PUGLIA Iniziative 2009

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Lun Set 01, 2008 10:57 pm



Ultima modifica di gialov il Mer Ott 14, 2009 9:25 pm, modificato 6 volte

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Precari baresi

Messaggio Da Fabrizio Tolandus il Dom Set 07, 2008 2:00 pm

Stiamo cercando di ricostituire il CIP in provincia di Bari.
A partire da ieri è on line il nostro forum:
http://precaribari.forumattivo.com

Fabrizio Tolandus

Fabrizio Tolandus
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 4
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3373
Data d'iscrizione : 24.07.08

Tornare in alto Andare in basso

[Puglia] Comunicato stampa del CIP Puglia

Messaggio Da Ospite il Mer Set 10, 2008 9:26 pm

GIU’ LE MANI DALLA SCUOLA

Il Cip Puglia, Comitato Insegnanti Precari, aderirà al sit in di informazione e protesta in programma a Bari sabato 13 settembre in occasione dell’inaugurazione della 72 Fiera del Levante, manifestazione organizzata dalle segreterie provinciali di Bari della FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS per testimoniare il malessere che si va diffondendo tra le famiglie, gli alunni e il personale della scuola statale. Come conseguenza della riforma della scuola prevista dal Ministro dell’Istruzione Gelmini, sarà soprattutto il Sud a pagare in termini di tagli al servizio e all’occupazione.
Suonerà la campanella e comincerà la scuola dove si investe meno per avere di più, dove si impara di più se si frequenta di meno, quella statale di nome ma regionale di fatto, pubblica ma data in concessione ai privati, che estende a tutti il diritto allo studio ma di fatto separa chi si istruisce da chi si forma un mestiere, quella che riduce le classi e le cattedre.
I provvedimenti colpiranno i servizi scolastici essenziali quali la qualità e la durata degli studi, la presenza di scuole nei piccoli centri, si affolleranno le classi e si sospenderà il tempo pieno, si richiederà ancora di più il contributo delle famiglie per il funzionamento ordinario delle scuole.
Il maestro unico cancellerà più di 60mila cattedre bloccando le assunzioni nella scuola primaria per 11 o 12 anni.
Il personale docente precario della scuola, in percentuale rilevante in tutti gli ordini di scuola, non potrà lavorare più perché saranno tagliati 70mila posti per i docenti e 43mila per gli assistenti, amministrativi, tecnici e ausiliari.
Il nostro Comitato, mobilitandosi, si dichiara fermamente contrario a questi progetti e si impegna a mettere in atto tutte le iniziative che potranno contrastarli e a sensibilizzare in tutti i modi l’opinione pubblica.
Prof.ssa Elena La Gioia
Responsabile Cip Puglia

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Resoconto Sit-in di protesta alla Fiera del Levante di Bari 13 settembre

Messaggio Da Ospite il Sab Set 13, 2008 2:36 pm



Ultima modifica di gialov il Mar Set 16, 2008 8:09 am, modificato 1 volta

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Dom Set 14, 2008 3:13 am

Il resoconto di Elena La Gioia (resonsabile CIP Puglia):

Da Taranto siamo partiti in sei.
Al nostro arrivo, sul piazzale della porta orientale della Fiera del Levante il sit in di protesta era abbastanza nutrito, sventolavano al vento sciroccoso le bandiere dei sindacati, palloncini bianchi, fantocci di carta rosa e celesti, sagome di alunni in grembiulino.
Abbiamo volantinato, rilasciato dichiarazioni, parlato coi giornalisti, tanti, e coi politici, pochi.
Abbiamo raccolto testimonianze, allacciato rapporti, informato, fischiato al passaggio delle auto blu, solidarizzato, tutto aspettando Silvio.
Ovviamente il premier è stato fatto entrare all'interno della fiera da un'altra porta.
Ma noi lì a continuare, a manifestare con la nostra presenza il dissenso contro la politica dei tagli all'istruzione, contro il ritorno al maestro unico, a difendere la scuola pubblica.
Nessuno ci ha identificati, ma un agente ci ha chiesto, gentilmente, di consegnargli un nostro volantino.
Poi, come una manna piovuta dal cielo per chi ha volutamente ignorato la manifestazione, l'acquazzone.
Niente di meglio per disperdere i manifestanti senza colpo ferire. Erano due mesi che non pioveva in Puglia...
Elena

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Dom Set 14, 2008 3:15 am

Da Barilive.it:

13 settembre 2008
Centinaia di lavoratori assiepati ai cancelli dell'ingresso orientale della Fiera
"Nessuno tocchi la scuola"
87mila tagli previsti entro il 2011: "A Bari a rischio 18mila precari e 3000 lavoratori tra docenti e personale tecnico

di Antonio Scotti

"La Riforma Gelmini porterà l'Italia agli ultimi posti del sistema scolastico nazionale; i tagli e la reintroduzione del maestro unico nelle elementari mettono a rischio, nella sola provincia di Bari, 18mila precari e 3000 lavoratori tra docenti e personale tecnico". E' la voce dei sindacati Cgil-Cisl-Uil e Snals, assiepati con i loro centinaia di iscritti all'ingresso orientale della Fiera del Levante, al giorno della sua inaugurazione.
Fischi, tamburi e manifestini a lutto sono tutti dedicati al ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini. La quale, dopo l'approvazione del decreto 137, che ha riportato il maestro unico nelle elementari, ha sollevato molta preoccupazione all'interno di migliaia di famiglie di lavoratori della scuola.

"La scelta del ministro è un colpo brutale inferto ai docenti che per anni hanno lavorato portando la scuola primaria italiana ad essere una delle migliori d'Europa - afferma Maddalena Gissi della Cisl -. Ridurre il tempo scuola a solo 24 ore ci riporta indietro nel tempo, quando Edmondo De Amicis scriveva il libro Cuore".

Secondo i dati dei sindacati, in una provincia come quella di Bari, già penalizzata dagli alti tassi d'abbandono (2227 casi, ndr) e a rischio dispersione scolastica (15606 casi, ndr), la riduzione del tempo scuola, l'innalzamento del rapporto alunni-classe e i tagli del personale, derivanti anche dall'introduzione del maestro unico, produrranno effetti devastanti.
"Il sud subirà gli effetti decuplicati di questi 87mila tagli, in quanto occorrerà far sparire alcune discipline oltre che accorpare indirizzi a discapito dell'apprendimento e della formazione dei ragazzi, senza dimenticare del futuro dei docenti che, con questi provvedimenti, diventa incertissimo", sottolinea Maddalena Gissi, della Cisl Scuola.

"Sono 75 le scuole a rischio chiusura – ricorda Claudio Menga della Cgil –. E' arrivata ieri la circolare della Regione, il nostro timore è che venga individuato, con il calcolo dell'organico dei dirigenti, un numero di istituzioni scolastiche alle quali assegnare un solo dirigente scolastico facendo diminuire così il numero delle scuole".

Sempre secondo i sindacati, nella sola provincia di Bari ci sono 2880 posti pronti per essere tagliati: "Il riverbero di questi provvedimenti andrà a colpire in particolare i quartieri a rischio, come il San Paolo, dove la scuola ha bisogno di rappresentare una valida alternativa al futuro di ragazzi, spesso richiamati da altre strade", sottolinea Vitofrancesco Lozito dello Snals.
La protesta dei precari in occasione dell'apertura della 72edizione della Fiera del Levante è sola la prima di una lunga battaglia: "Vogliamo un incontro con il ministro Gelmini entro la fine del mese, continueremo la nostra lotta in una mobilitazione di livello nazionale", ha concluso Franco Rafaschieri della Uil.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Giuseppe. il Dom Set 14, 2008 2:35 pm

Non ci sono video???
avatar
Giuseppe.
Esperto/a
Esperto/a

Numero di messaggi : 243
Località : Salerno
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3433
Data d'iscrizione : 15.07.08

Tornare in alto Andare in basso

PUGLIA INIZIATIVE - Topic sempre aggiornato

Messaggio Da Ospite il Mar Set 16, 2008 8:30 pm

In questo topic sempre aggiornato troverai le iniziative relative alla Puglia.

Per leggere sempre l'ulimo messaggio, direttamente dal titolo puoi cliccare sul rettangolino bianco con la freccia accanto all'autore dell'ultimo post

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Il Comune di Ruvo (BA) contro il maestro unico

Messaggio Da Ospite il Sab Set 20, 2008 5:59 pm

http://www.retescuole.net/contenuto?id=20080919115900

ruvo di puglia , 19/09/2008

Ordine del Giorno presentato dal gruppo consiliare di maggioranza al Consiglio Comunale contro la restaurazione dell'0rganizzazione scolastica di gruppo consiliare di maggioranza-Comune di Ruvo di Puglia

LA SCUOLA PUBBLICA UN BENE COMUNE IN GRAVE PERICOLO

“MAESTRO UNICO”

POSSIAMO ANCORA FERMARLI!!!


Al Ministero della Pubblica Istruzione
On.le Ministro Maria Stella Gelmini
Roma

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA
BARI

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI BARI
BARI

Ai Consigli di Circolo
I^ C.D. “G. Bovio”
II^ C.D.“San. G.nni Bosco”

Consiglio d’Istituto
S.M.S. “Giovanni XXIII^-Carducci”
S.M.S. “Cotugno”

Liceo Scientifico “O. Tedone”
ITC “TANNOIA”
SEDE
SCUOLA PUBBLICA UN BENE COMUNE IN GRAVE PERICOLO
O.D.G. DEL C.C. DI RUVO DI PUGLIA

Con il Decreto Legge 1 settembre 2008, n. 137, il Governo ha riportato la scuola indietro di oltre 30 anni distruggendo una formidabile esperienza didattica e pedagogica.
E così alla scuola pubblica si sottraggono:
• ore di scuola, perché si riduce l'attuale orario di lezione settimanale (solo 24 ore);
• insegnanti specializzati, perché si torna alla figura del maestro unico (tuttologo?);
• le risorse per mantenere il tempo pieno;
• opportunità di stabilizzazione per i precari;
Tutto ciò, nella scuola primaria, insieme al ritorno al voto, cancella trent’anni di un’eccezionale esperienza didattica e pedagogica che ha fatto della nostra scuola elementare una delle più qualificate non solo a livello europeo, ma addirittura la quinta scuola per qualità al mondo.
Sono inoltre previsti tagli per 1.300 scuole, con 83.000 docenti e 43.000 ATA in meno che incideranno negativamente sulla qualità della scuola pubblica.
Nella sola Provincia di Bari gli effetti dei tagli colpiranno 1.800 docenti e 1.000 ATA con 70 scuole a rischio chiusura.

Pertanto il Consiglio Comunale del Comune di Ruvo di Puglia

esprime la propria netta contrarietà

all’articolo 4 del Decreto Legge n.137 del 01 settembre 2008 che prevede la costituzione di classi con orario di 24 ore settimanali affidate ad un unico insegnante.
La volontà del ministro Gelmini di reintrodurre il “maestro unico” nella scuola elementare è gravissima. Ormai sono vent’anni che questa figura è stata superata definitivamente, estendendo a tutta la scuola l’esperienza di collaborazione e condivisione di responsabilità tra docenti che era maturata nel Tempo Pieno e nell’organizzazione modulare. La pluralità docente ha permesso ai maestri e alle maestre di approfondire la conoscenza disciplinare e ha rafforzato lo spirito di collaborazione, rendendo la scuola elementare una comunità di conoscenze.
L’introduzione del “maestro unico” costituisce un ritorno al passato al solo fine di ottenere nuovi risparmi ai danni della già tartassata scuola pubblica, mortificando la complessità del sapere e dell’approccio didattico .
Questo Consiglio Comunale ritiene che affidare le classi ad un unico insegnante comporterà:
- la mancata suddivisione delle materie disciplinari tra diversi docenti: “il maestro unico” dovrà insegnare tutte le materie per tutto il programma previsto nei 5 anni con ripercussioni negative sulla didattica e sugli apprendimenti.
- l’impossibilità di programmare ed impostare il lavoro dei docenti in classe sulla collaborazione e sul confronto, specialmente in riferimento ai bambini con difficoltà, alle scelte didattiche, agli stili di apprendimento. Ogni insegnante tornerà ad essere solo di fronte alla classe, alla didattica, alla psicologia dei bambini e delle bambine.
- l’impossibilità ad effettuare le uscite didattiche nel territorio e di istruzione. Per evidenti questioni di sicurezza il singolo insegnante non potrà uscire dalla scuola con la classe. Fino ad oggi questa didattica era possibile per la presenza di più insegnanti e delle compresenze.
- l’impossibilità per i genitori a rapportarsi ad un team di insegnanti. Il riferimento diverrebbe unico, senza appello, senza possibilità di un confronto a più voci.
- l’impossibilità ad effettuare una didattica di recupero e di arricchimento dell’offerta formativa perché spariranno le compresenze e quindi la possibilità di organizzare percorsi specifici per alunni in difficoltà o attività di arricchimento che prevedano lavori di gruppo.
È evidente che la restaurazione del “maestro unico” annulla di fatto il Tempo Pieno. D’altronde l’esperienza del Tempo Pieno è stata il canale di pratiche e sperimentazioni attraverso cui la pluralità docente si è affermata per tutta la scuola italiana.
Per i suddetti motivi il Consiglio Comunale si dichiara fermamente contrario all’introduzione del “maestro unico”, si impegna a mettere in atto tutte le iniziative che potranno contrastarla e a sensibilizzare in tutti i modi l’opinione pubblica

INOLTRE IMPEGNA TUTTE LE ISTITUZIONI IN INDIRIZZO PER:

• La difesa del carattere statale della Scuola di tutte e di tutti, in modo che venga garantita l’esistenza delle scuole private, ma senza oneri per lo Stato, come prevede la Costituzione.
• L’opposizione al disegno di aziendalizzazione della Scuola e dell’ingresso dei privati nella gestione degli istituti.
• La difesa della libertà di insegnamento, baluardo costituzionale della laicità e della democrazia.
• La salvaguardia del contratto nazionale e il contemporaneo rifiuto della possibilità di assunzione da parte dei dirigenti scolastici, perché l’insegnante, nella sua libertà garantita dallo Stato democratico, non può dipendere della singola scuola ma dal sistema complessivo della pubblica istruzione.
• Il superamento del precariato, che colpisce il lavoratore come persona e non permette alla Scuola di funzionare con continuità garantendo l’attuazione dei progetti didattici e la crescita dei rapporti interpersonali allievi-insegnanti.
• Il rifiuto di una deriva regionalistica dell’istruzione, quale emerge dalle strampalate proposte della Lega, che vorrebbe affidare le cattedre ai docenti autoctoni.
• La difesa dei diritti e delle tutele dei lavoratori della Scuola.
• L’opposizione ai tagli di cattedre e di finanziamenti che rendono impossibile insegnare, perché in classi sovraffollate e senza finanziamenti viene reso vano ogni progetto didattico e reso impossibile l’apprendimento e la crescita educativa. Non c’è qualità senza i mezzi per fare buona scuola e questa, in nome del risparmio a senso unico, non può essere ridotta ad una caserma con docenti “militarizzati” e ridotti a “fustigatori” dei propri alunni.
• La difesa del tempo scuola, normale, pieno e prolungato con doppi insegnanti, perché l’apprendimento avviene solo con i tempi distesi e vanno rispettati i processi cognitivi di tutte e tutti.
• La difesa dell’obbligo scolastico e il rifiuto del doppio canale morattiano, che reintroduce l’inaccettabile divisione tra scuola di serie A e scuola di serie B.
• La salvaguardia dell’insegnamento di sostegno e del diritto all’istruzione per tutti, senza discriminazioni etniche e linguistiche e quindi difesa dell’insegnamento di sostegno in classe e per tutte le ore necessarie e garanzia dell’ausilio didattico dei mediatori linguistico-culturali per assicurare il diritto allo studio degli alunni stranieri.

Infine, il Consiglio Comunale di Ruvo di Puglia chiede che si proceda al’immediato ritiro del decreto come proposto.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Dom Set 28, 2008 10:17 pm

27 settembre mobilitazione CGIL in tutte le piazze


gialov presente!

a Taranto circa 1500 partecipanti in totale.

Docenti precari ne ho contati 6.

Fino alla sera prima saremmo dovuti essere almeno il doppio...

Qui ancora nessuno crede che "tocchi a me". Non sanno quanto si sbagliano...




Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

E' nata la Rete Docenti Precari Bari

Messaggio Da Fabrizio Tolandus il Mar Ott 07, 2008 1:23 am

Oggi pomeriggio, in seguito alla seconda riunione svoltasi presso la sala "Osservatorio Sud", il gruppo auto-organizzato dei docenti precari baresi si è costituito ufficialmente con il nome di "Rete Docenti Precari Bari".
Ad entrambe le riunioni hanno preso parte circa cinquanta persone, molte delle quali sono intervenute dando vita ad un lungo dibattito.
Grazie ad una capillare azione di propaganda e sensibilizzazione, dentro e fuori le scuole, ed ad un'efficace tecnica di comunicazione, La Rete Docenti Precari Bari ha raccolto in poco tempo quasi duecento adesioni, che si prevede di raddoppiare entro la prossima settimana.
La Rete Docenti Precari è già attiva in varie forme e si sta organizzando per promuovere numerose azioni e iniziative nei prossimi giorni.
La Rete Docenti Precari Bari va considerata l'unica associazione di precari realmente attiva nella provincia di Bari. Infatti, durante la prima assemblea gli ultimi due aderenti al CIP di terra Bari, cortesemente intervenuti come graditi ospiti, hanno certificato l'esaurimento dell'esperienza del CIP nella nostra provincia.
L'indirizzo ufficiale del gruppo è docentiprecaribari@gmail.com.
Ogni comunicazione proveniente da diverso indirizzo, anche con un nome molto simile, deve considerarsi non autentica.


Appello ai precari di Bari e provincia:

Cari amici e colleghi,
vi rivolgiamo alcune importanti richieste. E' necessario contattare il maggior numero di colleghi precari per allargare la partecipazione. Il che è possibile solo attraverso il passaparola. Moltissimi docenti non sanno della nostra esistenza, dei nostri sforzi organizzativi, della nostra forte volontà di lottare.
E' necessario agire in due direzioni:
1) Informare i colleghi della drammatica situazione della scuola pubblica alla luce dei tagli e della riorganizzazione delle classi di concorso previsti dal nuovo governo. Purtroppo molti amici che insegnano nelle scuole, e molti che sfortunatamente non hanno avuto a tutt’oggi alcun incarico, non sono consapevoli di quanto sta avvenendo e di ciò che si prepara per noi nell'immediato futuro (ovvero la disoccupazione). Essi vanno avvicinati, sensibilizzati, informati, utilizzando eventualmente come ausilio i documenti che a vario titolo sono stati prodotti, molti dei quali vengono diffusi attraverso la nostra newsletter. Bisogna contattare i colleghi precari con cui ciascuno di noi fa conoscenza nelle rispettive scuole, a voce, o lasciando documenti e volantini sui tavoli della sala docenti, o anche affiggendoli nelle bacheche. Bisogna contattare i colleghi precari (anche coloro che si sono persi di vista da tempo) per telefono o per e-mail, magari riesumando indirizzi di posta elettronica o numeri di telefono ormai inutilizzati da tempo.

2) Bisogna informare i colleghi (con le stesse modalità descritte nel punto 1) dell'esistenza del nostro gruppo, che sta nascendo in questi giorni, e che proprio oggi ha deliberato di chiamarsi Rete Docenti Precari Bari, e della possibilità di aderirvi e partecipare. Ricordate che noi siamo aperti a tutti, siamo indipendenti da qualunque altra associazione, partito o sindacato, siamo auto-organizzati, siamo lontani dalle astratte fumoserie politiche o sociologiche, abbiamo differenti idee politiche, religiose e pedagogiche, ci proponiamo obiettivi pragmatici. Vogliamo insomma semplicemente difendere la scuola pubblica e la nostra professionalità.
L'adesione alla newsletter è un passaggio estremamente importante, per poter essere informati sulla situazione generale e sulle nostre iniziative. Dunque, COMUNICATECI I VOSTRI NOMI E I VOSTRI INDIRIZZI DI POSTA ELETTRONICA. COMUNICATECI I NOMI E I GLI INDIRIZZI DI POSTA ELETTRONICA dei vostri amici e conoscenti che come noi vivono l'insegnamento in condizione di precarietà. Comunicateli scrivendo all'indirizzo ufficiale del gruppo (docentiprecaribari@gmail.com), ovvero l'indirizzo da cui vi arriveranno i messaggi della newsletter.

Comitato promotore RETE DOCENTI PRECARI BARI

Fabrizio Tolandus
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 4
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3373
Data d'iscrizione : 24.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Mar Ott 07, 2008 7:22 pm

Francamente non riesco a trovare il nesso tra la nascita di un nuovo movimento di docenti precari, sempre benvenuta, e la distinzione con il CIP...

Diciamo che tutta la seconda parte del comunicato, fino a "professionalità" la trovo del tutto inutile ai fini di una informazione trasmessa alla stampa. Addirittura dannosa, dal momento che la nostra Rete Docenti Precari 11 luglio, parlo di quella nazionale, è nata per unire diverse associazioni/comitati/forum di colleghi precari, e qui dentro non si fanno distinzioni, mi sembra...

In bocca al lupo a questi colleghi, allora, auguro loro di far sentire alta la voce del precariato barese, e che la Gelmini ci tema!
Uniti si vince!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Fabrizio Tolandus il Mer Ott 08, 2008 1:07 am

Che una parte del testo sia inutile, ovviamente è solo una tua opinione! A me sembra che generalmente i nostri comunicati siano chiarissimi e ottengano lo scopo. La collaborazione con altri gruppi in Italia è già in atto.
Per la verità, non ti tratta di un'informazione alla stampa, ma semplicemente ai precari che leggono questo forum. Nessuno intende dividere. Il riferimento al CIP è parte di tale informazione. Si tratta di una constatazione: noi siamo cosa diversa dal CIP, che peraltro è ormai inesistente in provincia di Bari. Nessuna critica al CIP, che ha fatto buone cose in passato, è contenuta in tale affermazione. Noi siamo l'unico gruppo organizzato di precari a bari e provincia, si tratta di un dato di fatto.

Fabrizio Tolandus
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 4
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3373
Data d'iscrizione : 24.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da gas il Lun Ott 13, 2008 1:13 pm

Cara Rete Docenti Precari,
Siamo un gruppo di giovani di Putignano costituitosi in movimento politico -GAS (Giovani A SInistra), che si impegna in varie battaglie su giustizia sociale, antifascismo, non violenza, pace e critica del mercato, attaverso lo strumento del dialogo e della partecipazione.
In questo senso stiamo realizzando per il giorno 30 Ottobre, una iniziativa sul precariato, con l'obbiettivo di poter realizzare un collettivo/osservatorio di precari.
La manifestazione prevede la proiezione del film documentario "Parole Sante" di Ascanio Celestini, ed a seguire un dibattito.
In tal senso ci farebbe piacere la vostra partecipazione, per portare la vostra voce, le vostre esperienze e battaglie, nonchè come esempio di autorganizzazione.
In attesa di una vostra risposta vi porgiamo i più calorosi saluti.

--
Gruppo GaS, Giovani a Sinistra - Putignano (BA, Italy)
gasputignano@gmail.com

gas
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 1
Località : putignano
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3292
Data d'iscrizione : 13.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da mariafil il Dom Ott 26, 2008 11:34 am

Convocazione assemblea pubblica

Un attacco feroce che non ha precedenti nella storia di questo Paese sta per distruggere la scuola pubblica. Nessun progetto pedagogico, nessuna vera riforma: dietro il ritorno al maestro unico, ai voti in condotta e ai grembiulini, la vera intenzione del governo è quella di fare cassa, sacrificando la scuola pubblica sull'altare del risanamento economico, imponendo tagli radicali senza nessun confronto con l'opposizione politica o le forze sociali.
La riduzione di 100 mila docenti e 43 mila assistenti scolastici, insieme al taglio di quasi otto miliardi di euro entro il 2012, previsti dalla legge n. 133/08, rappresentano la dismissione del sistema pubblico di istruzione. Ciò comporterà effetti immediati come la chiusura delle scuole in tanti piccoli comuni e nelle aree urbane «a rischio», con conseguenti notevoli disagi per le famiglie, e la creazione di classi da 30 studenti, mettendo seriamente in pericolo la qualità dell'offerta formativa, soprattutto nelle aree più povere del Meridione. Ma non è solo l'istruzione primaria e secondaria a pagare il prezzo del risanamento economico! La possibilità di trasformare gli atenei in fondazioni private, i tagli al fondo di finanziamento ordinario (un miliardo e mezzo di euro in 5 anni) e il blocco del turn-over al 20% (per cinque docenti in pensione ne entrerà solo uno) porteranno al collasso le Università, completando lo smantellamento del sistema formativo, già da tempo avviato.
Colpire il mondo dell'istruzione, depredarlo, privatizzarlo significa colpire l'intera struttura civile e democratica di questo Paese, investendo sul suo fallimento culturale ed economico.
Costruiamo subito un'opposizione larga e determinata a questa manovra, diamo voce alla nostra indignazione di precari delle scuole e delle università, di studenti, di docenti e genitori. Chiediamo uniti in difesa della scuola pubblica e del diritto al lavoro e allo studio:
- Il ritiro immediato del decreto n. 137
- Le dimissioni del ministro della Pubblica Istruzione
- L'immissione in ruolo dei 150.000 precari come previsto dalla Finanziaria 2006
- L'abrogazione dell'art. 64 Legge n. 133/08 da cui deriva il decreto n. 137 e deriveranno tutti i decreti e i provvedimenti attuativi dei tagli nei vari ordini di scuola.

I docenti mobilitati di Bari indicono un'assemblea pubblica per discutere le forme di informazione e di protesta che si intendono attuare dopo lo sciopero del 30 ottobre prossimo, concordando una mobilitazione condivisa con studenti, docenti di ogni ordine di scuola, ricercatori, dottorandi, genitori.


Martedì 28 Ottobre, ore 17,30
Assemblea Pubblica
c/o Gabbiotto infoshop, 2º piano, palazzo Ateneo, Bari


x info:
docentimobilitatibari@gmail.com
http://docentimobilitatibari.blogspot.com/

mariafil
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 17
Località : Bari
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3292
Data d'iscrizione : 25.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da mariafil il Mar Ott 28, 2008 10:26 am

IL COMITATO GENITORI DEL XIV CIRCOLO DIDATTICO “RE DAVID”


Visto, letto e discusso il decreto legge n. 137 del 1 settembre 2008 in materia di istruzione e università, il Comitato Genitori e il Consiglio di Circolo del XIV Circolo Didattico “Re David”, nella riunione del 24 ottobre 2007, hanno approvato a maggioranza il seguente documento.


“La scuola è il futuro dei nostri figli”



L’Assemblea del Comitato Genitori e del Consiglio di Circolo del XIV Circolo Didattico, aperto a tutti i Consigli di Circolo dei Circoli Didattici di Bari, è consapevole che il sistema scolastico italiano debba essere migliorato nel suo complesso, incidendo maggiormente dove il sistema appare più sofferente e apportando migliorie dove il livello di efficienza è già sufficiente.

Qualunque misura normativa che tenda a migliorare l’attuale sistema deve necessariamente partire dalla visione della scuola come luogo di formazione della cultura diretta ai cittadini, dai bambini agli adulti, senza distinzioni e differenziazioni di alcun tipo.

In merito all’art. 4 del decreto n. 137, relativo alla scuola primaria, che dispone che “le istituzioni scolastiche costituiscano classi affidate a un unico insegnante e funzionanti con orario di 24 ore settimanali”, l’Assemblea esprime fortissima e ferma preoccupazione, poiché appare configurarsi un modello di scuola primaria decisamente peggiorativo rispetto all’attuale.

L’assemblea contesta innanzitutto la genesi del modello Gelmini che parte da una mera esigenza di risparmi sul Bilancio dello Stato, come chiaramente indicato in apertura dell’articolo 4, anziché da un progetto di merito. Questa cosiddetta riforma, che riforma invece non è, in realtà si adegua e si adatta al budget previamente assegnato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze determinando quindi un sistema scolastico condizionato unicamente da parametri meramente finanziari.

E’ inquadrabile in tale contesto l’assenza di una seria consultazione preventiva delle organizzazioni sindacali, degli operatori scolastici e dei rappresentanti di tutte le componenti scolastiche; assenza di consultazione che l’Assemblea deplora fortemente. L’ascolto dei protagonisti della scuola avrebbe evidenziato, ad esempio, che i tagli alla scuola primaria andranno a colpire pesantemente l’occupazione femminile.

L’Assemblea esprime preoccupazione sull’entità dei tagli al personale: i primi documenti ufficiali e vigenti (come le tabelle allegate alla legge 133/2008) riportano una riduzione di organico di almeno 42.500 unità lavorative, solo per il primo anno della scuola primaria. La scuola vede una costante riduzione negli anni delle somme ad essa destinate, utilizzate per coprire la spesa complessiva degli stipendi, compresi quelli destinati al personale di sostegno che configurano un servizio ulteriore e prezioso per la scuola. E’ inammissibile la considerazione che le somme destinate agli stipendi per la scuola siano uno spreco.

Il previsto aumento del numero di alunni per classe non tiene in dovuta considerazione le ricadute sui rischi per la sicurezza (sarebbe necessario anche un monitoraggio della capienza delle aule); è molto probabile l’aumento di tale rischio.

Un abbassamento del livello qualitativo della scuola statale porterebbe ulteriori vantaggi alla scuola privata, creando un pregiudizio sul servizio scolastico pubblico fornito ai cittadini. Un atteggiamento inspiegabile se si pensa che attualmente la scuola primaria italiana, fondamentalmente quella pubblica, è la migliore d’Europa. E’ questo un punto che l’Assemblea vuole sottolineare; per questo chiede che qualunque riforma della scuola primaria parta dalla situazione attuale, che già vede una offerta formativa di primissimo livello.

Infatti, si crede che l’attuale presenza di più maestre per classe costituisca un fattore positivo; si crede che il tempo pieno a 40 ore rappresenti un modello scolastico decisamente vincente, in primo luogo per i discenti; si crede che il grado di coordinamento e collaborazione tra gli insegnanti abbia raggiunto un livello standard altamente soddisfacente, grazie anche alla necessaria esperienza maturata nel lavoro di equipe, e pertanto riteniamo che un tale livello di professionalità vada ulteriormente valorizzato anziché annullato; si crede che anche il grado di interazione scuola-genitori-alunni, ottenuto grazie all’implementazione del modello del tempo pieno, vada eventualmente elevato anziché ridotto; si crede che l’offerta formativa delle 30 ore sia ormai un altro punto di riferimento importante per le famiglie, che consente ai bambini oggi di godere di una qualità dell’offerta formativa pari a quella del tempo pieno.

Tutto questo, si ripete, deve essere il punto di partenza per una qualsiasi riforma per migliorare la scuola pubblica.

L’assemblea crede che il maestro unico e l’orario a 24 ore vadano nel segno opposto perché conducono ad un peggioramento della qualità della scuola primaria pubblica. Queste misure, ad esempio, andrebbero ad incidere immediatamente sul principio della continuità didattica.

L’Assemblea desidera manifestare solidarietà al corpo docente e non docente che, nonostante le forti preoccupazioni occupazionali all’orizzonte, riesce a mantenere la serenità di insegnamento e di accudimento verso gli alunni e di collaborazione con i genitori. E’ anche per questo che si esprime forte comprensione alle rivendicazioni sindacali che troveranno convergenza nella manifestazione nazionale del prossimo 30 ottobre.

Consapevole che il mondo scolastico è complesso e articolato, e che l’educazione scolastica attraversa tutti i gradi di apprendimento, dalla scuola dell’infanzia all’università, l’Assemblea mostra preoccupazione anche per la diminuzione delle ore da 33 a 29 nella scuola media.

L’Assemblea esprime ancora preoccupazione per il tentativo di ristrutturazione delle università che anche in questo caso parte da esigenze di bilancio dello Stato anziché da un progetto culturale che miri ad elevare la qualità delle università. Si è coscienti che una università migliore rispetto all’attuale è una conquista soprattutto per i bambini e i ragazzi che oggi frequentano la scuola, ma non si può negare che, sulla base delle novità legislative prospettate, all’orizzonte si intravede un pauroso salto nel buio. Si desidera invece una riforma che consenta a tutti i bambini, domani, di accedere senza preclusioni e difficoltà ad un qualunque corso di laurea tenuto dai migliori docenti disponibili; una riforma che di riflesso consenta ai migliori e ai meritevoli di portare avanti la ricerca scientifica finalizzata al miglioramento e all’emancipazione della società in cui vive la nostra comunità.

L’Assemblea, per manifestare pubblicamente il forte dissenso contro il decreto n. 137, si impegna:

o a sensibilizzare tutte le componenti del mondo della scuola mediante diffusione del presente documento, anche tramite gli organi di informazione;

o a partecipare alle Assemblee pubbliche sui temi della scuola, come quelle di lunedì 27 ottobre presso il XII Circolo Didattico “Borghi” e di martedì 28 ottobre presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bari;

o a organizzare un sit-in mercoledì 29 ottobre, dalle 8,30 alle 10,00, presso Largo Lorusso adiacente alla Scuola Re David di via Omodeo, invitando tutte le componenti scolastiche ed universitarie della città di Bari, durante il quale saranno consegnate ai rappresentanti istituzionali le firme raccolte contro il decreto n. 137 dal Comitato Genitori;

o a solidarizzare, nelle forme e nei modi che si renderanno possibili, con la manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 30 ottobre, indetta e organizzata dal CGIL, CISL, UIL, GILDA, SNALS e UNICOBAS.


L’Assemblea, infine, si impegna a proseguire l’azione di protesta contro il progetto di scuola espresso dal D.L. n. 137 e a promuovere occasioni di discussione e di proposta.

mariafil
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 17
Località : Bari
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3292
Data d'iscrizione : 25.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Mar Ott 28, 2008 5:11 pm

Ottimo. Bene così.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Aprea a Bari?

Messaggio Da Antonino Buonamico il Sab Nov 15, 2008 11:25 pm

Ieri sera, durante una riunione del nostro gruppo (Rete docenti precari di Bari) si è saputo che l'Aprea sarebbe venuta in un liceo di Bari, il Cirillo. In pochi minuti (fotocopiando vecchi volantini, stabilendo chi era libero da impegni lavorativi e decidendo quand incontrarsi e dove) si è organizzata una manifestazione di "accoglienza" alla presidente della commissione cultura, che avtrebbe dovuto partecipare ad un convegno al quale era presente, tra gli altri, l'assessore all'istruzione del comune di Bari. Valentina Aprea, però, forse temendo contestazioni, ha disertato l'incontro... E i volantini? Li ricicleremo per un'altra... accoglienza. A proposito, vi informo, per in ciso, che il quasi neonato gruppo rete docenti precari di Bari, che in realtà è della provincioa di Bari (ma il nome era troppo lungo...) ha già subito una scissione. Si è format un altro gruppo, che vuole lavorare in simbiosi con gli universitari, anzi... mobilitarsi con loro. Infatti si chimano docenti mobilitati. Che dire? Citando una pubblicità: du grupp is megl che uan...
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Ven Dic 05, 2008 7:02 pm

Invito i colleghi pugliesi a scioperare il 12 dicembre e a cercare di unirsi a noi alla manifestazione regionale di Bari. Noi della rete docenti precari Bari saremo presenti con striscioni e cartelli e ospiteremo volentieri chi vorrà sfilare con noi, ci piacerebbe collegarci ad altri precari della scuola di altre realtà locali, in primis il c.i.p. Taranto che già alcuni di noi conoscono. Ovviamente ogni associazione è libera di portare suoi striscioni e cartelli, ma credo daremmo più visibilità al precariato se sfileremo tutti insieme (non importa, per me, chi sta avanti e chi sta dietro nello spezzone dei precari). Cosa ne pensate? Mi rendo conto che ho sbagliato a scegliere la risposta rapida non mettendo un titolo a questo post, ma non riesco a copiare il testo e non mi va di riscriverlo.
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Ven Dic 12, 2008 7:39 pm

Oggi, 12 dicembre, a Bari abbiamo scioperato sotto una pioggia battente! Ci sono stati due cortei regionali che sono poi confluiti nella piazza antistante la prefettura dove ci sono stati i comizi sindacali. Noi della rete docenti precari Bari abbiamo sfilato dietro il nostro striscione "Saranno disoccupati", parodia di "Saranno famosi" e cghe si riferisce, ovviamente, a noi precari, e con un cartello che paragona ironicamente la Gelmini a Rossini per i... tagli di figaro. Assieme a noi, con un loro striscione, gli amici di "Sos scuola pubblica", associazione trasversale ma formata soprattutto da genitori.
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Ven Dic 12, 2008 7:46 pm

Domenica 14 dicembre, presso l'Arena Giardino del rione Japigia, a Bari, la rete docenti precari Bari aderisce a un'iniziativa ludica organizzata dal coordinamento genitori "SOS scuola pubblica" contro la riforma Gelmini. I bambini e i ragazzi presenti saranno coinvolti in vari tipi di giochi e laboratori. La rete docenti precari Bari avrà un banchetto informativo per pubblicizzarsi e gestirà due laboratori per i bambini, uno di archeologia e uno sulla storia della rana bollita. L'evento inizierà alle 10. Invito tutti i colleghi di Bari e dintorni a partecipare
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Arte il Dom Dic 14, 2008 9:23 pm

Ciao! quando prevedete una prossima riunione su Bari, i dintorni?
Very Happy

Arte
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 2
Località : triggiano
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3230
Data d'iscrizione : 14.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Arte il Dom Dic 14, 2008 9:28 pm

scusatemi: Bari o dintorni

Arte
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 2
Località : triggiano
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3230
Data d'iscrizione : 14.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Dom Dic 14, 2008 10:02 pm

Presto, forse giovedì, ma dovrebbe essere una riunione particolare, con sindaco e vicesindaco di Bari per esporre le nostre richieste e ascoltare i possibili aiuti al mondo della scuola da parte dell'amministrazione comunale. Se lasci la tua email, anche scrivendomi in privato se preferisci, ti aggiungo al nostro indirizzario così sarai sempre avvisata di riunioni e altre iniziative.
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da mariafil il Lun Dic 15, 2008 1:53 am

Da BARILIVE

Scuola, i genitori scendono in piazza: "La Gelmini non tocchi il Modulo"
"Non si pensi solo alle famiglie del Nord, il sistema dei tre docenti su due classi è importante per la formazione dei nostri figli"
di Antonio Scotti


“Il passo indietro del Governo tutela solo le famiglie del Nord, che per l’86 percento sceglie il tempo pieno, noi invece vogliamo che l’opzione del maestro unico sia inserita nel Modulo con tre maestri su due classi”. A parlare è Fabiola Fanelli, rappresentante del Coordinamento genitori sos scuola pubblica. Che stamattina, in piazza Arena Giardino, ha organizzato insieme a decine e decine di mamme e papà una manifestazione di protesta contro la riforma della scuola voluta dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini.
Non la solita assemblea, ma un vero e proprio appuntamento "ludico-rivendicatorio" dove i veri protagonisti sono stati bambini e ragazzi di ogni età. Spettacoli sull’ecologia con il famoso teatrino della Casa di Pulcinella, laboratori di archeologia e teatro organizzati dai docenti precari. E poi anche giocolieri, clowns e acrobati intervallati con balli e canti.

Abbiamo deciso di metter in piedi questa iniziativa affinché rimanesse sempre alta l’attenzione su un tema che sta a cuore a migliaia di genitori è cioè la difesa della scuola pubblica”, ha affermato Fabiola Fanelli.
Sul maestro unico e il dietro front del Governo rispetto al recepimento delle misure previste all’interno della riforma, il Coordinamento genitori sos scuola pubblica parla di vero e proprio bluff. “La Gelmini ha confermato la scelta dell'abolizione del Modulo a favore delle 24 ore col maestro unico, da allargare a 27, 30 o 40 ore con due maestri - commenta Fanelli -. Noi vogliamo mantenere il sistema di tre docenti suddivisi in due classi, perché non vogliamo rinunciare alla continuità didattica e soprattutto desideriamo che nel percorso formativo siano inseriti i laboratori oltre che le gite e le altre attività extrascolastiche”.

Alla manifestazione presente anche la Rete dei docenti precari, pronta a sollevare il tema del precariato come la prossima urgenza da affrontare nel settore scolastico. “Se la riforma dei licei è slittata e sul maestro unico c’è un ripensamento, sul futuro di migliaia di lavoratori ancora non si sa nulla”, dichiara Maria Rita Gadaleta. Tra le richieste della Rete quella di partecipare al prossimo tavolo di confronto tra sindacati e Governo: “Vogliamo essere interlocutori perché la nostra è una presenza oramai di carattere nazionale -continua Gadaleta -. Noi vogliamo che il ministro Gelmini riprenda il piano delle 150mila assunzioni previsto dalla scorso Governo e dia attuazione alla sentenza del Tar che prevede la riapertura delle graduatorie con la possibilità, da parte dei precari, di cambiare provincia di destinazione”. Infine un appello: “Basta con la logica del punteggio, dei corsi da frequentare per scalare posizioni, gli insegnanti devono essere rispettati e devono avere risposte chiare sul loro futuro”. Per tutta la mattinata i bambini, in collaborazione con alcune scuole primarie della città, hanno allestito il mercatino di Natale il cui ricavato, insieme ai contributi di tanti commercianti baresi, sarà donato alla Casa famiglia Villa "Madre Arcucci". Un gesto di speranza per un futuro migliore.

mariafil
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 17
Località : Bari
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3292
Data d'iscrizione : 25.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Lun Dic 15, 2008 9:11 am

Grazie a mariafil per il resoconto su Bari live. Aggiungerei che noi della rete docenti precari Bari abbiamo gestito con successo i 2 laboratori con o bambini, uno di archeologia ed uno teatrale sulla storia della rana bollita. Accanto a noi studenti universitari di chimica e biologia hanno incuriosito i bambini con una mostra di piante, conchiglie e semplici esperimenti. Inoltre abbiamo incontrato il presidente della provincia e il vicesindaco che (sarà anche che nel 2009 ci sono le elezioni?) hanno espresso la volontà a collaborare con noi per le loro specifiche competenze. Con sindaco e vicesindaco dovremmo incontrarci in questa settimana. Arte, rinnovo l'invito a fornire la tua email. Se non te la senti di metterla qui, puoi scrivere in privato al mio indirizzo amicanto@hotmail.com o direttamente a retedocentiprecaribari@gmail.com.
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Ospite il Lun Dic 15, 2008 9:34 am

I resoconti e gli articoli nel topic verde, per favore...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Mar Dic 16, 2008 4:19 pm

INCONTRO CON IL VICESINDACO DOTT MARTINELLI

Tutti i componenti della Rete Docenti Precari di Bari sono invitati a partecipare all'incontro con il vicesindaco dott. Martinelli, che avrà luogo giovedì 18 dicembre alle ore 18.00 presso il suo ufficio, sito in via Amendola 79 (terzo piano), per discutere delle problematiche inerenti alla situazione del precariato nella scuola. Nell'occasine verranno presentate al vicesindaco alcune proposte dell'associazione discusse in assemblea. Cercate di aderire numerosi a questo incontro: può costituire un'opportunità interessante per avviare una concreta azione di intervento contro le dannose misure proposte dall'attale governo.


Ultima modifica di Amicanto il Mar Dic 16, 2008 4:21 pm, modificato 1 volta (Motivazione : caratteri troppo piccoli)
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Mer Dic 17, 2008 12:23 am

Comunicato aggiornato su giovedì 18 dicembre:Care/i colleghe/i,

Giovedì 18 Dicembre alle ore 15:00, presso i locali dell'ass. culturale "Amici di Michele"[/size]
in Largo Mons. Curi, n. 2 (nei pressi della chiesa di San Giuseppe - corso Sonnino), la Rete Docenti Precari Bari si riunisce per approvare alcune proposte da presentare al Consiglio Comunale di Bari.
Alle ore 18:00 dello stesso giorno,[size=16] la Rete Docenti Precari Bari incontra il vicesindaco dott. Martinelli presso il suo ufficio[/size]
[size=16][size=16]in via Amendola 79[size=16], per discutere le problematiche del precariato nella scuola.[/size][/size][/size]
Nell'occasione saranno presentate al vicesindaco le proposte elaborate e definite nel primo pomeriggio.
Tutti i componenti della Rete Docenti Precari di Bari sono invitati sia all'assemblea delle ore 15:00, sia all'incontro con il vicesindaco delle ore 18:00.
Partecipiamo numerosi per avviare un intervento concreto contro la "riforma" Tremonti-Gelmini.

[size=16]Per qualsiasi informazione è possibile contattare la Rete Docenti Precari Bari al numero: 3493347490
Rete Docenti Precari Bari


Ultima modifica di Amicanto il Mer Dic 17, 2008 12:30 am, modificato 2 volte (Motivazione : formato)
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Lun Dic 29, 2008 4:46 pm

Oggi, 29 dicembre alle ore 19, la Rete Docenti Precari Bari organizza, presso la sua sede in largo Monsignor Curi n. 1, una festa di autofinanziamento aperta a tutti: colleghi precari e non, amici, conoscenti. E' stato invitato anche l'assessore all'istruzione del Comune di Bari, Pasquale Martino, e una docente di scuola primaria che è anche consigliere provinciale di Rifondazione Comunista, Tonia Guerra. Sarannoi offeti cibo e bevande e l'autofinanziamento sarà realizzato attraverso i giochi "Trombola della Gelmini" e "Tremontinfiera", che prevedono per i vincitori oggetti premio, messi a disposizione degli aderenti all'associazione, invece che denaro.
Di seguito il link per vedere la brochure usata per l'invito.

http://retedocentiprecaribari.files.wordpress.com/2008/12/invito-festa.jpg?w=480
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Sab Feb 20, 2010 5:24 pm

La Rete Docenti Precari Bari convoca un’assemblea pubblica martedì 23 febbraio alle ore 17.30 presso i locali dell’Osservatorio Sud in via Buccari 120/B (guarda la mappa) per discutere il seguente ordine del giorno:

  1. organizzazione iniziative regionali e nazionali per la scuola pubblica (v. anche qui);

  2. discussione sulla riforma della scuola secondaria di secondo grado;
  3. consegna delle tessere agli iscritti;
  4. varie ed eventuali.

--
Rete Docenti Precari Bari
web: http://retedocentiprecaribari.netsons.org
forum: http://retedocentiprecaribari.netsons.org/?page_id=3
mail: retedocentiprecaribari@gmail.com
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Antonino Buonamico il Mar Mar 09, 2010 9:00 am

Noi della Rete Docenti Precari Bari stiamo raccogliendo adesioni per un pullman, messo a disposizione dai Cobas Scuola, per andare a Roma il 12 marzo alla manifestazione nazionale in difesa della scuola pubblica statale e dei diritti di noi precari della scuola. Si parte giovedì sera tardi e si torna venerdì sera. C'è da versare agli organizzatori un contributo di 10 euro. Chi vuole può fermarsi a Roma per continuare ad "assediare il MIUR" sabato e domenica, ma dovrà tornare con mezzi propri. Se volete aderire il mio numero è 3284680951.
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5393
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: PUGLIA Iniziative 2009

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum