Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 4:28 pm

A Napoli piove a scatafunno non so come e quanto riusciremo a fare
sono davvero incazzata, non è possibile che ogni volta accada qualcosa sembra che siamo perseguitati

noi ci avviamo alla rai speriamo che tutti quelli che mi hanno dato l'adesione non si facciano spaventare

in bocca al lupo a tutti voi
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonino Buonamico il Ven Nov 06, 2009 4:41 pm

Anche da noi piove, ma spero che entro le 16 smetta. Speriamo...
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5451
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Ivana Lo Giudice il Ven Nov 06, 2009 5:19 pm

A Enna non c'è una sede RAI quindi spero che nelle provincie dove sta avvenendo il sit-in oggi, tempo permettendo, leggo, si arrivi all'obiettivo, e speriamo che stasera i tg REGIONALI parlino un pò di più.....
avatar
Ivana Lo Giudice
Coordinatore
Coordinatore

Femminile Numero di messaggi : 14
Località : Enna
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Enna
Contributo al forum : 2981
Data d'iscrizione : 02.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 9:23 pm

nonostante la pioggia , abbiamo avuto una mezzoretta di tregua, abbiamo potuto dare sfogo alla nostra rabbia, abbiamo ottenuto quasi subito l'inviato e il cameramen che ha ripreso tutta la coreografia, ho anche rilasciato un intervista e consegnato il documento. ci hanno detto che andremo in onda stasera alle 19,30
abbiamo lasciato il presidio alle 18,45 perchè ha ripreso a piovere
c erano i napoletani gli avellinesi e i beneventani, gli studenti , la flc ( senza bandiere) i giovani comunisti
stiamo avedere
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 9:48 pm

nel servizio c eavamo , hanno detto in poche parole quello che chiedevamo ma non hanno mandato la mia intervista

ci accontentiamo??? nooooooooooooooo
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da mara0808 il Ven Nov 06, 2009 9:51 pm

??????????? il servizio è durato poco più di 1 minuto.......assurdo non mandare l'intervista e la parte migliore della manifestazione(quella degli slogan e della protesta)..................ma che cavolo!!!!!!!!!
avatar
mara0808
Esperto/a
Esperto/a

Femminile Numero di messaggi : 196
Località : Napoli
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3515
Data d'iscrizione : 10.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da ldonofri il Ven Nov 06, 2009 10:02 pm

Ho appena rilasciato questa intervista a un giornale locale, vi allego copia:
ORA BASTA CON QUESTA INFORMAZIONE, PARDON DISINFORMAZIONE …




Non possiamo ancora tollerare il comportamento degli organi d’informazione, stampa nazionale, televisione pubblica (RAI) che continuamente ci informa di argomentazioni assurde, a dir poco ridicole. Da mesi la Rai in particolare rivolge l’attenzione alle vicende personali del nostro capo del governo, escort, veline, ora ai trans, ai crocefissi, alle bugie della Gelmini, alle offese pubbliche di Berlusconi. Mai pronunciata la parola scuola. Nessun riferimento alla distruzione della scuola pubblica messa in atto dalla Gelmini, in ossequio agli ordini di Tremonti, al licenziamento di 20000 docenti, 20000 famiglie sul lastrico. La scuola che grazie ai tagli voluti da questo governo è letteralmente in panne, vive momenti di grossi disagi: non ci sono fondi neanche per comprare la carta igienica, per pagare i supplenti, per le mense scolastiche. Devono arrangiarsi, devono ovviare alla mancanza di insegnanti con i collaboratori scolastici a sorvegliare le classi, a distribuire gli alunni in altre classi, già di per sé affollate. In queste condizioni, non si può insegnare, il compito del docente è solo quello di sorveglianza.

Tutto questo a causa dei tagli voluti dal nostro governo: meno personale scolastico, + alunni x classe in aule per buona parte non a norma di sicurezza, meno ore d’insegnamento agli alunni, in buone parte per il tempo prolungato, creando non pochi disagi alle famiglie.

Tutto questo la società civile non lo sa, perché non è informata. La scuola, patrimonio di tutti noi, viene continuamente smantellata. Assistiamo continuamente a bugie del nostro ministro, che dice che tutto va bene, ci parla di grembiulini, di voto in condotta, di valutazione numerica, del maestro unico prevalente che si fa carico di tutti i problemi come ai tempi del libro Cuore: sono solo chiacchere, formalismi, propaganda politica che rispondono ad un solo obiettivo: risparmiare, tagliare, contenere i posti..

E ora dovete sapere chi è veramente il precario della scuola:

un insegnante che mediamente da 5-10-15-20 anni puntualmente viene assunto il 1 settembre e licenziato il 30 giugno, ogni anno!! I precari vengono sfruttati, umiliati ed offesi!! Vengono, da anni, costantemente illusi di ottenere l’agognata stabilizzazione, cioè l’immissione in ruolo, cosa che puntualmente viene disattesa. Ed ora l’amarezza di non essere più insegnanti e non essere neanche più precari. A 50 ANNI SIAMO NULLA.



Luigi D’Onofrio Coordinatore del CPS Avellino in occasione del sit in del 06 novembre davanti alla sede RAI di Napoli
avatar
ldonofri
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 246
Età : 59
Località : Prata di Principato Ultra (Av)
Ordine scuola : Secondaria I gr.
Organizzazione : CPS Avellino


Contributo al forum : 3734
Data d'iscrizione : 23.07.08

http://www.luigidonofrio.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonella Trupia il Ven Nov 06, 2009 10:08 pm

Da noi a Palermo il cameramen non c'era, abbiamo consegnato il documento al Responsabile Redazione Siciliana. Hanno mandato comunque in onda il servizio nominando Catania e Palermo, con le immagini e un'intervista di Catania, si vedevano le magliette e le bandiere del CPS.
avatar
Antonella Trupia
Esperto/a
Esperto/a

Femminile Numero di messaggi : 312
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : FLC CGIL
Contributo al forum : 3494
Data d'iscrizione : 12.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 10:18 pm

anche a noi bandiere e magliette ma come si fa a pubblicare i video dei tg regionali??
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Brunello Arborio il Ven Nov 06, 2009 10:33 pm

Invito a postare i resoconti dei sit-in davanti alle sedi Rai, inizio io.

Da Terni siamo partiti in 7 sotto una pioggia torrenziale per arrivare alle 15,30 davanti alla sede Rai di Perugia.
Per fortuna a Perugia il tempo ha tenuto, qualche goccia e nuvoloni ma nulla di più.
Presenti una sessantina di persone, rappresentanti di tutti i sindacati e di PRC e PD, oltre agli studenti universitari.
Sono stato intervistato da Umbria TV, il servizio mandato in onda da Rai3 non è stato nulla di particolare, oltretutto senza interviste per un problema tecnico, hanno però promesso una intervista che dovrebbe andare in onda su buongiorno regione giovedì mattina.
Abbiamo anche provato a bloccare la strada vicina alla sede RAI ma gli agenti in borghese della DIGOS hanno iniziato a sbraitare. Wink


Ultima modifica di Brunello Arborio il Sab Nov 07, 2009 12:09 am, modificato 2 volte
avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7259
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 10:40 pm

A Napoli eravamo un buon numero onestamente non li ho contati
oltre ai napoletani c erano avellino e benevento, studenti flc( senza bandiere) i giovani comunisti , insomma tutti quelli che avevano aderito
da noi la pioggia è stata torrenziale e viale marconi era quasi impraticabile abbiamo avuto un'oretta di tregua durante la quale abbiamo dato sfogo alla nostra creatività ( non proprio come desideravamo )
il tg ha trasmesso ma anche nel nostro caso nulla di particolare
spero il nostro ufficio stampa monti velocemente i servizi
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Emma Giannì il Ven Nov 06, 2009 10:40 pm

avatar
Emma Giannì
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2680
Località : SCIACCA(AG)
Ordine scuola : Secondaria A029-A030
Organizzazione : Rete Precari Scuola Agrigento
Tesserata CGIL
Contributo al forum : 6241
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Ven Nov 06, 2009 10:46 pm

emma non lo so fare
voglio dimostrare che continuano a censurarci
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonino Buonamico il Ven Nov 06, 2009 11:02 pm

Ecco un primo resoconto estemporaneo della nostra manifestazione. Davanti alla sede regionale della RAI in via Dalmazia a Bari, c'eravamo noi della Rete Docenti Precari Bari e i colleghi di Professione Precario della provincia di Foggia. C'era anche una delegazione di universitari, dell'flc CGIL che ha portato le sue bandiere e di Rifondazione Comunista. Per fortuna aveva smesso di piovere. Avendo avvisato la questura, c'erano carabinieri in assetto antisommossa con tanto di cellulare, e la Digos. Abbiamo portato le bandiere e le magliette del CPS e alcuni cartelli. Siamo stati intervistati da un'emittente locale, Antenna Sud, che ha diffuso un ampio servizio sulla manifestazione e un'intervista alla nostra coordinatrice, Maria Rita Gadaleta. Una delegazione, formata dalla stessa Maria Rita e da Saverio Santoro di Professione Precario, è stata ricevuta all'interno dal capo redattore della RAI al quale ha illustrato le ragioni della protesta. Un giornalista è sceso e ha concesso una breve intervista a una nostra collega, Patrizia Bottalico. Il tg3 regionale ci ha dedicato un breve servizio con l'intervista, tagliata non nella parte in cui si lamentava una scarsa attenzione da parte dei media ma in quella in cui si contestavano i dati della Gelmini sul numero di alunni per classe.
Ecco il link del Tg3 regionale pugliese, verso la metà il servizio

http://www.inforegioni.rai.it/puglia.htm


Ultima modifica di Antonino Buonamico il Ven Nov 06, 2009 11:37 pm, modificato 1 volta
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5451
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 1:18 am

avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da pfasce il Sab Nov 07, 2009 1:25 am

A Genova ci siamo dati appuntamento alle 16.00, i giornalisti sono scesi alle 16.15 e abbiamo fatto una bella chiacchierata. Il cronista e' stato molto attento e professionale, ha preso appunti e gli abbiamo consegnato il documento che incollo qui di seguito. Il servizio e' andato in onda nel TG delle 19.30. Non eravamo moltissimi, ma il comunicato stampa che ha preceduto l'iniziativa ha fruttato anche un'intervista radiofonica.

Al minuto 6, finche' dura:
http://www.inforegioni.rai.it/liguria.htm

Ciao ciao.






Al direttore della RAI
Regione Liguria, Victor Balestreri


Al direttore della
redazione giornalistica della RAI Regione Liguria, Sergio Farinelli





Il
Comitato Precari Liguri della Scuola aderisce all'iniziativa del
Coordinamento Precari Scuola Nazionale e attraverso il sit-in di
oggi, 6 novembre 2009, davanti alla sede regionale della RAI, vuole
denunciare l'oscuramento mediatico che subisce l'intero mondo della
scuola in un momento nel quale anche Vanity Fair si accorge del “più
grande licenziamento di massa della storia della Repubblica”.





Il
Comitato Precari Liguri della Scuola si distingue in ambito nazionale
per le proposte concrete che incalzano il Governo Berlusconi sul
merito delle cose. Siamo gli estensori della “Proposta scientifica
per un veloce assorbimento delle graduatorie ad esaurimento” e
delle numerose “Sfide sul merito” con le quali abbiamo proposto
concreti interventi per il miglioramento dell'offerta scolastica:
scuole pedagogiche affidate ai precari anche nell'istruzione
secondaria, concorsi per dirigenti aperti agli insegnati precari
(mediamente più giovani, spesso più titolati), fino alla recente
proposta di revisione di contratto per avvicinare il sistema
scolastico italiano a quello finlandese, vincente nelle rilevazioni
internazionali.





Per
contro il Governo scrive:


Ai
fini di una migliore qualificazione dei servizi scolastici e di una
piena valorizzazione professionale del personale docente, a decorrere
dall'anno scolastico 2009/2010, sono adottati interventi e misure
volti ad incrementare, gradualmente, di un punto il rapporto
alunni/docente, da realizzare comunque entro l'anno scolastico
2011/2012, per un accostamento di tale rapporto ai relativi standard
europei tenendo anche conto delle necessità relative agli alunni
diversamente abili. (Legge 6 agosto 2008, n. 133; Art.64)





Giacché
siamo capaci di leggere e decodificare il linguaggio ministeriale, ci
permettiamo di volgarizzare e traduciamo per tutti: “Per aumentare
la qualità nella scuola, aumentiamo il numero degli alunni per
classe”.






La
Legge 133/08 e la finanziaria 2009 hanno previsto un piano di tagli
di risorse e, di conseguenza, di posti di lavoro, che cambierà
significativamente il volto del sistema scolastico, attaccando la
scuola pubblica, a partire da quella che le rilevazioni
internazionali evidenziano tra le eccellenze: la scuola primaria.





Per
il triennio 2009/2012 sono previsti tagli per 7 miliardi e 832
milioni di euro per la scuola, mentre 1 miliardo e 441 milioni
verranno sottratti all'università; verranno, inoltre, congelati i
finanziamenti agli enti di ricerca, e ridotti quelli alle istituzioni
artistiche e musicali. Il governo decide così di tagliare nel
settore della conoscenza e della formazione, quel settore che, al
contrario, sarebbe necessario potenziare con adeguati investimenti ,
perché di vitale importanza alla crescita e allo sviluppo economico
del paese.





È
utile ricordare che negli Stati Uniti d'America, già prima di essere
eletto, il presidente Obama si è presentato al popolo del suo paese
con una proposta shock: “
Arruolerò
legioni di insegnanti pagandoli meglio anche a costo di aumentare le
tasse!
”.
La soluzione statunitense alla crisi finanziaria è quella di
investire nel medio e nel lungo periodo, a partire dalla scuola.





I
tagli imposti alla scuola dal ministro Tremonti non solo
costituiscono un gravissimo attacco al diritto al lavoro, in quanto
determineranno una riduzione dell'organico di circa 87.000 docenti e
43.000 ATA, ma avranno altresì ripercussioni didattiche e
qualitative disastrose.





L'introduzione
del maestro unico nella scuola primaria, l'innalzamento del rapporto
alunni/docente e la conseguente formazione di classi sempre più
numerose, la riduzione dell'orario scolastico, la ridefinizione dei
curricoli e la scomparsa delle sperimentazioni, la riduzione delle
ore di sostegno per gli alunni diversamente abili, sono tutte scelte
che incideranno negativamente sulla qualità dell'offerta formativa.





Per
l'a.s. 2009/2010, i tagli ammontano a 42.500 docenti e 15.000 ATA.






Dopo
decenni di assunzioni ope legis, con l'avvento del terzo millennio,
finalmente, la maggioranza degli insegnanti è stata formata tramite
le Scuole di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario alle
quali si accedeva tramite concorso, determinando una forte selezione
in ingresso. Sono questi, in maggioranza, gli insegnanti che verranno
tagliati: insegnanti preparati, selezionati, motivati, meritevoli.





A
nostro avviso, si tratta di un grave attacco al diritto al lavoro ed
al diritto allo studio, sanciti dalla Costituzione.





Da
più di un anno il nostro Coordinamento, così com'è avvenuto in
ogni parte d'Italia, si è mobilitato contro questo stato di cose.
Abbiamo messo in campo, sia a livello locale che a livello nazionale,
tutte le iniziative che abbiamo ritenuto più efficaci per
coinvolgere l'opinione pubblica, per sensibilizzare non solo i
soggetti direttamente coinvolti nel mondo della scuola, ma anche la
società civile stessa, perché riteniamo che la scuola sia
patrimonio di tutti e che la sua difesa sia interesse comune. Ma, in
questa battaglia, ci siamo dovuti scontrare contro il muro di
silenzio dei media che, anziché sostenerla con un'adeguata
informazione, hanno spesso colpevolmente taciuto la drammaticità
della situazione. Questo silenzio ha contribuito ad isolare la nostra
mobilitazione, laddove, al contrario, c'era bisogno di estenderla al
maggior numero di soggetti.






Non
sorprende il fatto che i primi alleati degli insegnanti precari sui
temi della qualità dell'offerta scolastica sono proprio i genitori,
in particolare il Coordinamento Genitori Democratici, che ci
sostengono e con noi lavorano e collaborano alla promozione di
proposte e alternative.





Per
uscire da questo isolamento, a livello nazionale abbiamo dovuto
mettere in atto le forme più eclatanti di protesta che si sono
concretate nelle maniere più varie sul territorio nazionale: dalle
occupazioni dei provveditorati ai presìdi permanenti di fronte agli
Uffici Scolastici Regionali e alle Prefetture, dagli incatenamenti
agli scioperi della fame, dalle manifestazioni sui tetti ai precari
lavavetri ai semafori.





Siamo
dovuti ricorrere a forme di mobilitazione ad alto impatto mediatico,
per avere i riflettori puntati su di noi per qualche scampolo di
telegiornale.





Passati
i momenti più "caldi", è calato nuovamente il sipario sul
precariato scolastico. Persino la nostra manifestazione nazionale del
3 ottobre, salvo rare eccezioni, è passata sotto silenzio ed è
stata completamente oscurata proprio dalla manifestazione per la
libertà d'informazione alla quale abbiamo pure collaborato.






In
quella occasione abbiamo chiesto ed ottenuto di intervenire dal palco
di Piazza del Popolo, per fare arrivare la nostra voce alle decine di
migliaia di persone che erano lì per difendere un diritto
fondamentale della nostra Costituzione come la libertà di stampa.
Ma, la nostra presenza non era esente da critiche, anzi, abbiamo
posto con forza la necessità che i mezzi d'informazione si
occupassero del paese reale, quello delle lotte sociali e delle
mobilitazioni dei lavoratori, non quello delle "escort" e
dei festini.





Certo,
non sono mancate interviste, foto, riprese, ma di tutto questo
materiale ben poco è stato effettivamente mandato in onda dalle
televisioni o pubblicato sui giornali. Se si è parlato di scuola, lo
si è fatto per lo più facendo sentire una sola campana, quella del
Governo e del Ministro dell'Istruzione, che sempre più spesso si
manifestano in televisione senza un serio contraddittorio. Siamo
convinti che per contrastare le affermazioni del Ministro Gelmini sia
sufficiente un insegnante estratto a caso sull'intero territorio
nazionale.





La
scuola pubblica costituisce un pilastro insostituibile della nostra
società e della nostra democrazia, e il pericolo di smantellamento
del sistema pubblico di istruzione, formazione e ricerca è reale.
Tale situazione esige un'informazione costante e puntuale, mentre
finora è stata sporadica, parziale e, spesso, mistificata. Riteniamo
che i mezzi di informazione, in primis il servizio pubblico, abbiano
il dovere di raccontare la verità, e l'unico modo per farlo è dare
voce ai diretti interessati: i precari.






Siamo
gli unici a conoscere il problema in tutti i suoi aspetti, in quanto
lo viviamo sulla nostra pelle ogni giorno, ma soprattutto per le
competenze che ci sono proprie e che non appartengono neppure ai
rappresentanti del governo e delle istituzioni. Competenze che
producono proposte, come ad esempio la “proposta scientifica per un
veloce esaurimento delle graduatorie ad esaurimento” che ci
piacerebbe discutere con la presidente della Commissione Cultura
della Camera dei Deputati, on. Valentina Aprea.





Per
questo motivo chiediamo servizi giornalistici più fedeli alla
realtà, ma soprattutto di partecipare in prima persona a quei
programmi di approfondimento politico, culturale e sociale, come
Annozero, Ballarò, Porta a Porta, sulla RAI, Otto e mezzo su La 7,
che non di rado si occupano di tematiche del lavoro e che, spesso,
hanno dato voce ai protagonisti di alcune delle vertenze più
significative del nostro paese. Anche i precari hanno diritto ad
avere uno spazio per spiegare cosa sta accadendo nel mondo della
scuola.





Il
Comitato Precari Liguri della Scuola, pertanto, chiede a Voi
direttori della sede regionale della RAI di farvi portavoce presso la
sede nazionale delle nostre istanze.





Sicuri
di un vostro immediato interessamento, ringraziamo anticipatamente e
porgiamo distinti saluti.
avatar
pfasce
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 369
Età : 50
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Comitato Precari Liguri
Contributo al forum : 3680
Data d'iscrizione : 22.07.08

http://www.fasce.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Sab Nov 07, 2009 1:27 am

voglio i video non le foto


non riesco ad aprire i tg regionali , ci vuole un programma particolare??
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da pfasce il Sab Nov 07, 2009 1:38 am

antonella vaccaro ha scritto:voglio i video non le foto
non riesco ad aprire i tg regionali , ci vuole un programma particolare??

Io li vedo con Real Player.
avatar
pfasce
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 369
Età : 50
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Comitato Precari Liguri
Contributo al forum : 3680
Data d'iscrizione : 22.07.08

http://www.fasce.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Sab Nov 07, 2009 1:40 am

da dove o scarico??
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da pfasce il Sab Nov 07, 2009 1:45 am

antonella vaccaro ha scritto:da dove o scarico??

www.realplayer.com
avatar
pfasce
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 369
Età : 50
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Comitato Precari Liguri
Contributo al forum : 3680
Data d'iscrizione : 22.07.08

http://www.fasce.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da pfasce il Sab Nov 07, 2009 1:52 am

avatar
pfasce
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 369
Età : 50
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Comitato Precari Liguri
Contributo al forum : 3680
Data d'iscrizione : 22.07.08

http://www.fasce.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 1:58 am

antonella vaccaro ha scritto:da dove o scarico??

se non installi realplayer non vedi tg3 regionale
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 2:29 am



è vecchiotto ma sempre attuale
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Matteo V il Sab Nov 07, 2009 3:14 am

Non esaltante la partecipazione
buono il servizio vedi al minuto 12.45

http://www.inforegioni.rai.it/emiliaromagna.htm
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3482
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Sab Nov 07, 2009 3:25 am

Matteo V ha scritto:Non esaltante la partecipazione
buono il servizio vedi al minuto 12.45

[url=http://www.inforegioni.rai.it/emiliaromagna.htm
http://www.inforegioni.rai.it/emiliaromagna.htm[/quote[/url]]



ottimo servizio credo il migliore finora

non importa la quantità dei partecipanti matteo ma la qualità

fai i miei complimenti alla collega e dici a eddie che era bellissimo
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Matteo V il Sab Nov 07, 2009 3:41 am

[quote="antonella vaccaro"]
Matteo V ha scritto:Non esaltante la partecipazione
buono il servizio vedi al minuto 12.45

http://www.inforegioni.rai.it/emiliaromagna.htm[/quote]



ottimo servizio credo il migliore finora

non importa la quantità dei partecipanti matteo ma la qualità

fai i miei complimenti alla collega e dici a eddie che era bellissimo

ok però subito dopo a panino c'è il servizio sulle scuole paritarie che da noi sono gestite anche da cooperative si sottilinea il successo per l'incremento degli iscritti alle superiori del 14% e si lamenta un'educazione che guarda troppo il profitto e non più ai valori della persona...

e il tram ricomincia a girare....
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3482
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

DA REGGIO CALABRIA RINVIATO IL SIT-IN DEL 6 NOVEMBRE MA...

Messaggio Da CPSRC il Sab Nov 07, 2009 4:20 am

DA REGGIO CALABRIA RINVIATO IL SIT-IN DEL 6 NOVEMBRE MA...


Il Comitato Precari Scuola di Reggio Calabria aveva protestato il 25 settembre (link di seguito) davanti la sede RAI Calabria ma, per ragioni organizzative, ha deciso di rinviare il sit-in del 6 novembre ad altra data.
Nella stessa giornata una rappresentanza dei precari è stata invitata presso la trasmissione televisiva "Il salotto dell'editore" trasmesso su ReggioTV una importante emittente televisiva privata che trasmette dal centro dello Stretto e diffonde informazioni in buona parte della Calabria e della Sicilia.
L'editore e anche conduttore del programma si è dimostrato sensibile alla questione dei precari invitandoli nuovamente venerdì prossimo per approfondire meglio l'argomento.
Un percorso che prosegue per i precari ma anche una ulteriore conquista che servirà da lezione alla Rai Calabrese poichè l'editore di ReggioTV ha sempre distinto la sua emittente in ambito giornalistico approfondendo tematiche di forte sensibilità.



---------------------------------------------------


Venerdì 6 novembre alla trasmissione “Il salotto dell’editore” (RTV), quattro rappresentanti hanno fatto da portavoce per il comitato precari di Reggio Calabria, i Prof. Mimmo Iacopino, Giovanni Portas, Prof.ssa Luisa Nucera e per il personale ATA Pasquale Alfano i quali hanno parlato della protesta dei precari contro la riforma Gelmini. La trasmissione è stata registrata alle ore 16.00 e trasmessa in prima serata nello stesso giorno.
Alla redazione sono stati consegnati materiale video, immagini e testi riguardanti le attività svolte dal comitato reggino.
Sulla questione dei tagli alla scuola e del conseguente licenziamento di massa del personale scolastico, un dramma che ha colpito soprattutto il sud Italia. L'emittente RTV approfondirà l'argomento con i precari stessi in un'altra serata e non si esclude la realizzazione speciali per coinvolgere l'opinione pubblica nello Stretto.



Segue nota in sintesi della lettera inviata alla redazione di RTV che ha anticipato gli argomenti che i precari avrebbero esposto durante la trasmissione.

---------------------------------------------------------------------------------

Gent.ma redazione di ReggioTV
reggiotv@reggiotv.it


Ringraziamo a nome del Comitato Precari della Scuola di Reggio Calabria l'interesse della Vostra emittente a dar voce alla questione dei lavoratori scolastici, che soprattutto al sud Italia sono stati colpiti dalla recente riforma Gelmini. I precari inoltre lamentano la scarsa visibilità attraverso l'informazione locale e nazionale e l'indifferenza dell'opinione pubblica.
Con questa lettera confermiamo, come da accordi intercorsi, la presenza di quattro nostri componenti presso la trasmissione "Il Salotto dell'editore" di venerdì 6 nov. 2009 quali portavoce delle problematiche che le recenti vicende stanno causando alla scuola pubblica ed ai lavoratori scolastici.



Nota
La protesta dei precari

Il Comitato Precari Scuola della provincia Reggio Calabria si è costituito libero da appartenenze politiche e sindacali ma aperto al dialogo allo scopo di protestare e mantenere attiva la lotta contro l’assurdo progetto del governo Berlusconi, che avendo tagliato i fondi alla scuola (8 mld di euro) nel 2008, sta causando il più grande licenziamento di massa del personale precario scolastico docente e ATA, e il preannunciato smantellamento della scuola pubblica. La protesta è condivisa da tutti i lavoratori precari della scuola d'Italia, che dopo molti anni di servizio si ritrovano in mezzo ad una strada senza neppure prospettive certe. Un atto delinquenziale legalizzato da un'assurda riforma scolastica di improbabile riuscita e da decreti che rimandano alle regioni il problema dei precari.

La protesta dei precari contesta gli effetti devastanti del piano dei tagli, messo in atto dai ministri Tremonti e Gelmini che contemplano 57.000 posti di personale scolastico in meno soltanto per l’anno 2009-10 che arriveranno a più di 150.000 entro i prossimi due anni. Tutto questo denuncia la totale assenza di un’idea di scuola come fondamentale ed irrinunciabile luogo di costruzione della democrazia, della cittadinanza, dell’integrazione, dell’inclusione sociale e culturale. Alle famiglie ed ai loro ragazzi verrà negato il diritto all’apprendimento quale mezzo di distinzione per l’ingresso nel mondo del lavoro.


I precari della scuola di tutta Italia denunciano l’oscuramento mediatico di cui sono vittime da quando hanno iniziato la battaglia per la difesa della scuola pubblica e del loro posto di lavoro.

Le preoccupazioni di chi è rimasto senza lavoro all’età di 50 anni, allarmato dalla sciagura di non avere prospettive alternative perchè tagliato fuori da ogni contesto lavorativo. Il dramma dei lavoratori è solo agli inizi anche per chi da poco si è inserito nel mondo della scuola. Il destino dei precari è nelle mani della politica e a loro servirà una politica leale di supporto, senza veli, per poter contrastare questo dramma sociale. Un programma e una coscienza che possano proporre una "contro-riforma della scuola" e che conduca una causa continua contro la maggioranza in parlamento e sui mezzi di comunicazione. Per i precari, il meridione è una parte repressa del paese e non offrirà prospettive di lavoro alternative. Questa riforma scellerata sulla pelle dei lavoratori, che ripenserà il nuovo sapere (?), in futuro istruirà nuovi insegnanti con immediata immissione in ruolo, mentre per 150 mila precari non ci sarà stabilizzazione. Servirà pertanto una battaglia culturale forte a livelli alti da intraprendere immediatamente sui mezzi d'informazione locali e nazionale. La distruzione della scuola pubblica sarà anche di tipo sociale.

Di recente, merito di numerose cause contro la riforma si è dimostrata la vulnerabilità della Ministra Gelmini e dei suoi decreti, ma i precari nonostante si siamo rivolti alla giustizia si ritroveranno un emendamento dal governo che annullerà i loro ricorsi. Con atteggiamenti del genere da parte di questo governo, se i tribunali in Italia non avranno più poteri, i cittadini a chi si dovranno rivolgere ?
Queste le perplessità per i precari che contro questi tagli continueranno una battaglia aspra. La barriera da superare sarà l’ostruzionismo della maggioranza la quale neppure di fronte al più grande licenziamento di massa della storia intenderà fermarsi e l'oscuramento mediatico. Sulla questione precari purtroppo manca la comunicazione reale agli italiani che dovranno prendere coscienza di un grave atto delinquenziale contro la scuola e i suoi lavoratori. La politica e i mezzi d'informazione con i precari bisognerà fare resistenza contro questa “porcata” del governo Berlusconi, come sostiene l'on. Di Pietro, perché l’immaginario collettivo si è convinto che i precari sono una categoria di “fannulloni”, “vagabondi” e “spreconi” che rubano i soldi allo stato.


I tagli alla scuola pubblica sono causati principalmente da:
• Introduzione del Maestro Unico ed eliminazione delle compresenze e del modulo.

• Accorpamento degli edifici scolastici con conseguente aumento del numero degli alunni per classe, che spesso giungono ad essere più di 30 violando le norme sulla sicurezza scolastica.

• Obbligo del completamento a 18 ore di lezione e conseguente eliminazione delle ore a disposizione. L’assegnazione delle classi non viene più fatta in base a criteri di coerenza disciplinare, ma con l’unico obiettivo di riempire il monte ore settimanale del docente.

• Aumento dell’orario di lavoro per il personale docente (straordinari imposti, con cattedre che a volte giungono a 24 ore, spesso accettate per incrementare uno stipendio tra i più bassi d’Europa!) e che di fatto potrebbero dare possibilità di supplenza ai precari che ne avrebbe necessità.

• Riduzione dell’orario di alcune materie (per esempio, due ore in meno di italiano alle medie, trasformata in una non meglio specificata ora di “approfondimento”).

• Tagli agli organici del personale docente, ATA e di sostegno!


La protesta condivisa dai precari della scuola e dagli studenti italiani:
• Dimissioni immediate del ministro Gelmini.
• Ritiro dei tagli alla scuola pubblica previsti dalle legge 133 e di tutti i provvedimenti con cui sono stati attuati.
• Ritiro della legge 169/08 (maestro unico)
• Ritiro del DDL Aprea.
• Ritiro del dl 134 / 25-09-09 nel quale non rientrano tutti i lavoratori della scuola e si regionalizzano i precari.
• Abolizione del tetto massimo di un insegnate ogni 2 alunni diversamente abili (l.244/07)
• Immissione in ruolo dei precari su tutti i posti vacanti.
• Diritto allo studio per tutti.


Reggio Calabria, 5 nov. 2009


Giovanni Portas
componente Comitato Precari Scuola di Reggio Calabria
http://cpsrc.wordpress.com/


Ultima modifica di CPSRC il Mar Nov 10, 2009 2:54 am, modificato 1 volta

CPSRC
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 22
Località : Reggio Calabria
Ordine scuola : .
Organizzazione : CPS Reggio Calabria
Contributo al forum : 3045
Data d'iscrizione : 26.09.09

http://cpsrc.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Sab Nov 07, 2009 1:22 pm

questo a firenze

Ci siamo anche noi: servizio al 10 minuto durante il quale NON CI HANNO VOLUTO INTERVISTARE! Hanno mandato solo il cameraman, senza audio, poi abbiamo protestato perché volevamo almeno dire una parola, e allora..hanno mandato una seconda volta la telecamera senza audio..simpaticissimi!
Ecco il servizio
rtsp://mm3.rai.it/regioni/toscana/tgr/20091106new1biftgr_ore_19_30_del_giorno_6_novembre_2009-toscana-00.rm
o
http://www.inforegioni.rai.it/toscana.htm
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da pfasce il Sab Nov 07, 2009 4:14 pm

http://www.inforegioni.rai.it/puglia.htm
http://www.inforegioni.rai.it/liguria.htm (un servizio al 6 minuto)
http://www.inforegioni.rai.it/campania.htm (pochissimi secondi)
http://www.inforegioni.rai.it/umbria.htm (un servizio)
http://www.inforegioni.rai.it/emiliaromagna.htm (10 min 40 s).
http://www.inforegioni.rai.it/toscana.htm

Ne consegue che abbiamo raccolto 6 servizi sulle emittenti locali (piu' vari passaggi radiofonici e su altre televisioni).

Direi che e' andata bene.

Ciao ciao.
avatar
pfasce
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 369
Età : 50
Località : Genova
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Comitato Precari Liguri
Contributo al forum : 3680
Data d'iscrizione : 22.07.08

http://www.fasce.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonino Buonamico il Sab Nov 07, 2009 4:34 pm

Bene, in almeno sei regioni c'è stata una manifestazione. Ma anche in Sicilia, a Palermo e Catania. Come mai non c'è il link? E in altre regioni, cosa è successo? A Roma dovevano manifestare davanti alla sede nazionale RAI. Cosa è successo là? Pronto, ci siete? Ce lo fate un resoconto?
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5451
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 4:40 pm

Di tutti i servizi quello di Bologna è il più apprezabile non c'è dubbio.

Riflessioni: Anche questo evento seppur regionale ha avuto un buon impatto mediatico, penso che continuare sulla strada delle manifestazioni sia il compito che tutti noi dobbiamo assolvere, è l'unico strumento che abbiamo e usiamolo sempre, i parlamentare devono essere tallonati, sentire il nostro fiato sul collo, devono sapere che saranno giudicati e processati del loro operato da migliaia e migliaia di persone, non si possono più nascondere , le tv e i giornali dovranno ritornare a fare il loro mestiere e non essere al servizio dei potenti, la rete, la nostra rete è e sarà il nostro punto di riferimento , con la partecipazione di tutte le diverse anime che ne fanno parte perchè questo è il vero sale della democrazia.

Vincenzo
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Matteo V il Sab Nov 07, 2009 4:53 pm

precarioinlotta ha scritto:Di tutti i servizi quello di Bologna è il più apprezabile non c'è dubbio.

Riflessioni: Anche questo evento seppur regionale ha avuto un buon impatto mediatico, penso che continuare sulla strada delle manifestazioni sia il compito che tutti noi dobbiamo assolvere, è l'unico strumento che abbiamo e usiamolo sempre, i parlamentare devono essere tallonati, sentire il nostro fiato sul collo, devono sapere che saranno giudicati e processati del loro operato da migliaia e migliaia di persone, non si possono più nascondere , le tv e i giornali dovranno ritornare a fare il loro mestiere e non essere al servizio dei potenti, la rete, la nostra rete è e sarà il nostro punto di riferimento , con la partecipazione di tutte le diverse anime che ne fanno parte perchè questo è il vero sale della democrazia.

Vincenzo

riflessioni: lo sforzo non è mai vano per carità, ma l'evento non ha sfondato il carattere regionale e ha avurto visibilità nemmeno in tutte le regioni l'oscuramento continua, le grandi masse non ci sono.
da noi è passata un po' come se i precari volessero della "visibilità" e non che chiedevamo ai giornalisti di raccontare la scuola, andare a fare inchieste eccetera
sono convinto anch'io che l'unica strada da percorre è quella dei mille rivoli delle realtà locali che confluiscono piano piano come una marea che cresce.
Adesso però siamo in secca, non c'è dubbio.
Vi ricordo che la riforma delle superiori avanza e che nessun giornale nemmeno il nostro ne ha parlato.

P.S. qui non interviene nessuno? http://docentiprecari.forumattivo.com/discussioni-comuni-sul-precariato-scolastico-f1/rivedere-i-tagli-sarebbe-meglio-non-vederli-proprio-t2311.htm#20807
avatar
Matteo V
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 382
Località : Bologna
Ordine scuola : Secondaria di II gr
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3482
Data d'iscrizione : 28.08.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonella Trupia il Sab Nov 07, 2009 8:47 pm

A Palermo il cameramen era fuori sede, siamo stati ricevuti dal Responsabile Redazione Siciliana, abbiamo consegnato il documento, ci ha comunicato che le riprese e l'intervista erano state fatte già a Catania e che avrebbero mandato in onda il servizio.
Ieri sera alle 19, 30 lo hanno mandato in onda parlando dei sit in del Coordinamento Precari a Palermo e Catania, ovviamente le immagini e l'intervista erano quelle di Catania,si vedevano le magliette e le bandiere del CPS.
Io però non come si fa a cercare il servizio e metterlo qui.
avatar
Antonella Trupia
Esperto/a
Esperto/a

Femminile Numero di messaggi : 312
Località : Palermo
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : FLC CGIL
Contributo al forum : 3494
Data d'iscrizione : 12.04.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Sab Nov 07, 2009 9:20 pm

ecco i romani oscurati più di chiunque altro


avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

resoconto da catania

Messaggio Da antoniog.condorelli il Sab Nov 07, 2009 9:59 pm

ciao a tutti, sono tornato...
a catania devo dire che è andata abbastanza bene, eravamo circa un centinaio, bandiere, magliette, striscioni, cartelli...c'era di tutto: docenti, ata, studenti medi, universitari, ricercatori, bambini coi genitori...abbiamo fatto un bordello, approfittando del fatto che il tempo è stato molto clemente.
ovviamente non ci hanno ricevuti, col megafono gliene abbiamo gridate di ogni, soprattutto a quelli che si affacciavano per poi rientrare subito dopo.
abbiamo bloccato per due ore una delle principali vie di accesso a catania, vi lascio immaginare il clima di delirio che si è venuto a creare.
dopo che ci siamo attaccati al citofono (ci dicevano: "non ci sono giornalisti..." e noi risate, urli...) è venuto giù un reporter col cameraman e hanno fatto un servizio che è andato in onda al tgr delle 19.45, non male per niente!!!
una ragazza ha anche rischiato grosso di essere investita da uno scooter impazzito...meno male che è andato tutto bene...
polizia e carabinieri abbastanza solidali, bisogna riconoscerlo...

ogni fegatino di mosca è sostanza...
ciao
antuan
avatar
antoniog.condorelli
Veterano/a
Veterano/a

Maschile Numero di messaggi : 103
Età : 52
Località : catania
Ordine scuola : Secondaria II grado
Organizzazione : CPS - Catania
Contributo al forum : 3331
Data d'iscrizione : 26.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Luana il Sab Nov 07, 2009 10:04 pm

Con un pò di ritardo posto anche qui i video della protesta di Catania....senza offesa...ma son venuti credo proprio benino!!!

http://www.youtube.com/watch?v=-F4Tc5Nkk44

http://www.youtube.com/watch?v=VAM_StUoy7g

Luana
Novizio/a
Novizio/a

Femminile Numero di messaggi : 21
Località : catania
Ordine scuola : secondaria 2 grado
Organizzazione : nessuna
Contributo al forum : 3463
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 11:42 pm

Luana ha scritto:Con un pò di ritardo posto anche qui i video della protesta di Catania....senza offesa...ma son venuti credo proprio benino!!!

http://www.youtube.com/watch?v=-F4Tc5Nkk44

http://www.youtube.com/watch?v=VAM_StUoy7g
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Vincenzo il Sab Nov 07, 2009 11:43 pm

precarioinlotta ha scritto:
Luana ha scritto:Con un pò di ritardo posto anche qui i video della protesta di Catania....senza offesa...ma son venuti credo proprio benino!!!




http://www.youtube.com/watch?v=-F4Tc5Nkk44

http://www.youtube.com/watch?v=VAM_StUoy7g
avatar
Vincenzo
Coordinatore
Coordinatore

Maschile Numero di messaggi : 583
Età : 57
Località : Napoli
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 4075
Data d'iscrizione : 05.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonino Buonamico il Dom Nov 08, 2009 12:54 pm

Sì, ma i Romani? Scusate se insisto... Posso sapere comì'è andata la loro manifestazione davanti alla sede nazionale della RAI? Ancora nessuna risposta...
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5451
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da white_sharck71 il Dom Nov 08, 2009 1:28 pm

Ecco i miei tre video di cui due realizzati davanti la sede RAI Regionale di Napoli e uno è riguarda il brevissimo servizio del TG3:

1 - http://www.youtube.com/watch?v=QNV6fEtxmj4
2 - http://www.youtube.com/watch?v=36LjTjJX3KI

Questo il brevissimo servizio del TG3 regionale della Campania: http://www.youtube.com/watch?v=uShl9aD9tk0

white_sharck71
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 1
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3433
Data d'iscrizione : 23.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da antonella vaccaro il Dom Nov 08, 2009 2:16 pm

Antonino Buonamico ha scritto:Sì, ma i Romani? Scusate se insisto... Posso sapere comì'è andata la loro manifestazione davanti alla sede nazionale della RAI? Ancora nessuna risposta...


antonino tu hai sempre la testa fra le nuvole, sopra ho messo il video dei romani
avatar
antonella vaccaro
Amministratore
Amministratore

Femminile Numero di messaggi : 2769
Età : 46
Località : Napoli
Ordine scuola : Primaria
Organizzazione : CPS Napoli
Contributo al forum : 6226
Data d'iscrizione : 03.12.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Ospite il Dom Nov 08, 2009 2:17 pm

bravissimi, ragazzi, bravissimi!!!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Brunello Arborio il Dom Nov 08, 2009 2:59 pm

avatar
Brunello Arborio
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 3241
Età : 53
Località : Terni
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : CPS-Terni
Forum Precari Scuola
Contributo al forum : 7259
Data d'iscrizione : 15.07.08

http://precariscuola.135.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Antonino Buonamico il Dom Nov 08, 2009 6:55 pm

antonella vaccaro ha scritto:
Antonino Buonamico ha scritto:Sì, ma i Romani? Scusate se insisto... Posso sapere comì'è andata la loro manifestazione davanti alla sede nazionale della RAI? Ancora nessuna risposta...


antonino tu hai sempre la testa fra le nuvole, sopra ho messo il video dei romani

Ah sì, adesso lo vedo. Ma perché, loro non lo sapevano mettere? E poi ci vorrebbe un resoconto...
avatar
Antonino Buonamico
Moderatore
Moderatore

Maschile Numero di messaggi : 2317
Età : 57
Località : Bari
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Organizzazione : Rete Docenti Precari Bari
Contributo al forum : 5451
Data d'iscrizione : 27.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da fabio T. il Dom Nov 08, 2009 7:19 pm

Antonino te la do io la risposta che sono molfettese ma oramai romano d'adozione. Son fabio Tridente, ci siamo conosciuti in assemblea. Guarda, io alle quattro e mezza ho visto praricamente 5 o 6 persone credo, un genitore ed uno striscione. Complice la pioggia - dicono-.Mah.............
avatar
fabio T.
Assiduo/a
Assiduo/a

Maschile Numero di messaggi : 72
Età : 45
Località : roma /bergamo
Ordine scuola : scuola secondaria 1 grado
Organizzazione : nessuna
Contributo al forum : 3063
Data d'iscrizione : 13.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Resoconti sit-in 6 Novembre davati alle sedi Rai

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum