Il Coordinamento Lavoratori della Scuola "3 ottobre" - CPS Milano sottoscrive il documento sullo sciopero degli scrutini elaborato dal CPS Catania e lo utilizzerà nell'assemblea dei lavoratori della scuola di Milano del prossimo 12 aprile.
avatar
LAS
Assiduo/a
Assiduo/a

Femminile Numero di messaggi : 96
Località : MI
Ordine scuola : Secondaria
Organizzazione : LAS
Contributo al forum : 3069
Data d'iscrizione : 09.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Mer Mar 31, 2010 2:02 pm

Aggiungo la sottoscrizione di Milano e Bologna e apporto qualche piccola correzione formale.

Chi volesse utilizzarlo faccia riferimento a questa versione corretta.

*****

Di fronte all'ostinata indifferenza del governo verso le proteste dei lavoratori della scuola contro la politica dei tagli e di distruzione del sistema di formazione pubblico, il movimento dei precari della scuola, nelle sue varie articolazioni, sta portando avanti a livello nazionale con grande determinazione una campagna di boicottaggio degli scrutini di giugno.

Il blocco degli scrutini tradizionale è stato una forma di lotta molto radicale e molto efficace, che in passato ha dato grande forza e visibilità alle rivendicazioni dei lavoratori della scuola. La gravità dell'attacco sferrato oggi dal governo alla scuola statale (l'unica veramente pubblica) renderebbe più che mai necessario il ricorso a forme di protesta radicali come il blocco degli scrutini. Purtroppo, però, questa forma di lotta è ormai vietata dalla legge 146 del 1990.

Tuttavia è ancora possibile mettere in pratica azioni che vadano al cuore della burocrazia scolastica, inceppandone momentaneamente gli ingranaggi. La soluzione è lo sciopero degli scrutini, cioè uno sciopero tradizionale indetto per due giorni - nel rispetto della vigente normativa sindacale - in concomitanza con lo svolgimento degli scrutini in modo da farne slittare lo svolgimento, che sfata il falso mito dell'intoccabilità degli scrutini.

Quando i lavoratori della scuola scioperano, a differenza dei lavoratori delle fabbriche, non bloccano la produzione, non creano un danno materiale immediato. Lo sciopero dei lavoratori della scuola ha un altissimo valore politico anche se puramente simbolico; lo sciopero degli scrutini esprime un contenuto politico più radicale e restituisce l'idea di una più decisa volontà di opposizione alle politiche scolastiche del governo. Lo sciopero è oggi l'ultima arma rimasta in mano ai lavoratori e lo sciopero degli scrutini è la forma di sciopero più radicale che si possa praticare in ambito scolastico.

Esistono dei precedenti incoraggianti: il 3 e 4 febbraio scorsi a Genova i lavoratori della scuola hanno fatto slittare di due giorni lo svolgimento degli scrutini aderendo ad uno sciopero provinciale indetto dai COBAS; in molte città d'Italia il 12 marzo scorso i lavoratori della scuola che hanno aderito allo sciopero, là dove era previsto che si svolgessero gli scrutini, ne hanno determinato lo slittamento. Nessun lavoratore che sciopera può essere sostituito. Nessun lavoratore che sciopera può essere perseguito in alcun modo. Inoltre, si dice spesso con uno slogan molto eloquente «senza bidelli non si aprono i cancelli»; appare evidente a tutti quanto sia importante in questo senso il ruolo dei colleghi del personale ATA in questa lotta.

Un'iniziativa come questa va preparata con grande cura; non è possibile aspettare passivamente lo sciopero degli scrutini, ma questo deve essere lo sbocco di un periodo lungo di lotte. E' indispensabile arrivare alla fine dell'anno scolastico con un livello altissimo di mobilitazione nelle scuole. Crediamo che si debba da subito intraprendere tutte le iniziative a nostra disposizione, assemblee, picchetti davanti alle scuole, volantinaggi, mozioni dei collegi dei docenti, che contribuiscano a surriscaldare il clima nelle scuole.

Perciò chiediamo ai sindacati e alle RSU di mettere in pratica tutte le azioni necessarie a creare uno stato di agitazione permanente nelle scuole e soprattutto chiediamo loro che vigilino sul rispetto della legalità scolastica onde evitare azioni, come ad esempio l'anticipo degli scrutini a prima della fine delle attività didattiche, volte a neutralizzare un eventuale sciopero degli scrutini.

Infine chiediamo a tutti i colleghi di partecipare assieme a noi alla costruzione dello sciopero degli scrutini.



Coordinamento Precari Scuola - Bologna
Coordinamento Precari Scuola - Catania
Coordinamento Lavoratori Scuola "3 ottobre" - CPS Milano

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da luigidelprete il Mer Mar 31, 2010 2:29 pm

Buongiorno Regione Sicilia: al minuto 17 gli interventi di Barbara Evola e Giovanni Denaro. Barbara lancia per i "Precari della scuola in lotta" lo sciopero degli scrutini di giugno!

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e8ca95d0-1502-4fd6-8007-6c7ca8ce44ee-popup.html
avatar
luigidelprete
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 426
Località : Palermo
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Precari della scuola in lotta
Contributo al forum : 3392
Data d'iscrizione : 31.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Matteo V il Mer Mar 31, 2010 2:30 pm

Noi ne stiamo preparando una nostra versione che riprende questo testo e aggiunge una seconda parte più tecnica cmq considerate pure la nostra adesione e firma al documento

Alessandro Piccolo ha scritto:Aggiungo la sottoscrizione di Milano e apporto qualche piccola correzione formale.

Chi volesse utilizzarlo faccia riferimento a questa versione corretta.

*****



Coordinamento Precari Scuola - Catania
Coordinamento Lavoratori Scuola "3 ottobre" - CPS Milano
Coordinamento Precari Scuola - Bologna
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3428
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Ven Apr 02, 2010 12:55 am

da una mail che mi e' arrivata:


chi vuole lo sottoscriva, è un documento che rivendica le ragioni dello SCIOPERO DEGLI SCRUTINI e alcune considerazioni su cosa vogliamo e sulle cause della situazione della scuola precaria

Documento della Rete Organizzata Docenti e ATA Precari Scuola Veneto sulle strategie di lavoro per arrivare allo sciopero degli scrutini!

http://retecomitatiprecariscuola.netsons.org/forum/viewtopic.php?f=7&t=83&sid=8c95194463d3ab3d21dc19cb3f2dd399

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Ospite il Ven Apr 02, 2010 3:50 pm

Aggiorno il documento con la sottoscrizione dei GAP di Genova, che abbiamo appena ricevuto per e-mail

Qui il documento:

http://docentiprecari.forumattivo.com/discussioni-comuni-sul-precariato-scolastico-f1/documento-sul-blocco-degli-scrutini-t3132.htm




Ultima modifica di gialov il Ven Apr 02, 2010 5:08 pm, modificato 1 volta (Motivazione : Modificato da gialov)

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il CPS nazionale discute sul blocco degli scrutini

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum