Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da massimo sartorato il Lun Ago 11, 2008 7:50 pm

Riporto un obiezione da parte della collega Francesca Serraglio di Venezia.

Restiamo in attesa di una gentile risposta.





L'unico punto che mi lascia perplessa è il 4º.

In un momento in cui, a mio avviso, c'è più che mai bisogno di unire le
forze, mi sembra che così come è stato è posto, il punto 4º le disperda e
crei divisione.


Certo!, è un punto a sostegno degli interessi del precario.
Ma se provo a mettermi dall'altra parte della barricata (per un attimo, sono
"diventata" di ruolo, anche se solo con la fantasia...), beh, credo che non
mi farebbe piacere leggere qualcosa che va a mettere in discussione la mia
possibilità di chiedere un trasferimento.


Insomma, non so quanto torni a nostro vantaggio inserirlo, anche perché è
insignificante rispetto a ciò che esprimono gli altri punti. E, di fatto,
potrebbe anche sollevare l'obiezione che, se un posto viene occupato in X,
un altro se ne libererà in Y.


Considerato poi che:


1. Già siamo un po' considerati come dei "paria", qualcuno che "quest'anno
c'è e il prossimo anno chissà" per cui molti non investono neanche un saluto
nei nostri confronti;


2. Già alcuni miei ex-colleghi di ruolo hanno manifestato un evidente
disappunto sapendo che non sarei stata presente alle prove per gli alunni
con sospensione di giudizio, in quanto in questo modo toccherà a loro "fare
da tappabuchi" (e riporto una frase che mi è stata detta);


3. Già avremo un bel daffare a perorare la nostra causa con loro, se
vorremmo averli dalla nostra parte, visto che o non sono mai stati precari o
hanno la memoria davvero corta;


Beh, considerato tutto ciò ed altro ancora, non so se valga davvero la pena
inserire quel 4º punto... Di fatto, quello del lavoro "dovrebbe" essere un
diritto per tutti, così come, a mio avviso, quello della mobilità.


Penso che dovremo cominciare coll'aggiungere i diritti, per tutti e non solo
per noi, visto tutti quelli che già ci sono stati tolti.


Francesca Serraglio

massimo sartorato
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 9
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3360
Data d'iscrizione : 09.08.08

Tornare in alto Andare in basso

relativamente al punto quattro del volantino

Messaggio Da tina coppola il Lun Ago 11, 2008 9:08 pm

massimo sartorato ha scritto:
Insomma, non so quanto torni a nostro vantaggio inserirlo, anche perché è
insignificante rispetto a ciò che esprimono gli altri punti. E, di fatto,
potrebbe anche sollevare l'obiezione che, se un posto viene occupato in X,
un altro se ne libererà in Y.

non credo che il punto quattro sia essenziale, e posso anche concordare sull'opportunità di cancellarlo qualora molti di noi lo considerino deleterio per i nostri rapporti con i colleghi di ruolo.
vorrei solo osservare che non è poi così semplice e automatico il meccanismo per il quale "se un posto viene occupato in X, un altro se ne libererà in Y".

il fatto che nella mia graduatoria le assegnazioni provvisorie interprovinciali verso Roma abbiano liberato posti a Tarquinia, a Caserta, ad Aprilia e a Frattamaggiore, ahimè, non mi consola! da sempre nella medesima graduatoria della medesima provincia, anno dopo anno mi colloco peggio: salgo costantemente in graduatoria e scendo costantemente nel numero di ore settimanali. sembra quasi che la competenza specifica in certe materie e la tenacia nel volerle insegnare debba essere punita...

i colleghi di ruolo hanno tutto il diritto di chiedere il trasferimento e di vederselo concesso. ma bisogna riconoscere che in certe province e in certe graduatorie l'accresciuta mobilità condanna molti precari a una difficile sopravvivenza.
avatar
tina coppola
Esperto/a
Esperto/a

Numero di messaggi : 200
Località : Roma e dintorni
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3382
Data d'iscrizione : 20.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Ospite il Lun Ago 11, 2008 9:46 pm

Troppo tardi. Il volantino è chiuso e per quanto mi riguarda va bene così.

Nel disegno di legge Gelmini, se i cari colleghi di ruolo non se ne sono accorti, c'è una norma che blocca TUTTI i trasferimenti ad anni alterni.

Il vero nemico dei trasferimenti ai docenti di ruolo, mi sembra, sia proprio il governo...

La proposta di passare dal 50 al 20% della quota-cattedre riservata alla mobilità, al contrario, va incontro proprio alle esigenze legittime dei colleghi di ruolo.

Non scriverela verità sui volantini non ci farà guadagnare di colpo la stima dei privilegiati che passano dal BENE al MEGLIO, lasciando noi precari passare dal POCO al NIENTE (vedi gli spezzoni under 7)...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

volantino comune per le convocazioni

Messaggio Da Stefano Micheletti il Mar Ago 12, 2008 12:12 pm

Ecco quello che ho risposto a francesca serraglio di venezia.

concordo con te!
Ho scazzato nel forum nazionale parecchio su questo punto ... io avevo proposto un altro volantino ... poi è stato fatto in pratica un collage di tre volantiuni diversi.

Purtroppo (ma forse anche per fortuna) nella rete ci sono gruppi diversi ... che si sono costituiti su cose particolari ... con interessi particolari.

TrA L'ALTRO nel punto 4 ci sono pure cose sbagliate ... non è vero che una volta i trasferimenti erano il 50% ed ora sono il 20%.
Sono state sempre il 50% ... solo che mettevano a ruolo tutti i posti disponibili ogni anno automaticamente ... non una misera percentuale ogni volta.

Con la legge 143/2004 era stata fissata una percentuale max del 20% che è sempre stata disattesa su volere dei sindacati.

Comunque è importante che si distribuisca un volantino unico nazionale.

Anche perchè di sicuro vogliono mettere mano alla ristrutturazione delle classi di concorso ... accorpandole ... per far insegnare più materie agli insegnanti già di ruolo che diventerano in esubero con il piano di dimagrimento della scuola previsto dal DL 112... scalzando quindi i precari ...per cui la questione della mobilità dobbiamo affrontarla.

IO direi di dare il volantino nazionale coì com'è ... mettendo sul retro la convocazione della nostra assemblea del 1 settembre e una parte sugli straordinari fino alle 24 ore che i presidi offriranno a cottimo nei collegi di inizio d'anno.

ciao

stefano micheletti venezia

PS.

Tra l'altro è vero quello che dice giallov ... i trasferimenti diventano subito biennali invece che annuali ... e poi non si sa come andrà a finire con l'assunzione diretta da perte dei presidi.
Nel momento in cui uno vince il concorso indetto dall'istituzione scolastica ... il suo ruolo sarà provinciale o di scuola???
Di sicuro uno dovrà restare che ne so 3 anni o 5 nella scuola dove ha vinto il concorso ... e per cambiare scuola ... chissà magari dovrà tentare un concorso in altra scuola dove vorrebbe essere stato trasferito...
ciao
avatar
Stefano Micheletti
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 225
Località : Venezia
Ordine scuola : Secondaria II gr. (Liceo Artistico)
Organizzazione : Rete Organizzata Docenti e Ata precari del Veneto
Contributo al forum : 3573
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da massimo sartorato il Mar Ago 12, 2008 10:41 pm

Concordo pienamente con quanto detto da Stefano Michieletti da Venezia...anche secondo me era piu' strategico seguire la sua linea.
C.que oramai il dado e' tratto!
Cerchiamo di andare avanti tutti insieme.

Cordiali saluti ,Max

massimo sartorato
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 9
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3360
Data d'iscrizione : 09.08.08

Tornare in alto Andare in basso

per una scuola non precaria ma pubblica

Messaggio Da manuel il Gio Ago 14, 2008 1:13 pm

raccogliamo le firme per una scuola in cui i precari abbiano il posto assicurato
e
per una scuola pubblica?
salvare la scuola pubblica
dovremmo cominciare già dalle convocazioni o no?
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4942
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da manuel il Gio Ago 14, 2008 1:22 pm

[quote="gialov"]Credo che l'imprecisione sia nel fatto che non tutto il 50% dei posti vada ai passaggi di cattedra.
Il 50% si riferisce complessivamente ai trasferimenti e alle assegnazioni.

Propongo quindi la seguente correzione:

[color=black][b]4) Aumentando la mobilità del personale docente (di ruolo) si sottraggono posti di lavoro ai precari. Nell’ultimo contratto nazionale, LA QUOTA MASSIMA DELLA MOBILITA’ DEL PERSONALE DOCENTE E’ SALITA DAL 20% AL 50%.

di questo mi pare, se ben ricordo, dobbiamo ringraziare i sindacati che si sono battutti per questi passaggi di ruolo
gente che insegnava alle medie una materia e che poi per un'altra materia prendeva un posto nei licei


io ho visto che nella mia graduatoria in filsofia sono anni che accade questo
per cui nessuno di noi da anni entra in ruolo...
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4942
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da tse il Gio Ago 14, 2008 3:07 pm

massimo sartorato ha scritto:Riporto un obiezione da parte della collega Francesca Serraglio di Venezia.

Restiamo in attesa di una gentile risposta.





L'unico punto che mi lascia perplessa è il 4º.

In un momento in cui, a mio avviso, c'è più che mai bisogno di unire le
forze, mi sembra che così come è stato è posto, il punto 4º le disperda e
crei divisione.


Certo!, è un punto a sostegno degli interessi del precario.
Ma se provo a mettermi dall'altra parte della barricata (per un attimo, sono
"diventata" di ruolo, anche se solo con la fantasia...), beh, credo che non
mi farebbe piacere leggere qualcosa che va a mettere in discussione la mia
possibilità di chiedere un trasferimento.


Insomma, non so quanto torni a nostro vantaggio inserirlo, anche perché è
insignificante rispetto a ciò che esprimono gli altri punti. E, di fatto,
potrebbe anche sollevare l'obiezione che, se un posto viene occupato in X,
un altro se ne libererà in Y.


Considerato poi che:


1. Già siamo un po' considerati come dei "paria", qualcuno che "quest'anno
c'è e il prossimo anno chissà" per cui molti non investono neanche un saluto
nei nostri confronti;


2. Già alcuni miei ex-colleghi di ruolo hanno manifestato un evidente
disappunto sapendo che non sarei stata presente alle prove per gli alunni
con sospensione di giudizio, in quanto in questo modo toccherà a loro "fare
da tappabuchi" (e riporto una frase che mi è stata detta);


3. Già avremo un bel daffare a perorare la nostra causa con loro, se
vorremmo averli dalla nostra parte, visto che o non sono mai stati precari o
hanno la memoria davvero corta;


Beh, considerato tutto ciò ed altro ancora, non so se valga davvero la pena
inserire quel 4º punto... Di fatto, quello del lavoro "dovrebbe" essere un
diritto per tutti, così come, a mio avviso, quello della mobilità.


Penso che dovremo cominciare coll'aggiungere i diritti, per tutti e non solo
per noi, visto tutti quelli che già ci sono stati tolti.


Francesca Serraglio


Quando, scorrendo le Ge, arriveranno a te, allora potrai usufruire della mobilità.
Le altre sono tutte scorciatoie.
Il punto 4 va bene così.
Non è possibile che ci siano persone che lavorano con contratto a tempo ind. che possono usufruire delle scorciatoie a discapito di precari e sotto-precari che si vedono sopravanzare da una ingiustificata mobilità.
Chi ha scelto di scegliere le scuole elementari non possono muoversi a loro piacimento.
Rimangono in GE, con il loro punteggio, poi quando nello scorrimento delle GE arriverà il loro turno NELLA CLASSE DI CONCORSO specifica allora legittimamente potranno cambiare.
nESSUNO TOCCHEREBBE I DIRITTI DI NESSUNO.
Ognuno deve saper aspettare il proprio turno.
avatar
tse
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 41
Età : 50
Località : grosseto
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3422
Data d'iscrizione : 14.07.08

http://www.orgoglioprecario.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da magenta il Gio Ago 14, 2008 7:30 pm

bene.
alle convocazioni per la primaria NON distribuirò il volantino.
buona continuazione cheers la lotta per la scuola pubblica nella mia provincia la farò con l'unicobas. ciao a tutti

stipendio insegnante di ruolo della scuola primaria: 24 h settimanali:
lordo anno: 18.490,63

stipendio insegnante precario scuola secondaria: 18 h settimanali
lordo anno: 20.068,42

magenta
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 8
Ordine scuola : primaria
Contributo al forum : 3383
Data d'iscrizione : 17.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Dario il Gio Ago 14, 2008 8:39 pm

magenta ha scritto:
stipendio insegnante precario scuola secondaria: 18 h settimanali
lordo anno: 20.068,42

seee... magari!
Questo vale solo per quei pochissimi che hanno il contratto che copre tutto l'anno scolastico.
avatar
Dario
Assiduo/a
Assiduo/a

Maschile Numero di messaggi : 72
Età : 46
Località : provincia di Roma
Ordine scuola : second. II gr.
Contributo al forum : 3411
Data d'iscrizione : 15.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da magenta il Gio Ago 14, 2008 9:38 pm

ovvero quelli in posizione utile per il ruolo ;-), quelli che secondo voi non prendono il posto a TI non perché lo stato nn assume tutti gli insegnanti di cui ha bisogno, ma perché un collega gli 'soffia' il posto.

nel frattempo da 7 anni per insegnare alle elementari è necessaria la laurea, mentre il contratto di inquadramento rimane quello per i diplomati.

non solo, mi spiace dirlo, ma ogni posto che si libera alle elementari è un posto in più per noi maestr*. o forse dovrei osteggiare a mia volta le insegnanti della scuola dell'infanzia che chiedono il trasferimento in una gara al ribasso? no. non sono così, non penso sia questa la strada per vedermi riconosciuti dei diritti. penso che questo sia il sistema per vedermeli ridurre sempre di più.

sono contraria a qualsiasi iniziativa che consideri un altro lavoratore un mio competitore, perché, per quel che mi riguarda, la mia unica (UNICA) controparte, in quanto lavoratrice dipendente, è il mio datore di lavoro, ovvero lo stato. per cui nelle mie lotte cerco compagni che la pensino come me.

....
Negli anni ’ssantadue ’ssantatré
Papà qualche speranza l’aveva
Diceva: “nuie putimmo cagnà
Insieme abbatteremo il sistema”
Guardiamo invece all’ultimo trend
La magica globalizzazione
Non solo simmo bestie fetenti
Ma simmo pure in via d’estinzione
Perché quando il compagno marx
Si portava ancora non male
Il nemico del popolo era
Il padrone ed il capitale,
Ma adesso che non va più
E lo stato sociale è finito
Il nemico del povero è
Il più povero e così all’infinito

Il più povero e così all’infinito
Il più povero e così all’infinito
Sono comunista totalmente fuori moda
Sono comunista che per questo non vi vota
Talmente fuori moda e talmente comunista
Che ballo il twist!
....
99 posse, Comuntwist

byez :flower:

magenta
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 8
Ordine scuola : primaria
Contributo al forum : 3383
Data d'iscrizione : 17.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Ospite il Gio Ago 14, 2008 11:12 pm

magenta ha scritto:bene.
alle convocazioni per la primaria NON distribuirò il volantino.
buona continuazione cheers la lotta per la scuola pubblica nella mia provincia la farò con l'unicobas. ciao a tutti

stipendio insegnante di ruolo della scuola primaria: 24 h settimanali:
lordo anno: 18.490,63

stipendio insegnante precario scuola secondaria: 18 h settimanali
lordo anno: 20.068,42

Gentile Magenta,

il volantino è solo una "traccia" comune, perchè all'incontro del 11 luglio, un incontro tra la grandissima parte, se non tutte, le associazioni di docenti precari, si decise di individuare alcuni punti comuni e produrre un volantino da distribuire alle convocazioni in maniera unitaria.
Il lavoro che è stato fatto ha preso spunto da tutte le proposte che sono state scritte qui, in questo forum, dove ci si è dati un metodo, quello della critica costruttiva, ed una data, il 10 agosto, per terminare il volantino.

E' possibile quindi che tu non abbia partecipato a tutta la discussione, e che qualche punto, come il quarto, il più controverso, sia rimasto a tuo parere troppo controverso. Vorrei solo farti notare che se tu provassi a leggere tutti gli interventi, dal primo della prima pagina, all'ultimo (lo so, ci vuole circa mezz'ora), troveresti uno spirito di unità, lo stesso che ci ha visti protagonisti gli scorsi 11 luglio ed il 23, al sit-in.

Ora non mi sembra che la tua posizione vada nella direzione dell'unità. Se non condividi quel punto hai due possibilità. prima di andare con i Cobas:
1) riscrivere quel punto, cercando di mediare gli interessi dei colleghi della scuola primaria, con i colleghi della scuola secondaria, e postarlo a noi, che anche fuori tempo massimo potremmo rivedere il volantino;
2) ricopiare il volantino, eliminando il quarto punto, che a te non piace, e stamparlo e distribuirlo.

Per favore, però, cerchiamo di essere costruttivi, che qui stiamo parlando del nostro futuro di lavoratori, e non stiamo facendo la gara a chi è più "comunista"...

Vorrei poi che considerassi quattro questioni, sulla mobilità:

1) la mobilità è un "ascensore" che va solo verso l'alto. Infatti non è consentito ai docenti della secondaria sprovvisti di abilitazione specifica, di transitare nella primaria;

2) l'età media dei docenti della scuola dell'infanzia e della scuola primaria è inferiore a quella dei colleghi della secondaria, come dimostrano i dati del Miur, che ti riporto direttamente dalla pagina 183 della Sintesi dei dati della Scuola italiana:
<<Nell’anno scolastico 2007/08 complessivamente l’età media è compresa tra i 49 e i 50 anni; sono i docenti della scuola secondaria di I grado ad avere, ancora una volta, l’età media più alta (51 anni), seguiti dai colleghi degli istituti superiori con un’età media inferiore di circa mezzo anno. Seguono poi i docenti della scuola dell’infanzia (con meno di 49 anni), e quelli della scuola primaria meno di 48 anni)>>.

(lo puoi scaricare cliccando qui:
http://www.pubblica.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/2008/allegati/sintesi_dati_scuola2007081_1.zip ).

3) contrariamente a quanto è avvenuto lo scorso anno, con le assunzioni decise dal centrosinistra, il recupero dei posti assegnati al personale già in ruolo avviene quest'anno nella classe di partenza, e non in quella d'arrivo. Comprendi bene come questo tipo di recupero avvantagi di gran lunga i colleghi dell'infanzia e della primaria, che si vedono "scorrere" più velocemente le proprie graduatorie, a discapito dei colleghi della secondaria, che magari lavorano in quel grado di scuola da 10, 15 anni, che sono costretti a vedersi "soffiare" la cattedra da chi, già di ruolo in altro ordine di scuola, non ha mai insegnato nella secondaria.

Ed infine, secondo me il punto più importante, riguardo la tua sensibilità:

4) vi è effettiva disparità di trattamento tra i docenti di ruolo della scuola dell'infanzia e della primaria che, vuoi per età anagrafica, vuoi per altre condizioni, non hanno potuto usufruire dei diversi canali abilitanti successivi (per esempio le SSIS), e chi invece è entrato in ruolo attraverso un qualsiasi canale a partire dal '99. Infatti per i primi l'unica possibilità di mobilità è quella prevista dal contratto nazionale, mentre per i secondi alla mobilità professionale garantita dalla contrattazione nazionale si va ad aggiungere la mobilità rappresentata dalle graduatorie ad esaurimento.

Nei fatti, quindi, difendendo il "diritto" dei colleghi dell'infanzia e della primaria a permanere nelle GaE malgrado il ruolo, si vanno ad intaccare i diritti di chi è entrato in ruolo prima del '99. La lotta tra poveri, come vedi, esiste già, ed è stata creata dallo Stato, non certo dalla "lobby" dei docenti della secondaria...

A questo occorre aggiungere il BLOCCO TOTALE della mobilità ad anni alterni, paventato dal disegno di legge Gelmini del 01/08/2008. Quello è il vero "nemico" dei colleghi dell'infanzia e della primaria, e contro quello dobbiamo lottare, tutti uniti!!!

La proposta di riportare la mobilità professionale dal 50% attuale al 20% previsto dalle legge 143/2004, quindi, lungi dall'essere "punitiva" nei confronti dei colleghi di ruolo dell'infanzia e della primaria, va proprio nella difesa dei loro diritti, oggi molto a rischio rispetto al progetto di legge Gelmini.

Spero che alla luce di queste riflessioni possa formarti una coscienza più larga della questione, ed aiutarti ad elaborare una proposta valida per conciliare tutti questi interessi (fermo restando che la proposta principale, lo sappiamo tutti, è quella dell'assunzione su tutti i posti disponibili).

Un abbraccio

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da magenta il Ven Ago 15, 2008 1:51 am

gialov ha scritto:
2) ricopiare il volantino, eliminando il quarto punto, che a te non piace, e stamparlo e distribuirlo.

ah. si può fare?


Per favore, però, cerchiamo di essere costruttivi, che qui stiamo parlando del nostro futuro di lavoratori, e non stiamo facendo la gara a chi è più "comunista"...

non faccio nessuna gara, esprimo quello che sento.
il mio avversario è lo stato che mi vuole tagliare.


Vorrei poi che considerassi quattro questioni, sulla mobilità:

1) la mobilità è un "ascensore" che va solo verso l'alto. Infatti non è consentito ai docenti della secondaria sprovvisti di abilitazione specifica, di transitare nella primaria;

ma quelli che transitano 'verso l'alto' - sono una materialona, lavoro per i soldi, altrimenti mi dedicherei allegramente ad altro - transitano fra le altre cose verso uno stipendio migliore. e l'abilitazione specifica l'hanno dovuta prendere. perché non l'inverso? per moltissime persone - me inclusa, io però non voglio transitare da nessuna parte perché mi interessa lavorare con i bambini - la laurea in SFP è la seconda, e l'età media degli iscritti è altina (abbondantemente sopra i 30, almeno dove mi sono bilaureata io). in effetti tra i miei colleghi di università molti mi hanno espresso l'intenzione di avvalersi dellla mobilità verticale (mal gliene incoglierà, perché non sarà più data loro la possibilità di ottenere l'abilitazione, se non aderendo al futuro nuovo reclutamento) e quindi il peso per prendersi una abilitazione specifica se lo sono sobbarcati.


2) l'età media dei docenti della scuola dell'infanzia e della scuola primaria è inferiore a quella dei colleghi della secondaria, come dimostrano i dati del Miur, che ti riporto direttamente dalla pagina 183 della Sintesi dei dati della Scuola italiana:
<<Nell’anno scolastico 2007/08 complessivamente l’età media è compresa tra i 49 e i 50 anni; sono i docenti della scuola secondaria di I grado ad avere, ancora una volta, l’età media più alta (51 anni), seguiti dai colleghi degli istituti superiori con un’età media inferiore di circa mezzo anno. Seguono poi i docenti della scuola dell’infanzia (con meno di 49 anni), e quelli della scuola primaria meno di 48 anni)>>.

(lo puoi scaricare cliccando qui:
http://www.pubblica.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/2008/allegati/sintesi_dati_scuola2007081_1.zip ).

certo perché, un tempo, si poteva iniziare ad insegnare nella scuola dell'infanzia e in quella primaria con il diploma. adesso è necessaria una laurea. oltre alle considerazioni espresse più sopra. poi è chiaro che in GE ci sono ancora i diplomati ante 2001, che potrebbero essere 'giovincelli'.


3) contrariamente a quanto è avvenuto lo scorso anno, con le assunzioni decise dal centrosinistra, il recupero dei posti assegnati al personale già in ruolo avviene quest'anno nella classe di partenza, e non in quella d'arrivo. Comprendi bene come questo tipo di recupero avvantagi di gran lunga i colleghi dell'infanzia e della primaria, che si vedono "scorrere" più velocemente le proprie graduatorie, a discapito dei colleghi della secondaria, che magari lavorano in quel grado di scuola da 10, 15 anni, che sono costretti a vedersi "soffiare" la cattedra da chi, già di ruolo in altro ordine di scuola, non ha mai insegnato nella secondaria.

questo, del recupero dei posti nella classe di partenza, non lo trovo giusto. e non lo capisco.


Ed infine, secondo me il punto più importante, riguardo la tua sensibilità:

il punto più importante per la mia sensibilità è che un insegnante della scuola sprimaria/infanzia guadagna più di 5 euro all'ora in meno rispetto ad un insegnante della scuola secondaria.
qualcuno ne fa anche una questione di 'prestigio sociale'. non è il mio caso


4) vi è effettiva disparità di trattamento tra i docenti di ruolo della scuola dell'infanzia e della primaria che, vuoi per età anagrafica, vuoi per altre condizioni, non hanno potuto usufruire dei diversi canali abilitanti successivi (per esempio le SSIS), e chi invece è entrato in ruolo attraverso un qualsiasi canale a partire dal '99. Infatti per i primi l'unica possibilità di mobilità è quella prevista dal contratto nazionale, mentre per i secondi alla mobilità professionale garantita dalla contrattazione nazionale si va ad aggiungere la mobilità rappresentata dalle graduatorie ad esaurimento.

Nei fatti, quindi, difendendo il "diritto" dei colleghi dell'infanzia e della primaria a permanere nelle GaE malgrado il ruolo, si vanno ad intaccare i diritti di chi è entrato in ruolo prima del '99. La lotta tra poveri, come vedi, esiste già, ed è stata creata dallo Stato, non certo dalla "lobby" dei docenti della secondaria...

scusa ma non ho ben capito.


A questo occorre aggiungere il BLOCCO TOTALE della mobilità ad anni alterni, paventato dal disegno di legge Gelmini del 01/08/2008. Quello è il vero "nemico" dei colleghi dell'infanzia e della primaria, e contro quello dobbiamo lottare, tutti uniti!!!

questo è terribile per tutti: se un 'esuberato' di ruolo non ha la possibilità di sfruttare la mobilità prima o poi perderà il lavoro.


La proposta di riportare la mobilità professionale dal 50% attuale al 20% previsto dalle legge 143/2004, quindi, lungi dall'essere "punitiva" nei confronti dei colleghi di ruolo dell'infanzia e della primaria, va proprio nella difesa dei loro diritti, oggi molto a rischio rispetto al progetto di legge Gelmini.

certo. il 20% è meglio di niente. però che dirti... chissà perché nei vari forum è pieno di persone della secondaria (di 1. e 2. grado) che, magari dopo aver avversato, da precari, la mobilità del personale di ruolo, si affannano a capire come sfruttarla a proprio vantaggio appena ottenuto il contratto a TI.. ;-)


Un abbraccio

ricambio

magenta
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 8
Ordine scuola : primaria
Contributo al forum : 3383
Data d'iscrizione : 17.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Ospite il Ven Ago 15, 2008 8:51 am

4) vi è effettiva disparità di trattamento tra i docenti di ruolo della scuola dell'infanzia e della primaria che, vuoi per età anagrafica, vuoi per altre condizioni, non hanno potuto usufruire dei diversi canali abilitanti successivi (per esempio le SSIS), e chi invece è entrato in ruolo attraverso un qualsiasi canale a partire dal '99. Infatti per i primi l'unica possibilità di mobilità è quella prevista dal contratto nazionale, mentre per i secondi alla mobilità professionale garantita dalla contrattazione nazionale si va ad aggiungere la mobilità rappresentata dalle graduatorie ad esaurimento.

Nei fatti, quindi, difendendo il "diritto" dei colleghi dell'infanzia e della primaria a permanere nelle GaE malgrado il ruolo, si vanno ad intaccare i diritti di chi è entrato in ruolo prima del '99. La lotta tra poveri, come vedi, esiste già, ed è stata creata dallo Stato, non certo dalla "lobby" dei docenti della secondaria...


scusa ma non ho ben capito.

Eppure è abbastanza semplice: tutti i colleghi che tu hai trovato in graduatoria quando ti sei inserita, non hanno avuto la possibilità di prendere ulteriori abilitazioni, sia perchè in passato si poteva accedere ai ruoli dell'infanzia e della primaria con il diploma, e quindi non era possibile iscriversi ai corsi abilitanti, sia perchè non si poteva chiedere a chi già di ruolo era già al lavoro, magari con una famiglia da mantenere, di lasciare tutto per frequentare una SSIS di due anni, il cui servizio non veniva neppure riconosciuto.
Resta il fatto che nella scuola dove tu insegni ci sono docenti di seria "A" e docenti di serie "B": tu sei di serie "A", perchè sei laureata, hai frequentato o hai potuto frequentare una ssis, ti sei abilitata in più classi di concorso su più gradi di scuola. Altri tuoi colleghi (meglio forse colleghe, viste le percentuali) sono lì ad ammuffire, passami il termine, e rimarranno in quel grado di istruzione sino alla loro pensione, senza neppure la speranza di poter passare di grado ed aumentare il proprio stipendio o quant'altro.

Difendi la permanenza dei colleghi di ruolo dell'infanzia e della primaria all'interno dele graduatorie?
Delle due l'una, quindi:
1) o chiedi CONTEMPORANEAMENTE una sanatoria, o un corso abilitante, o qualsiasi altro "trucco" che consenta il passaggio di cattedra anche a chi non possiede i requisiti di abilitazione necessari,
2) oppure sei complice tuo malgrado (dal momento che non è certo colpa tua) di una palese ingiustizia e violazione del principio di uguaglianza sancito dalla costituzione italiana. La semplice età anagrafica, come tu sai, non è requisito sufficiente a discriminare il principio di uguaglianza.

Spero di essere stato più chiaro, adesso. Quanto allo stipendio, che è la questione che più ti sta a cuore, a giudicare dai tuoi interventi, io sono d'accordo con te. A mio parere dovrebbe essere il contrario: pagare di più nei gradi di scuola più bassi, e meno nei gradi più alti. A mio parere, tra l'altro, un docente universitario dovrebbe guadagnare meno di me, che insegno alle medie...

Buon Ferragosto. Scusami, ma adesso vado al mare
:felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo:

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da magenta il Ven Ago 15, 2008 1:25 pm

gialov ha scritto:4) vi è effettiva disparità di trattamento tra i docenti di ruolo della scuola dell'infanzia e della primaria che, vuoi per età anagrafica, vuoi per altre condizioni, non hanno potuto usufruire dei diversi canali abilitanti successivi (per esempio le SSIS), e chi invece è entrato in ruolo attraverso un qualsiasi canale a partire dal '99. Infatti per i primi l'unica possibilità di mobilità è quella prevista dal contratto nazionale, mentre per i secondi alla mobilità professionale garantita dalla contrattazione nazionale si va ad aggiungere la mobilità rappresentata dalle graduatorie ad esaurimento.

Nei fatti, quindi, difendendo il "diritto" dei colleghi dell'infanzia e della primaria a permanere nelle GaE malgrado il ruolo, si vanno ad intaccare i diritti di chi è entrato in ruolo prima del '99. La lotta tra poveri, come vedi, esiste già, ed è stata creata dallo Stato, non certo dalla "lobby" dei docenti della secondaria...


scusa ma non ho ben capito.

Eppure è abbastanza semplice: tutti i colleghi che tu hai trovato in graduatoria quando ti sei inserita, non hanno avuto la possibilità di prendere ulteriori abilitazioni, sia perchè in passato si poteva accedere ai ruoli dell'infanzia e della primaria con il diploma, e quindi non era possibile iscriversi ai corsi abilitanti, sia perchè non si poteva chiedere a chi già di ruolo era già al lavoro, magari con una famiglia da mantenere, di lasciare tutto per frequentare una SSIS di due anni, il cui servizio non veniva neppure riconosciuto.

a me risulta esattamente l'inverso. chi si inseriva a scuola ante '99 col solo diploma poteva prendersi una laurea lavorando e accedere ai corsi abilitanti (o se ha fatto in tempo al concorso del '99).
chi si è inserito dopo, a meno che non avesse già un'abilitazione conseguita col concorso del '99 o non l'abbia conseguita grazie all'ultimo corso abilitante, avrebbe fatto fatica a lavorare e frequentare la ssis, tanto più che, dal 2001, per potersi inserire, sarebbe stato già impegnato a frequentare SFP (coi suoi obblighi di frequenza e tirocinio).

adesso tra l'altro non è più possibile per noi fare supplenze contemporaneamente in due ordini di scuola diversi (pur avendone titolo)

Resta il fatto che nella scuola dove tu insegni ci sono docenti di seria "A" e docenti di serie "B": tu sei di serie "A", perchè sei laureata, hai frequentato o hai potuto frequentare una ssis, ti sei abilitata in più classi di concorso su più gradi di scuola. Altri tuoi colleghi (meglio forse colleghe, viste le percentuali) sono lì ad ammuffire, passami il termine, e rimarranno in quel grado di istruzione sino alla loro pensione, senza neppure la speranza di poter passare di grado ed aumentare il proprio stipendio o quant'altro.

i docenti non sono 'di serie A' o 'di serie B' per questi motivi, a mio avviso. - io non posso accedere da nessuna parte fuorché nella primaria, e, per inciso, manco mi interessa.
insomma: secondo te per non discriminare chi, pur avendone avuto la possibilità in passato, non ha conseguito più abilitazioni, bisogna discriminare quelli che invece si sono arabattati e hanno fatto sacrifici per ottenerle. boh. non condivido affatto la tua impostazione.


Difendi la permanenza dei colleghi di ruolo dell'infanzia e della primaria all'interno dele graduatorie?
Delle due l'una, quindi:
1) o chiedi CONTEMPORANEAMENTE una sanatoria, o un corso abilitante, o qualsiasi altro "trucco" che consenta il passaggio di cattedra anche a chi non possiede i requisiti di abilitazione necessari,
2) oppure sei complice tuo malgrado (dal momento che non è certo colpa tua) di una palese ingiustizia e violazione del principio di uguaglianza sancito dalla costituzione italiana. La semplice età anagrafica, come tu sai, non è requisito sufficiente a discriminare il principio di uguaglianza.

eh no, né l'una né l'altra: questa è la tua visione, che io NON condivido. difendo chi ha i titoli per la mobilità perché se li è guadagnati a fatica. ma stiamo scherzando? questi titoli, ribadisco per l'ennesima volta, io non li ho.


Spero di essere stato più chiaro, adesso. Quanto allo stipendio, che è la questione che più ti sta a cuore, a giudicare dai tuoi interventi, io sono d'accordo con te. A mio parere dovrebbe essere il contrario: pagare di più nei gradi di scuola più bassi, e meno nei gradi più alti. A mio parere, tra l'altro, un docente universitario dovrebbe guadagnare meno di me, che insegno alle medie...

invece per quel che mi riguarda sono dell'idea che non ci dovrebbero essere differenze tra insegnanti: esiste anche una proposta di legge depositata in parlamento con 100.000 firme che lo richiede. ma rimarrà, tragicamente, lettera morta.


Buon Ferragosto. Scusami, ma adesso vado al mare
:felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo: :felicissimo:

Very Happy buon divertimento.
non potrò più rispondere almeno fino a lunedì. sii paziente Smile

magenta
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 8
Ordine scuola : primaria
Contributo al forum : 3383
Data d'iscrizione : 17.07.08

Tornare in alto Andare in basso

volantino comune per le convocazioni

Messaggio Da Stefano Micheletti il Ven Ago 15, 2008 6:24 pm

calma e gesso colleghi,

Stiamo facendo una fatica enorme per tenere assieme tutti ... dopo anni ed anni di politiche dell'Amministrazione volte alla divisione dei precari ... la parte più debole della categoria.
Adesso non ci mettermo pure a litigare tra precari delle elementari e quelli delle secondarie ... anch'io ho polemizzato sul punto 4 del volantino ... ma ritengo che se dovessimo ... e tra un po' credo che dovremmo arrivarci ... elaborare una piattaforma comune sarebbe giusto inserire max 20% dei posti riservati alla mobilità ... cosa tra l'altro prevista da una legge dello Stato ...

Il volantino nazionale ... cosa strordinaria dare un volantino unitario dappertutto ... ormai è chiuso.
Distribuiamo quello ...
noi a venezia sul retro ci metteremo la convocazione dell'assemblea del 1 settembre e un appello sullo straordinario fino a 24 ore ... che nel volantino nazionale non c'è ... ma distribuiamo tutti il volantino.
Certo nel volantino molte cose non ci sono ... anche la questione dei docenti non abilitati ... che i colleghi del Mida ponevano ... ma abbiamo iniziato un percorso comune l'11 luglio per cercare di ricomporre tutte le componenti del precariato scolastico ... un po' di pazienza.

c iao

stefano micheletti venezia
avatar
Stefano Micheletti
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 225
Località : Venezia
Ordine scuola : Secondaria II gr. (Liceo Artistico)
Organizzazione : Rete Organizzata Docenti e Ata precari del Veneto
Contributo al forum : 3573
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da tse il Ven Ago 15, 2008 6:58 pm

Rispondo in modo molto semplice e chiaro a Magenta:
hai scritto una enormità ma hai difeso solo la tua categoria ( che lavora) e non hai speso una parola a favore di quei precari che, anche a causa della mobilità , si ritoveranno senza ,ripeto, SENZA LAVORO, con famiglia da mantenere e con gli anni che superano gli ANTA.
Ripeto, anche a causa della mobilità, poi ci sono anche altre problematiche, ma io ti dico ,e come me altri colleghi che frequentano il sito di cui sono coordinatore ,sono stanchi di sapere che persone con la sicurezza del lavoro a tempo indeterminato possono anche avere la scappatoia o la scorciatoia della mobilità.
VISTO CHE COLORO CHE LAVORANO NELLE ELEMENTARI RIMANGONO UGUALMENTE NELLE GE, quando con lo scorrimento delle stesse ARRIVERA' IL LORO TURNO, SARà LORO DIRITTO SCEGLIERE SE RiMANERE O CAMBIARE GRADO DI SCUOLA.
PAR CONDICIO.
Dove sta il problema????

VOGLIAMO LAVORARE ANCHE NOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!

[u]
avatar
tse
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 41
Età : 50
Località : grosseto
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3422
Data d'iscrizione : 14.07.08

http://www.orgoglioprecario.it

Tornare in alto Andare in basso

volantino comune

Messaggio Da Stefano Micheletti il Ven Ago 15, 2008 8:05 pm

Teniamo presente che una cosa è la mobilità professionale, che è un diritto ed entro certe regole ... poniamo un limire del 20% per non danneggiare i precari, e un conto la flessibilità imposta.

Se si arriverà al maestro unico, come pare Tremonti e pure Bossi (esperti di scuola e pedagogia a quanto pare), ci saranno migliaia di docenti di ruolo della primaria in esubero, laureati e pure abilitati per le secondarie (e se non lo sono faranno un corsetto abilitante di qualche ora) ed è ovvio che li vorranno spostare alla secondaria. QUESTA E' FLESSIBILITA' COATTA CHE DANNEGGERA' LA SCUOLA ... la primaria innanzitutto perchè si ritornerà a vent'anni fa ... e pure la secondaria ...

Si sta preparando un terremoto nella scuola .,.. un dimagrimento complessivo del servizio ... che ci danneggerà tutti, precari, di ruolo, gli studenti, la società ...

DOBBIAMO FARCI LA GUERRA TRA DOCENTI DELLE MEDIE E DELLE ELEMENTARI?

DOBBIAMO STARE UNITI PER FAR RIMANGIARE AL GOVERNO I PROVVEDIMENTI INSERITI NELLA MANOVRA ECONOMICA ... POSSIAMO FARLO ABBIAMO UN ANNO SCOLASTICO INTERO DI LOTTA DAVANTI ... E NON SIAMO SOLO I PRECARI ... DOBBIAMO COINVOLGERE TUTTI!

STEFANO MICHELETTI VENEZIA
avatar
Stefano Micheletti
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 225
Località : Venezia
Ordine scuola : Secondaria II gr. (Liceo Artistico)
Organizzazione : Rete Organizzata Docenti e Ata precari del Veneto
Contributo al forum : 3573
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da manuel il Sab Ago 16, 2008 1:50 pm

"il punto più importante per la mia sensibilità è che un insegnante della scuola sprimaria/infanzia guadagna più di 5 euro all'ora in meno rispetto ad un insegnante della scuola secondaria.
qualcuno ne fa anche una questione di 'prestigio sociale'. non è il mio caso"

ti cito ancora quando dici che non consegnerai il volantino facendo notare che guadagni meno di chi insegna come precario...

l'ho letto più sopra

tra le tante polemiche sterili che vedo in giro la tua mi pare sia la peggiore e nel momento sbagliato
-fai quello che vuoi
io non sono così tenero come altri miei colleghi

leggi bene cosa ha scritto tse

ciao

-lo stato sta sfasciando la scuola
-ci ha messo gli uni contro gli altri per delle briciole
-sta pensando di rifare la costituzione: pdl e pd si stanno mettendo d'accordo (leggi cosa dice Bassanini sul Manifesto di qualche giorno fa)
-la scuola torna indietro di molti anni con il maestro unico
-l'obbligo di istruzione è stato riportato a 14 anni: bel modo per dire che dopo i 14 anni si può andare a lavorare
-i tagli al personale potranno alzare lo stipendio a chi rimane e chi rimane esulterà
-i docenti li fanno passare per fannulloni
-i giornali e la telvisione non parlano dei 170mila tagli alla scuola: se la FIAT dicesse che ha altrettanti esuberi apriti cielo
-i sindacati non ci cagano (sono affiliati alla loggia di veltroni)
-i giornali stanno creando un vuoto di informazione attorno alla figura dell'insegnante: ve ne siete accorti? NOI NON ESISTIAMO!
-il pd ci caga solo per biechi motivi elettorali: SAREBBE IL CASO DI VOLANTINARE DI FRONTE ALLE LORO SEDI
LO SLOGAN DOVREBBE ESSERE QUESTO: "MANIFESTARE IL DISSENSO IN TEMPO PER DIFENDERE CHI STA PEGGIO, NON AD OTTOBRE... QUANDO I BUOI SONO FUGGITI! CON CHI STATE?"
-la pdl ci vuole far sparire perchè una scuola con tanti professori è una scuola che istruisce e la televisione di mister B vuole un'Italia di consumatori
-ultimamente ho sentito Bersani dire che gli italiani sono messi male perchè non possono consumare! questo signore dovrebbe fare opposizione? il pd, che rappresenta, dovrebbe fare opposizione così?
IO PENSO CHE QUESTA CATASTROFE SIA PAZZESCA, COME POSSIAMO FERMARLA! DOBBIAMO TENTARLE TUTTE E SAPERE BENE CHE NON CI STA CAGANDO QUASI NESSUNO
avatar
manuel
Esperto/a
Esperto/a

Maschile Numero di messaggi : 1419
Età : 56
Località : Venezia - Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 4942
Data d'iscrizione : 14.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Don Quijote il Sab Ago 16, 2008 2:52 pm

Si sta preparando un terremoto nella scuola ... un dimagrimento complessivo del servizio ... che ci danneggerà tutti, precari, di ruolo, gli studenti, la società ...

DOBBIAMO FARCI LA GUERRA TRA DOCENTI DELLE MEDIE E DELLE ELEMENTARI?

DOBBIAMO STARE UNITI PER FAR RIMANGIARE AL GOVERNO I PROVVEDIMENTI INSERITI NELLA MANOVRA ECONOMICA ... POSSIAMO FARLO ABBIAMO UN ANNO SCOLASTICO INTERO DI LOTTA DAVANTI ... E NON SIAMO SOLO I PRECARI ... DOBBIAMO COINVOLGERE TUTTI!

STEFANO MICHELETTI VENEZIA

La tua posizione mi sembra senz'altro la più saggia.
Noi italiani, con la nostra smania di curarci ben bene l'orticello e solo quello, perdiamo di vista la globalità del problema e così disperdiamo le nostre energie, rendendole improduttive e inefficaci.
Adesso più che mai, non dobbiamo allontanarci dall'obiettivo comune che è quello primario del diritto al lavoro per tutti, e muoverci in questa direzione, mettendo da parte i nostri particolari interessi.
In questo senso, dovremo prendere esempio dai francesi. Ricordate le rivolte degli studenti nel marzo del 2006? (:iocero: ho visto le barricate di fronte alla Sorbona e, vi assicuro, non le dimenticherò mai). Dopo solo qualche settimana di seria e convinta protesta da parte dei manifestanti, il governo è dovuto ritornare sui suoi passi.
È bene che ci interroghiamo sul perché la nostra protesta :protesta: , alla resa dei conti, ottiene sempre risultati scarsi o nulli e trovare delle soluzioni comuni in grado di far fronte al problema.

Altrimenti, davvero, non andiamo da nessuna parte. E anche il nostro piccolo, ma ben curato orticello :flower: , ne soffrirà.

Francesca Serraglio
avatar
Don Quijote
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 1
Località : Mestre
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3360
Data d'iscrizione : 09.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da el il Sab Ago 16, 2008 4:43 pm

:applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso:

el
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 7
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3367
Data d'iscrizione : 02.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da tse il Sab Ago 16, 2008 10:47 pm

Nessuno vuole fare la guerra, ma c'è un problema sociale che sta avanzando prepotentemente.
Qui si sta parlando di insegnanti a tempo indeterminato che, USANDO UNA SCORcIaTOIA, vanno al posto di persone che non hanno la certezza di lavorare.
Io questo socialmente non lo acceto.
Ognuno aspetti il suo turno.
E' come se un maresciallo dell'Aeronautica un giorno uscisse fuori stabilendo di voler fare il maresciallo della Marina.
Oppure
Un impiegato dell'Ufficio Entrate volesse volesse fare uno spostamento verso un ugual ruolo nella Guardia di Finanza
ecc..
potrei fare infiniti esempi.
SOLO NELLA SCUOLA PUO' SUCCEDERE QUESTO.
PORTO UN ESEMPIO ASSURDO MA CHE POTREBBE SUCCEDERE REALMENTE:
Un abilitato ITP di ruolo, POSSIEDE ANCHE UNA laurea in lingue straniere ed è anche abilitato ma non ha mai insegnato lingue.
Chiede il passaggio in ruolo su Lingue Straniere e passa così avanti ad almeno 40 persone!!!
ALLORA???????
Chi mi dice che è giusto deve anche portare delle motivazioni più che valide.
Questo esempio lo si può tranquillamente eseguire sia tra classi di concorso che tra gradi di scuola.


STOP ALLE SCORCIATOIE.
OGNUNO ASPETTI IL SUO TURNO

VOGLIAMO LAVORARE ANCHE NOI.
avatar
tse
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 41
Età : 50
Località : grosseto
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3422
Data d'iscrizione : 14.07.08

http://www.orgoglioprecario.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da lucy il Dom Ago 17, 2008 10:20 am

Altro esempio : insegno lettere e latino in un liceo scientifico, posto che viene occupata da una che proviene dalla scuola dell'infanzia. Il primo giorno di scuola, mi chiama e mi chiede che cosa doveva dire durante la lezione di Dante e la divinina commedia, che lei non sapeva da che parte cominciare. Avrei dovuto prepararle le lezioni, ma lei era di ruolo, io 5 anni che insegnavo latino.
Esempio di ieri l'altro : una parente acquisita, insegnante di ruolo della scuola elementare a Milano, 30 anni di insegnamento nella scuola elementare, le mancano 3/4 anni per andare in pensione, laureata anni e anni fa anche in lingue, mai insegnato la materia, ha fatto la domanda per insegnare lingue alle superiori " così può andare in pensione con uno stipendio più alto".
Le faccio notare che così docenti che hanno più esperienza di lei non potranno entrare di ruolo, risposta " mi dispiace, ma sono fatti loro, e poi non sanno niente " Le faccio notare che non ha esperienza di scuole medie e superiori, risposta : " io me la caverò benessimo, non c'è differenza tra di loro : alle medie sono come nella scuola elementare, e alle superiori da un paio d'anni faccio ripetizioni private e mi hanno detto che sono bravissima e che loro capiscono tutto meglio. Figurati che razza di insegnati hanno, io non sono peggio di loro, .... anzi sono più brava.... "

Servono commenti .....?????

Lucy Lucia

Evil or Very Mad
avatar
lucy
Assiduo/a
Assiduo/a

Numero di messaggi : 87
Località : UDINE
Ordine scuola : Secondaria II gr.
Contributo al forum : 3460
Data d'iscrizione : 16.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da tse il Dom Ago 17, 2008 10:48 am

Anzi...
aggiungo...
aspetto commenti dai fautori della mobilità
avatar
tse
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 41
Età : 50
Località : grosseto
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3422
Data d'iscrizione : 14.07.08

http://www.orgoglioprecario.it

Tornare in alto Andare in basso

Bossi e l'abolizione delle medie inferiori.

Messaggio Da tina coppola il Dom Ago 17, 2008 3:02 pm

problema risolto!
Bossi ha trovato un modo per impedire in maniera definitiva la mobilità verso le medie inferiori:
http://www.clandestinoweb.com/number-news/16/08/2008/bossi-spiega-la-storia-del-dito-e-la-lega-non-vuole-la-scuola-2.html .

propongo di uscire con un comunicato stampa a nome della RETE, nel quale venga dichiarato che i docenti precari si ritengono INSULTATI da chi con tanta leggerezza e incompetenza propone alle piazze riforme del sistema scolastico. vorrei fare pressione sui sindacati perchè difendano con vigore l'intera categoria dagli inaccettabili "apprezzamenti" di questi politici.
che ne dite?
avatar
tina coppola
Esperto/a
Esperto/a

Numero di messaggi : 200
Località : Roma e dintorni
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3382
Data d'iscrizione : 20.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Dario il Dom Ago 17, 2008 4:20 pm

Pienamente d'accordo con Tina.

Per quanto riguarda il volantino, ribadisco la necessità di pochi punti condivisi e mi sembra che il testo attuale vada nella direzione giusta. Forse si poteva fare meglio, ma non possiamo stare a parlarne fino a Natale, perché le convocazioni sono imminenti.

Per i particolarismi, come già accennato, si può utilizzare il retro del volantino, ovviamente evitando di cadere in contraddizione con il testo della Rete. I colleghi "insegnanti con l'alluce valgo che insegnano nelle scuole di palude infestate da coccodrilli misantropi" avranno delle esigenze peculiari, ma verosimilmente saranno iscritti all'associazione "insegnanti con l'alluce valgo che insegnano nelle scuole di palude infestate da coccodrilli misantropi", che redigerà un testo ad hoc da inserire nel retro del volantino nazionale. E questa è cosa buona e giusta, perché i tagli alla scuola credo che interessino anche agli "insegnanti con l'alluce valgo che insegnano nelle scuole di palude infestate da coccodrilli misantropi", mentre agli "insegnanti con le emorroidi che insegnano nelle scuole di brughiera infestate da ectoplasmi depressi con attacchi di panico" dei coccodrilli misantropi non glie ne po' fregà di meno.

Se poi gli "insegnanti con l'alluce valgo che insegnano nelle scuole di palude infestate da coccodrilli misantropi" non sono associati, sono poco presenti e non muovono il sedere, chi è che gli deve cavare le castagne dal fuoco? Non certo la Rete Nazionale.

"IL MONDO NON VI PIACE? ARRUOLATEVI!"
avatar
Dario
Assiduo/a
Assiduo/a

Maschile Numero di messaggi : 72
Età : 46
Località : provincia di Roma
Ordine scuola : second. II gr.
Contributo al forum : 3411
Data d'iscrizione : 15.07.08

Tornare in alto Andare in basso

mobilita' professionale e graduatorie

Messaggio Da schellinGAB il Dom Ago 17, 2008 5:30 pm

Quando la casa brucia non ci si puo' preoccupare di innaffiare i gerani: fuor di metafora, il diritto al trasferimento e' sacrosanto, ma in un contesto normale, non in un sistema in cui il precariato e' strutturale e conta 200 mila unita', che si vedranno sottratte 100 mila assunzioni in ruolo; per garantire il diritto al trasferimento o al passaggio di cattedra bastava la vecchia quota del 20 per cento. Cerchiamo di non essere ingenui: l'aumento della quota di trasferimenti e' strategica alla nostra espulsione dalla scuola; oggi si fronteggia l'emergenza di posti nella scuola secondaria con i trasferimenti dalla primaria, dove ci sono tre maestri per classe, e poi domani si avviera' un nuovo sistema di reclutamento; come si sul dire, due piccioni con una fava: riportare il numero dei maestri a uno e tagliare cattedre alla secondaria, usando i maestri gia' assunti, magari riqualificati con gli immor(t)ali corsi abilitanti. Ma, al di la' di tutto, c'e' anche una considerazione elementare da fare: un maestro che chiede il trasferimento su una graduatoria di lettere o di filosofia, con tutto il rispetto, avendo insegnato per una vita altro, che garanzia di qualita' puo' offrire? Idem per un insegnante di filosofia su una graduatoria di lettere e viceversa. Basta con questa balla demagogica e corporativa che tutti possono insegnare tutto: non ci si improvvisa insegnanti, rabberciando lezioni sui manuali dopo una vita lavorativa impiegata a fare altro. L'insegnamento e' una cosa seria.
Il volantino va quindi benissimo cosi' com'e': e' chiaro senza essere banalizzante, esauriente senza essere pedante.
Gab
avatar
schellinGAB
Novizio/a
Novizio/a

Maschile Numero di messaggi : 45
Età : 105
Località : Tübingen
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3362
Data d'iscrizione : 07.08.08

Tornare in alto Andare in basso

Bossi e le medie inferiori

Messaggio Da emanuela.cioccari il Dom Ago 17, 2008 6:34 pm

Niente di nuovo era la proposta del centro sinistra prima dell'era Moratti. Questo mi fa solo pensare che tra sinistra e destra non ci sia più (ormai) nessuna differenza e faranno della scuola quello che gli pare. Chi è entrato di ruolo potra forse restarci, ma noi se non lottiamo ( e purtroppo siamo pochini) siamo fuori.
Ciao Emanuela

emanuela.cioccari
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 14
Ordine scuola : ancora da inserire
Contributo al forum : 3368
Data d'iscrizione : 01.08.08

Tornare in alto Andare in basso

bossi e le medie inferiori

Messaggio Da tina coppola il Dom Ago 17, 2008 8:11 pm

mi sono andata a riguardare la proposta di riforma Berlinguer-De Mauro: tre anni di scuola dell'infanzia, sette di scuola di base, cinque di secondaria e obbligo a quindici anni.
la proposta della Lega mi sembra essere differente: tre anni di scuola dell'infanzia, più cinque di elementari, sei di superiori (divise in due cicli) e obbligo a quattordici anni.
sbaglio?...

relativamente al dito medio, Bossi è stato chiaro (cito da La Repubblica): "Non disperare cara Paola - afferma muovendo la mano rivolgendosi alla parlamentare veneta Paola Goisis che si occupa di riforma di scuola - ce l'abbiamo ancora".
avatar
tina coppola
Esperto/a
Esperto/a

Numero di messaggi : 200
Località : Roma e dintorni
Ordine scuola : ancora da inserire
Organizzazione : Nessuna
Contributo al forum : 3382
Data d'iscrizione : 20.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da magenta il Lun Ago 18, 2008 2:25 am

manuel ha scritto:"il punto più importante per la mia sensibilità è che un insegnante della scuola sprimaria/infanzia guadagna più di 5 euro all'ora in meno rispetto ad un insegnante della scuola secondaria.
qualcuno ne fa anche una questione di 'prestigio sociale'. non è il mio caso"

ti cito ancora quando dici che non consegnerai il volantino facendo notare che guadagni meno di chi insegna come precario...

l'ho letto più sopra

tra le tante polemiche sterili che vedo in giro la tua mi pare sia la peggiore e nel momento sbagliato
-fai quello che vuoi
io non sono così tenero come altri miei colleghi

e che c'è da essere teneri?
neanch'io lo sono. non mi sevre "leggere bene" quello che ha scritto tse. come se, per forza di cose, condividendo le sue affermazioni, debba condividere le strategie che si profilano.

mi ripeto: sono contraria a qualsiasi iniziativa che consideri un altro lavoratore un mio competitore, perché, per quel che mi riguarda, la mia unica (UNICA) controparte, in quanto lavoratrice dipendente, è il mio datore di lavoro, ovvero lo stato. e non altri lavoratori (questo invece ti era sfuggito).
alle convocazioni (a cui mi presento da superprecaria) andrò a distribuire materiali di realtà in cui evidentemente mi riconosco di più che denunciano il progetto che dissolve la scuola pubblica senza mettere in competizione i lavoratori fra di loro. che non rivendichino diritti per sottrazione di diritti.
se questa per voi è una polemica sterile.. chiudo qui. mica è un problema.
ciao

magenta
Novizio/a
Novizio/a

Numero di messaggi : 8
Ordine scuola : primaria
Contributo al forum : 3383
Data d'iscrizione : 17.07.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Ospite il Lun Ago 18, 2008 9:09 am

Questa discussione si è trasformata nell'esempio negativo di come si dovrebbe ragionare tra noi docenti.

Vista la lontananza delle ripsettive posizioni, la chiudo qui.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Mobilità professionale e Graduatorie (punto 4 del volantino)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum